CHIAMACI +39 333 8864490

||||

Chiamami con il tuo nome, la bellezza del cinema classico nell’ultimo film di Guadagnino ai Golden Globes 2018

Chiamami con il tuo nome: l'ultimo film di Guadagnino, omaggio al cinema classico, guadagna due candidature ai Golden Globes 2018 e convince critica e pubblico.

Bello, intenso, delicato ma coraggioso, elegante nella fotografia e nella scenografia, un film che richiama ai più grandi maestri del cinema del ‘900 e insieme usa la drammaturgia moderna per raccontare un sentimento profondo e di scoperta. Chiamami con il tuo nome si è aggiudicato il premio come Miglior film ai Gotham Award e due candidature ai Golden Globes e ha commosso critica e pubblico raccontando la relazione appassionata e proibita tra un diciassettenne e uno studente universitario.

Siamo nell’estate del 1983 ed Elio Perlman, italo-americano di origine ebraica, vive con i suoi genitori in un’antica villa del XVII secolo tra le province di Bergamo e Brescia.
Un giorno alla villa arriva Oliver, studente ventiquattrenne che sta lavorando alla sua tesi di laurea con il padre di Elio, a quel punto l’estate del diciassettenne cambierà per sempre. Tra i due nasce un sentimento molto forte, appassionato, delicato e di crescita reciproca e così il giovane liceale che fino a quel momento aveva cercato di interpretare i propri sentimenti e il proprio rapporto con Marzia, adolescente coetanea, si ritrova a scoprire e a tratti a contrastare un sentimento del tutto nuovo e travolgente. Oliver lo investe di un calore, di una profondità emotiva, di un impulso fisico e di sensi che il giovane diciassettenne non può ignorare e che comprende, alla fine, essere la sua vera svolta di crescita e di comprensione di sé stesso e della vita che vorrà vivere. Nell’estate del 1983 Elio Perlman si definisce e si forma, così come vuole il romanzo omonimo di Aciman da cui appunto è tratto il film.

Guadagnino ci aggiunge il simbolismo dei luoghi, dei gesti, delle ambientazioni, dei dialoghi tra i due protagonisti, ma anche tra Elio e su padre che accompagnano addirittura i titoli di coda. Ci aggiunge altresì lo scenario storico e sociale in cui la storia si consuma e si snoda: quell’Italia degli anni ’80 dove il glamour e il benessere nascondono abilmente la corruzione e il disastro finanziario imminente. Il filo conduttore di Chiamami con il tuo nome rimane, però, la bellezza. Bellezza dei luoghi e degli oggetti, degli abiti e degli ambienti, ma soprattutto bellezza dei due protagonisti, il cui sentimento, anche se a tratti viene presentato quasi crudo e nudo, rimangono giovani di grande fascinazione e delicatezza. Chi in questa pellicola ci ritroverà echi di Bertolucci o di Renoir non si sbaglierà.
Il film di Guadagnino è anche e soprattutto un grande omaggio al cinema classico, quello dalle atmosfere più sognanti e incantate dove la cura dei dettagli aveva una grande rilevanza, così come lo è qui, fosse anche solo nella camicia di lino indossata da Oliver o nel Magen David indossato da Elio. Una pellicola straordinaria, una perla sublime, poesia allo stato puro dove l’arte, la cultura e i sentimenti si manifestano prepotentemente in una fotografia tra le più belle del cinema italiano. Un film imperdibile dal 25 gennaio in tutte le sale nazionali.

Antonia Del Sambro

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.