CHIAMACI +39 333 8864490

Il Ciclo Musica al Festival Mediterraneo della Laicità di Pescara

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comincia oggi il Ciclo Musica nell'ambito del Festival Mediterraneo della Laicità.

 

L'appuntamento è alle 17,30 nella splendida cornice rinascimentale di Palazzo Corvo in Corso Matteotti ad Ortona dove, in collaborazione con l'Istituto Nazionale Tostiano, Francesco Sanvitale e Gianfranco Miscia modereranno l'incontro con il pubblico il cui leit-motiv sarà “ F.P. Tosti e il Cenacolo Michettiano ” .

 

A seguire impreziosirà questo primo incontro del Ciclo Musica il recital di Romanze tostiane con il soprano Valentina Paolini e il pianista Roberto Rupo.

 

Il secondo incontro è invece previsto il 26 ottobre, sempre alle ore 17,30, a Pescara nella Chiesa Metodista sita in via Latina e sarà l'occasione per lasciarsi guidare in un viaggio straordinario attraverso l'ascolto di “ J. S. Bach: tra sacro e profano ” con il violino di Matteo Freno e il violoncello di Alan Di Liberatore.

 

Due eccezionali incontri che ben esprimono le idee e gli obiettivi che costituiscono l'ossatura del Festival Mediterraneo della Laicità, il quale risponde ad una necessaria esigenza di dilatare la propria proposta e differenziarla soprattutto in virtù di un crescente numero di nuovi cittadini italiani e dei giovani che si inseriscono in una moderna realtà mediterranea.

 

Questa identità multiculturale si trova a dover fronteggiare una società ormai troppo spesso ripegata su se stessa, in bilico tra il superfluo e l'indifferenza, che può essere informata e formata solo attraverso l'ascolto della moltitudine di codici espressivi che la compongono e che devono tendere al dialogo.

 

È quindi doverosa una maggior presa di coscienza dell'importanza che la connessione tra le individualità in gioco assume all'interno di tale contesto, la cui logica conseguenza diventa quella di sviluppare un senso collettivo della cultura della laicità.

 

La pluralità dei linguaggi a cui il Festival Mediterraneo della Laicità si propone di dar voce abbraccia anche la musica ed è per questo che il Ciclo Musica è stato fortemente voluto dagli organizzatori che hanno scelto come punto di partenza la considerazione del teorico dell'assolutismo Thomas Hobbes, “la musica è «arte da abolire come fonte di liberazione e libertà» e per questo «pericolosa per lo Stato» alla quale Giulio Giorello, professore ordinario di Filosofia della scienza all'Università degli Studi di Milano, aggiunge che proprio per questo “dovrebbe avere un ruolo centrale nella formazione delle giovani menti".

 

Dopo l'appassionante dibattito Dalla parte dell'artista, con Daniela Pietranico e Gino Sabatini Odoardi, esordio del Ciclo Arte - che proseguirà nei pomeriggi di mercoledì 8 e lunedì 13 ottobre con Giovanbattista Benedicenti e Simone Ciglia presso la Sala Tosti dell'Aurum a Pescara – un nuovo importante e coinvolgente appuntamento per discutere e lavorare insieme sul significato della laicità oggi e su quale ruolo gioca in essa quella che John Dryden, esponente della cultura inglese del seicento, definiva “poesia inarticolata”: la musica.

 

Info:

www.itinerarilaici.it

https://www.facebook.com/events/729107020495000/

Facebook

https://www.facebook.com/pages/Festival-Mediterraneo-della-Laicità/281980455160623

 

 

 

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.