CHIAMACI +39 333 8864490

Marinaio, profeta e balena - L’ombra di Ulisse da Omero all’inferno

Noi di Nerospinto siamo sempre attenti, sempre alla ricerca dei bei momenti che questa città può offrire ai suoi milanesi, un po' stanchi e un po' di fretta, ma sempre belli e, noi lo sappiamo bene, capaci di grandi emozioni. Per farlo, cerchiamo, ci sforziamo di trovare le parole adatte, comunicare il messaggio nel modo giusto. Questa volta invece,  abbiamo pensato che non ne servissero altre, di parole, che bastassero quelle di Vinicio Capossela, cantautore d'altri tempi, a farvi pregustare il sapore di questo emozionante appuntamento con la musica, la letteratura, la poesia e tutto ciò che ne consegue.

 

«Un'Odissea da tavolo. Giacché ognuno ne vive una propria, questa potrebbe essere la "mia odissea", l'odissea che ci troviamo ad affrontare nel navigare la vita, una volta che si è perduto il ritorno, una volta che Itaca si è frantumata, e, nel molteplice, ne possiamo solo riconoscere schegge e riflessi, come in un'ubriacatura in riva al mare. Da tavolo, perché quando ci si siede al tavolo della taverna, percossi dalla musica, arrivano parole e ricordi e conti in sospeso. Perché, nel tempo dell'Utile, tutto quello che siamo abituati a tenere fuori dalla vita dilaga nell'anima, a mezzo della musica e del racconto. Il racconto mitico ci parla di noi, ci regala, come un ascensore, l'accesso ai due piani del nostro tempo: il tempo orizzontale, quello della decadenza degli attimi, e quello verticale, l'incorruttibile tempo del mito. Salendo e scendendo questi due piani, il nostro racconto diventa il racconto di ogni racconto... la nostra odissea, appunto. Un'odissea condivisa, accompagnata da un aedo, un suonatore di lauto, di cetra, di corde. Un Omero che è da sempre colui che accompagna. Una compagnia picciola, per sentirsi più esposti agli elementi, al fato, alla manifestazione del sacro. Cose che riconosciamo dai suoni: il suono del vento, dello scuotimento del fogliame degli alberi, il rimbombo di una grotta, la risacca, la burrasca del mare. Le voci di una lingua antica, le voci tra le tubature delle stanze dei motel. Una scena al buio, che ingigantisca i rumori e l'immaginazione e che ci faccia procedere a tentoni, così come, da ciechi, procediamo nella vita. E che ingigantisca gli spettri che abbiamo dentro. Questa è l'odissea da tavolo che abbiamo preparato per voi, per questi giorni di giugno.»

 

Buon ascolto e buon viaggio a tutti voi.

 

Marinaio, profeta e balena L’ombra di Ulisse da Omero all’inferno

 

Piccolo Teatro Studio dal 5 all’8 giugno 2013

www.piccoloteatro.org

 

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.