CHIAMACI +39 333 8864490

Mike Skinner Dj @Le Cannibale

Mike Skinner era il leader dei The Street, band che tutti ricordiamo con affetto e un pizzico di nostalgia, adesso mette dischi nei locali. Detto così sembra una brutta cosa, sì, perché quando si parla di un "vero musicista" che si mette dietro i piatti a troppi viene da storcere il naso. Una reazione facilona, piena di pregiudizi e poca cultura. Per fortuna questo magazine non parla a quel tipo di persone e potrei tranquillamente scrivere dei podcast rilasciati da Skinner, gli Skinnimix, che a parte il nome non hanno nulla da invidiare a qualsiasi altro mixtape degno di questo nome, ma mi piacerebbe, invece, fare un piccolo passo indietro e capire cosa è successo dallo scioglimento dei The Streets per provare a rendere meno traumatico il suo passaggio dal grime, hip hop underground, UK garage e blablabla, ai suoi dj set che spaziano dall'house alla drum'n bass.

 

Come ci svela in un'intervista per The Guardian, dieci anni di The Street, dieci anni in cui ha provato a fare qualcosa di diverso per ogni album, hanno semplicemente esaurito le sue prospettive, quindi, dopo il quinto album, ha sciolto il gruppo che gli ha permesso di esplorare la sua creatività e farsi amare (e odiare) dal pubblico, per un altro tipo di progetto. Mike voleva fare il produttore. Così inizia l'avventura con il cantante e chitarrista dei The Music, Rob Harvey: The D.O.T. Un duo in bilico tra la "traditional band" (con Rob alla chitarra) e "a dance thing" (con Mike alle tastiere, campionatori, looper, etc) che ha già sfornato due album promettenti, forse non apprezzati da tutti, ma sicuramente autentici e a tratti emozionanti.

 

Grazie a questo passo intermedio sembra più semplice accettare un capo dell'underground targato UK a mettere dischi sui palchi di mezza europa. Così grazie ai suoi podcast, gli Skinnimix appunto, si è ritagliato una fetta di pubblico online, molto fiducioso anche delle potenzialità di piattaforme come SoundCloud, ed è riuscito, forse, a lasciarsi alle spalle i suoi vecchi progetti. I suoi dj set richiamano prevalentemente sonorità dai bassi potenti, forse un retaggio del suo passato, ritmi sincopati, qualche pezzacchione hip hop old school, il tutto è condito dal suo talento nello scoprire nuove sonorità, quindi non è raro rimanere sorpresi da brani particolari e audaci.

 

 

 

Vi lascio con un estratto dell'intervista per Noisey e vi ricordo che domani (10-1-2014) potrete godervelo al Tunnel Club (MI) in compagnia dei ragazzi di Le Cannibale (non è un caso che siano proprio loro a volerlo proporre a Milano, attratti come sono dalla qualità e dall'innovazione)(FB event): "I think the dance people know what they’re doing and all they’re trying to do is get DJing work. The economics of the music is irrelevant, it’s like, get the music out there, get people listening to it, and get people coming to see you."

 

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.