CHIAMACI +39 333 8864490

|||||

Appartenenza e distanza. L’artista italo-congolese Veggetti Kanku alla Galleria Rubin

Giovedì 20 settembre alle ore 19:00 Galleria Rubin di Milano inaugurerà la personale di Luigi Christopher Veggetti Kanku: Appartenenza e distanza. Dieci tele di diversi formati e un’installazione composta da 24 pannelli, affermano la sacralità della memoria nell’arte.

Artista italo-congolese, Luigi Christopher Veggetti Kanku, riassume nel suo stesso nome una doppia provenienza etnica e culturale. Nato a Kinshasa, in Congo, viene trapiantato in Italia all’età di dieci anni, presso una famiglia adottiva. Cresce e lavora in Brianza, luogo in cui oggi ha sede il suo studio, ma mantiene un forte legame con la comunità congolese: sia in termini personali che da un punto di vista politico e culturale.

 

Di questo artista multietnico si dice abbia mutato l’arte e la pittura del suo paese d’adozione, sviluppando una tecnica e una visione che suscitano empatia da parte del pubblico, specialmente quello italiano. Veggetti Kanku nel corso della sua carriera ha guadagnato stima e ammirazione, intrecciando rapporti tanto con gallerie nazionali quanto con pinacoteche straniere: i suoi lavori sono stati esposti anche a Londra, Göteborg e Berlino.

I soggetti nelle rappresentazioni dell’artista sono vari: da spiagge affollate di sagome scure si passa a grandi ritratti, in cui colori freddi e caldi si fanno spazio reciproco, per poi virare su scenari urbani nuovamente popolati da figure sfocate. Il percorso è quindi una continua tensione tra la persona, rappresentata nella sua individualità e il gruppo, la folla di sconosciuti e il loro vivere sociale. Il suo tratto è sicuro e lontano da ogni accademismo e il suo lavoro, nel complesso, risulta un insieme di fotografie segnate dal tempo. Come scrive Emanuele Beluffi nel testo di presentazione della mostra «la visione di queste immagini pittoriche si accompagna al riconoscimento che esse "sembrano" fotografie di ieri che fissano nel presente il soggetto ritratto».

Centrale è infatti in tutto il lavoro dell’artista il concetto di “ieri”: di un tempo finito ma che ancora ci appartiene. Appartenenza e distanza appunto, perché si ha a che fare con un passato che è ancora prossimo (non così distante) e che diventa quindi, qui ed ora, il punto di partenza della genialità. Di nuovo Beluffi afferma: «Una parte delle sperimentazioni estetiche di oggi - musica, pittura, fotografia, cinema - guarda al passato prossimo, una manciata di decenni, lavorando con i mezzi di oggi: i risultati sono spesso straordinari e il motore immobile di questo lavorio è la memoria». 

Ma non si esaurisce qui: nella mostra che si terrà alla Galleria Rubin dal 20 settembre al 10 ottobre, sarà esposta anche una raccolta di opere di piccolo formato, tutte raffiguranti una tazzina da caffè, che di volta in volta viene intesa e raccontata in maniera differente. Un pretesto per sperimentare, attraverso una pittura ruvida e istintiva, l’infinità delle soluzioni comunicative offerte dalla realtà più semplice.

Informazioni Utili:
Galleria Rubin via Santa Marta, 10 Milano
Tel. 0289096921 Fax 0272015492
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.galleriarubin.com

Arianna Bagnato

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Immobili Sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.