CHIAMACI +39 333 8864490

|||

"Muerte a la carta": l'ultima cena di 50 personaggi famosi

"Muerte a la carta" ("Morte alla carta") è l'ultima originalissima idea di Eric Frattini, giornalista peruviano ma spagnolo di adozione.

Lo scrittore -specializzato da anni in inchieste complottistiche che riguardano il Vaticano ed i servizi segreti- con il prezioso contributo di Andrés Madrigal, chef pluristellato di Madrid (emigrato, però, a Panama), ha ricostruito le ultime cene di cinquanta famosi protagonisti della storia: per citarne alcuni, Gesù Cristo, Cleopatra, Alessandro Magno, Nelson, Rasputin, Al Capone, Marilyn Monroe, Gandhi, Heath Ledger, Ayrton Senna, Giovanni Paolo II.

A questi, in realtà, occorre aggiungere i 325 passeggeri a bordo del Titanic, i 36 del dirigibile Hinderburg, i 7 astronauti deceduti nel disastro dello Space Shuttle Challenger nel 1986 ed i 109 passeggeri dell'aereo Concorde, morti nell'incidente avvenuto 15 anni fa.

Il libro, edito per ora solo in castigliano da Poe Books, è disponibile su Amazon al prezzo di 20 euro.

All'interno troviamo minuziosamente ricostruiti i gusti culinari dei personaggi, gli ultimi momenti della loro vita e la reale causa della morte, che per nessuno di loro è da riferire all'ultimo pasto consumato, nonostante certi mix poco salutari.

Il contributo, poi, di Andrés Madrigal impreziosisce la pubblicazione: lo chef, infatti, ha interpretato a suo modo le storie ricostruite da Frattini indicando la ricetta e creando i piatti presenti nel "menù fatale".

Per dimostrarne l'abilità basti pensare all'ultima cena di Adolf Eichmann: il gerarca nazista, condannato a morte nel carcere di Ramla, in Israele, nel suo ultimo giorno di vita scelse di digiunare e si limitò a chiedere un bicchiere di vino rosso. Quale ricetta inventare quando l'unico ingrediente è un bicchiere di vino? E se il vino diventasse una granita? Et voilà, lo chef ha trovato la soluzione!

Qualche altro esempio per chiarirvi meglio l'architettura del libro.

Jimi Hendrix, la notte del 17 Settembre 1980, scelse un cibo leggero: al ristorante dell'Hotel Samarkand di Londra prese due panini al sesamo con tonno fresco e qualche bicchiere di vino. Purtroppo esagerò qualche ora dopo, quando al party di un amico non rifiutò due anfetamine black bomber.

Meno di tre mesi dopo, venne ucciso John Lennon. Prima di andare incontro al suo assassino, all'ingresso del Dakota Building (il palazzo di New York dove abitava con Yoko Ono), mangiò un panino con carne e mostarda nell'amato ristorante italiano Baci e abbracci.

Il grande attore James Gandolfini, invece, si trovava a Roma, in vacanza con il figlio, quando venne colto da un malore nella sua camera d'hotel, la notte del 19 Giugno di due anni fa. Poche ore prima, aveva assaggiato di proposito i piatti dello chef Niko Sangalli, del Boscolo Exedra, di cui aveva letto sui giornali. Così, prese gamberi fritti (con maionese e salsa chili) e foie gras con due birre ghiacciate, rum e piña colada. Poi salì sulla barca di Caronte.

 

Come avrete intuito, leggendo "Muerte a la carta", troverete il risultato dello studio quasi morboso di moltissime analisi forensi: un vero e proprio lavoro di archivio che ripercorre 2.323 anni di ultime cene.

La storia è servita.

Chiara Ballesi

"Muerte a La Carta" di Eric Frattini e Andrés Madrigal Poe Books, 2014

 

Eric Frattini-gallery-Nerospinto1

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.