CHIAMACI +39 333 8864490

Con Verdi si riscopre il Teatro La Scala

In occasione delle celebrazioni del bicentenario dalla nascita di Giuseppe Verdi e della serie di eventi, mostre e manifestazioni dedicate al noto compositore e al suo rapporto di elezione con la città di Milano, Nerospinto ha il piacere di segnalare l'iniziativa che vede la riscoperta del Museo Teatrale  della Scala di Milano. Una storia appassionante quella della fondazione di questo Museo, un'avventura straordinaria segnata da numerose testimonianze del rapporto proficuo con Verdi e la sua musica.

L'itinerario di questi percorsi culturali si ispira ai due volumi "Giuseppe Verdi e Milano" e " La Scala si racconta" di Luigi Inzaghi, pubblicati da Meravigli-Milano Expo.

Giuseppe Verdi scelse infatti la città di Milano come città dei suoi studi, dei suoi debutti e, al termine di una vita intensa, proprio a Milano si spense. Arrivato nel 1832 visse in diverse zone della città, in Via San Pietro All'Orto, poi in Corsia dei Servi, in Via Andegari. Nel 1844 abbandonò la città per tornarvi nel 1869, proprio per allestire al Teatro La Scala "La forza del destino", alloggiando per la prima volta al Grand Hotel, che divenne il suo preferito. Alla Scala Verdi rappresentò in prima assoluta "Oberto conte di S. Bonifacio", "Un giorno di regno", "Nabucco", "I Lombardi alla prima Crociata", "Giovanna D'Arco", "La forza del destino", "Simon Boccanegra II", "Don Carlo II", "Otello e Falstaff". La sua musica, dalle atmosfere alte e romantiche, fu da stimolo durante il Risorgimento per la libertà e l'unità del Paese. Nel 1874 la Chiesa di San Marco risuonò della sua incantevole "Messa da Requiem" dedicata al Manzoni, stupendo e affascinando chi ebbe modo di ascoltarla.

Per quanto riguarda il viaggio alla riscoperta del Teatro La Scala e di altri teatri lirici della città, si tratta di un'iniziativa interessante e straordinaria, che rintraccia percorsi segnati da documentazioni, curiosità, aneddoti divertenti, per approfondire l'esperienza lirica in Italia, dove necessariamente bisogna partire da Milano, città del Melodramma. Attorno alla Scala aleggiano tutt'ora figure celebri come Tamagno Caruso, Gigli e la Callas. Rossini debuttò proprio alla Scala con "Pietra del paragone". Donizetti in "Chiara e Serafina", Bellini nella "Norma", Paganini nelle "Streghe", Puccini nella "Madama Butterfly", Verdi nel "Nabucco", la storia di questo Teatro riassume ed illustra quella di una nazione intera e del teatro lirico italiano.

L'autore di questi volumi, la voce narrante che accompagna il lettore e diviene ispirazione per questi percorsi milanesi dedicati a Verdi e alla Scala è Luigi Inzaghi (Pavia, 1943), musicologo e giornalista, insegnante di lettere a Milano dal 1970, ha collaborato con il Corriere della Sera e scritto di musicisti e cantanti noti. Ha diretto La Martinella di Milano, dedicato alla storia della città, e pubblicato una serie di libri di canzoni popolari e meneghine.

 

Le date in cui poter vivere questa interessante e coinvolgente esperienza sono:

- Sabato 11 gennaio: ore 10.30

- Domenica 19 gennaio: ore 15.30

- Sabato 25 gennaio 15:30

Ritrovo 15 minuti prima, sotto il portico del Museo Teatrale della Scala, in Largo Ghiringhelli 1, Piazza Scala, Milano.

Costo: 5 euro + il biglietto di ingresso al Museo

Durata: massimo 90 minuti

Prenotazione obbligatoria almeno 2 giorni prima dalla data scelta

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sms: +39 3336377831

I volumi: "Giuseppe Verdi e Milano" (12 euro) e "La Scala si racconta"(10 euro) potranno essere acquistati con uno sconto del 15% durante il tour. 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.