CHIAMACI +39 333 8864490

|||

We love Japan & Sushi

Siete dei veri cultori del sushi o osate definirvi esperti conoscitori di questo eccezionale piatto nipponico? Allora non rimarrete stupefatti se noi di Nerospinto, a cui piace indagare su ció che amiamo svelandone i segreti, vi dicessimo che in realtà è una tradizione culinaria nata non in Giappone bensí in Cina. Neppure se vi raccontassimo che la parola sushi etimologicamente non si riferisce alla comune combinazione riso pesce ma solamente al riso fatto bollire con il classico aceto di riso o che mangiare con le mani in realtà non sia peccato …

[ABOUT HISTORY]

Ma andiamo per ordine e cerchiamo di fare un po’ di chiarezza iniziando dalle misteriose origini di questa elegante e raffinata pietanza. Anche se il sushi è più comunemente legato al patrimonio culinario giapponese, i suoi albori ci portano invece nella Cina del 7 ° secolo. A quel tempo il pesce doveva essere preservato  secondo un valido metodo di conservazione e uno fra i pochi possibili per i mezzi dell’epoca era la fermentazione. Il pesce crudo veniva perció pulito e tagliato a filetti, pressato fra strati di sale e delle speciali pietre poi ricoperte da un panno e infine conservato per un paio di mesi. Nel corso del tempo si è poi cominciato ad arrotolarlo nel riso imbevuto di aceto accorciando in questo modo i tempi di fermentazione da mesi a giorni al termine dei quali il riso veniva gettato e il pesce era pronto per essere mangiato. Solo in seguito, a causa della siccità e della scarsità di cibo, la gente cominciò a consumarlo insieme al riso di conservazione dando vita al mama-nare zushi ancora ben lontano dal sushi come lo conosciamo oggi.La versione che piú si avvicina all’attuale è infatti quella che risale al 1820 quando un uomo di nome Hanaya Yohei di Edo, l’odierna Tōkyō, approfittando della più moderna fermentazione veloce che prevedeva l'aggiunta di aceto e sale al riso cucinato e lasciato riposare per qualche minuto, nella sua bancarella ha iniziato a servirlo accompagnato da delle sottili fettine di pesce crudo appena pescato dando vita ad un vero e proprio business culinario. Il "fast food" sushi di Yahei è infatti diventato un successo frequentato da un flusso costante di clienti che andavano e venivano attraverso il fiume Sumida  facendo del Nigiri un nuovo standard apprezzatissimo della cucina giapponese. La sua storia ha attraversato secoli di tradizione orientale e la sua preparazione si è evoluta nel tempo fino ad arrivare a conquistare anche i palati occidentali: sarebbe stato difficile per un sushi maker conservatore creare tutti i vari tipi di sushi che conosciamo e che sono frutto della recente versione occidentalizzata come i gustosissimi california rolls o tempura rolls impensabili ai tempi di Yohei.

Questa genuina prelibatezza che non ha nulla a che invidiare alla tradizionale cucina mediterranea, porta con sé non solo il gusto del Sol Levante ma anche gli usi a tavola dei giapponesi che sono molto diversi se non opposti rispetto ai nostri: alcuni potrebbero addirittura risultare di cattivo gusto. Per questo Nerospinto invita i veri amatori del sushi a scoprire qualche accorgimento essenziale in stile giapponese..

[ABOUT ETIQUETTE]

Innanzitutto non vi sentiate persone scortesi ad usare oltre alle bacchette, che non andranno mai conficcate nel cibo, anche le mani: i commensali esperti di tradizione culinaria giapponese non storceranno di certo il naso di fronte a questa pratica "insolita’". Nemmeno se iniziaste a consumare zuppe, tè caldo e noodles in maniera rumorosa, è infatti un’usanza comune in Giappone che indica apprezzamento del cibo oltre che un valido metodo per raffreddarlo. Nel servirsi dai piatti da condividere bisogna usare le proprie hashi, ovvero le bacchette, ma girandole in modo da utilizzare le estremità “pulite”, quelle che non si portano alla bocca. La soia deve sempre essere versata in un piattino a parte e utilizzata per immergere il pesce e non il riso, questo significa ribaltare il vostro roll a testa in giù così come dovrebbe entrare nella vostra bocca, ovvero con il pesce che deve essere il primo a raggiungere le vostre papille gustative. Nei ristoranti di alta qualità lo chef riporrà nel vostro piatto quella che crede sia la giusta quantità di wasabi per la porzione ordinata, applicarne di più non solo altera il gusto del pesce, ma potrebbe essere visto come un insulto così come lasciare cibo nel piatto. Piatti, tazze, scodelle per le zuppe e bicchieri per il sake non dovrebbero mai essere riempiti fino all’estremità, è considerata cattiva educazione e non stupitevi se si presentano in tavola con forme e colori differenti poiché usare un solo servizio di piatti, cosa che per noi potrebbe risultare elegante, non è la consuetudine e senza dubbio fa del sushi un piacere oltre che per il palato anche per gli occhi. Mai porgere ai commensali il cibo con le bacchette ma solo passando il piatto, cosa che dovrete fare usando entrambe le mani. In Giappone infatti amano condividere sia il sushi che le bevande, ma ricordate di servire da bere prima agli altri che poi sicuramente ricambieranno il gesto. Un bicchiere vuoto vuol dire che si gradirebbe un’altro drink, se non si desidera altro mai lasciarlo vuoto.

[ABOUT RESTAURANTS]

Ora che conoscete l’etiquette della cucina giapponese, vi invitiamo a gustarne le prelibatezze seguendo i nostri consigli. Nerospinto ha per questo scovato per voi due veri angoli di Giappone anche a Milano.Il primo per un pasto da consumare "in fretta", ma che non vuole rinunciare all’eccellente qualità è Poporoya, un must del sushi in via Eustachi 17, un luogo piccolo ma accogliente che ricorda molto la formula del classico fast food giapponese. Non accetta prenotazioni e alle volte la fila sembra essere interminabile soprattutto se ci si torna per la seconda volta e si ha ben in mente la lussuria del cibo che si andrà ad assaporare. Ma senza dubbio ne vale l’attesa, vi innamorerete dei suoi piatti, forse i più gustosi che possiate mai assaggiare a Milano. Se invece siete alla ricerca di un ristorante che oltre alla qualità punta ad un’ambiente più rilassato e meno ‘’rustico’’, Kanji in via Fabio Filzi 10, ripropone la magia del Sol Levante sia nei piatti che nell’atmosfera gradevolmente suggestiva, un luogo esclusivo dove potrete gustare le migliori specialità nipponiche che stimolano il vostro palato, i sensi e la mente. Godetevi il vostro sushi accompagnandolo a dell’ottimo vino bianco..

"Kampei!"

Alessandra Sporta Caputi

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.