CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Da questa sera al cinema "Parlami di te", una commedia per riscoprire se stessi

Da oggi 21 febbraio, il film “Parlami di te” sarà al cinema grazie a Bim Distribuzione. L’emozionante commedia di Hervè Mirmran con l’eccezionale Fabrice Luchini, è il nuovo film vincitore del Premio del Pubblico all’ultima edizione del France Odeon.

Il regista spiega che la ricostruzione è il tema principale del film. “Un tema universale poiché riguarda sia un uomo che conduce una vita agiata, sia un impiegato che si trova disoccupato a 50 anni. Nella corsa sfrenata al successo, al denaro, alla riuscita, le persone dimenticano di fermarsi un istante a riflettere su quello che sono, su quello che desiderano veramente”, continua il regista.

“Parlami di te” è una nuova, esilarante commedia francese che riporta sul grande schermo lo strepitoso Fabrice Luchini, premio Coppa Volpi con il film “La Corte”. Il protagonista, Alain (alias Fabrice Luchini), è un dirigente di un’azienda molto importante ed è completamente assorbito dal lavoro. Come la maggior parte dei grandi manager di successo, trascura la famiglia e gli affetti ma, soprattutto, si nega a se stesso. Alan è un rispettato uomo d’affari e un brillantissimo oratore ma giornalmente ridotto ad una disperata corsa contro il tempo.

 Da questa sera al cinema "Parlami di te", una commedia per riscoprire se stessi

Nella sua vita non esistono distrazioni, ma nemmeno un briciolo di tempo da dedicare alla famiglia. Prima o poi, nella vita ci viene dato un segnale: a volte crudele e spietato, che non lascia spiraglio. Alain, un giorno, viene colpito da un ictus e che cosa succede se un manager all’apice della sua carriera, nel pieno della sua ascesa professionale, si trova a dover ricominciare da zero da un giorno all’altro? L’ictus interrompe la sua corsa sfrenata e gli lascia come conseguenza una gravissima difficoltà nell’espressione verbale oltre che, una molto più grave, perdita della memoria.

 Da questa sera al cinema "Parlami di te", una commedia per riscoprire se stessi

La riabilitazione di Alain è affidata Jeanne, una giovanissima logopedista. Mano a mano che passa il tempo e i due trascorrono del tempo insieme, Alain riscopre il tempo per vivere. Con grande impegno e pazienza, la professionista e il paziente imparano a conoscersi e alla fine, ognuno a modo suo, tentano di ricostruire le loro personalità, per ritrovare se stessi. Alain, nel frattempo, tenta disperatamente di ricucire i legami con le persone a cui tiene di più e per cui prova un enorme affetto, specialmente sua figlia.