CHIAMACI +39 333 8864490

|||||||

85esima Fiera internazionale del Tartufo Bianco di Alba

La “Fiera internazionale del Tartufo bianco di Alba” nasce nel 1929. La più importante manifestazione dedicata a questo prodotto e sogno proibito e causa di esaltazione e di follia dei buongustai.

 

Di tartufi ne esistono moltissime specie, ma il tartufo bianco rinvenibile nelle Langhe e nel Monferrato e in poche altre aree italiane, rappresenta la specie più pregiata e quella che può raggiungere le dimensioni maggiori.

La sua esistenza è nota da sempre: i faraoni egizi lo servivano nei loro sontuosi banchetti e i sumeri ne mangiavano abitualmente. Era conosciuto nell'antica Arabia, nell'impero babilonese e nella Persia di Alessandro Magno. Nel Settecento era considerato presso tutte le corti europee una autentica prelibatezza. Stiamo parlando del tartufo bianco, ossia la varietà di tartufo più rara e pregiata. Gioacchino Rossini lo definiva “il Mozart dei funghi” perché il tartufo, in realtà, è un fungo “ipogeo”, cioè cresce spontaneamente sotto terra, accanto alle radici di alcuni alberi – soprattutto lecci e querce. Le principali aree di produzione del tartufo bianco in Italia sono il Piemonte, la Lombardia meridionale, l'Emilia Romagna, le Marche, il Molise e l'Abruzzo.

Proprio in Piemonte esiste una tipica varietà di questo prodotto definita Tartufo bianco d’Alba (il nome scientifico è Tuber magnatum Pico) che nel ‘900 ha acquistato fama mondiale grazie alla geniale opera di promozione svolta da Giacomo Morra, albergatore e ristoratore di Alba, giustamente “incoronato” Re dei Tartufi già nel 1933 dal Times di Londra.

 

Il tartufo è uno dei prodotti più ghiotti della gastronomia e continua ad attrarre mezzo milione di turisti. Il valore del tartufo non sta nel suo apporto alimentare, ma nella sua enorme capacità di produrre piacere nel fruitore.

 

Nel capoluogo delle Langhe fino al 15 Novembre è in corso l’85ª edizione della Fiera internazionale del Tartufo bianco d'Alba. Con il passare dei decenni, legandosi sempre più ai prodotti tipici locali ed in particolar modo ai vini, ha saputo rinnovarsi grazie alla sua internazionalità. Questo, infatti, è il segreto del suo fascino: rimanere legato al territorio attraversando i confini del Paese.

 

Ogni anno, infatti, oltre allo spazio dedicato ai tartufi vengono proposte alcune novità. In questa edizione, ad esempio, sono stati inseriti sette mostre d’arte (tra cui una di Kiki Smith) e un festival dedicato alla poesia. Non mancano, inoltre, i tradizionali appuntamenti con i borghi cittadini oltre agli show cooking e foodies moment.

 

Il cuore della Fiera rimane il Mercato Mondiale del Tartufo, che racchiude in un’unica struttura cercatori e commercianti. Qui potete visitare gli stand della Rassegna enogastronomica AlbaQualità. Protagonisti sono i vini del territorio di Langhe e Roero, le raffinatezze della pasticceria artigianale, i formaggi, le paste all’uovo, i salumi e i grandi vini pregiati che hanno reso internazionale il nostro territorio.

 

Lucia Lanzini

 

Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Dal 10 ottobre al 15 novembre 2015 Alba http://www.fieradeltartufo.org/2015/it/

 

 

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.