CHIAMACI +39 333 8864490

|||

DENTRO LO STREET-STYLE CON STEFANO CARLONI ALIAS MR. TUFT


Abbiamo intervistato Stefano Carloni, giovane talento emergente della fotografia Street

Con l’espressione street-fashion indichiamo generalmente quella moda che s’ispira e si appropria di tendenze derivanti dall’abbigliamento di strada. Una tipologia di moda fatta principalmente da chi la indossa piuttosto che dai grandi designer, associata alle diverse sottoculture giovanili dei grandi centri urbani. La strada come passerella alternativa, quindi, per tutti coloro che ne calpestano quotidianamente l’asfalto. Fonte costante d’ispirazione anche per gli addetti ai lavori della moda, negli ultimi anni è tornata ad essere territorio fertile di stili e tendenze registrati prima e sdoganati poi dai grandi fashion brands. Abbiamo deciso di darvene un frammento di testimonianza attraverso l’occhio attendo di un giovane talento emergente della fotografia street: Stefano Carloni. Nato e cresciuto a Milano, a soli 21 anni collabora in qualità di fotografo con alcuni dei magazine online più in vista dello scenario street-style come hypebeast.com e highsnobiety.com Il suo tumblr è un mix eclettico di stili differenti immortalati dalla sua inseparabile macchina fotografica e prende il nome dal ciuffo alla Dylan McKay che lo contraddistingue.

La strada per te è una sorta di laboratorio creativo in movimento. Come è maturata la predilezione per questo tipo di fotografia? Non avendo mai studiato fotografia tutto è nato per caso, fuori dalle sfilate durante la settimana milanese della moda uomo. Avevo con me la fotocamera di mia sorella per cercare d’immortalare qualcosa di interessante da postare poi sul mio tumblr: mrtuft.tumblr.com Sfilata dopo sfilata nel novembre 2012 ho iniziato a lavorare per i ragazzi di NSSMAG. Dopo alcuni mesi, nel marzo 2013, è nata la collaborazione con Highsnobiety e verso la fine dell’anno è arrivata questa mail di risposta “ Sure, we can collaborate Stefano” dal mio sito preferito: HYPEBEAST. Oggi sono al settimo cielo e come se non bastasse su Complex.com, trai i “10 street style photographers whose work you need to follow”: c’è il mio nome!

 

Di solito cosa cattura istantaneamente la tua attenzione? Basta un outfit  fuori dalle righe per diventare preda del tuo obiettivo? No, gli outfit fuori dalle righe preferisco evitarli. Tengo a precisare che secondo me un buon fotografo street style prima di tutto debba avere la conoscenza del prodotto, una fotocamera da migliaia di euro non basta. So cosa fotografare perché giro per Milano con la mia Canon non soltanto durante la fashion week, ma quasi tutti i giorni e la mia attenzione va a quei look per così dire “rari”, che non scadono nel ridicolo. Da anni tendo ad osservare le persone dal basso verso l’alto e quasi sempre decido se fotografarle per le scarpe che indossano. Penso siano l’elemento più importante di un outfit che senza di esse potrebbe risultare anonimo. ''Sfila in strada chi non può permettersi la passerella'' - Condividi? Condivido, ma in parte. Non mi piace generalizzare. Ci sono persone che vestono in modo impeccabile 365 giorni all’anno. Altre invece decidono di sfoggiare dei look, per lo più estremi, soltanto durante le settimane della moda.

 

In termini di mode e tendenze, lo streetwear è senz'altro il più indossato degli stili al momento. Cappellini, sneakers, volumi larghi e tessuti felpati dominano tanto in passerella quanto in strada. Come è esploso questo look? Basandomi su quello che vedo in strada, penso ci siano prodotti e marchi esplosi per merito di personaggi famosi e dell’influenza che essi esercitano. C’è chi mi darà torto e chi ragione, ma penso che Kanye West sia uno degli influencer più potenti da un paio di anni a questa parte, e non lo dico perché a casa ho tutti i suoi cd originali.

 

Ci sono dei fotografi di moda cui tieni particolarmente o cui t'ispiri? Cosa non fotograferesti mai e chi sempre? Parlando di fotografia street style m’ispiro a “JPMV” di Nabile Quenum, ma soprattutto a “Le 21ème” di Adam Katz Sinding. Quest’ultimo è la mia fonte di ispirazione più grande. Per quanto riguarda la fotografia di moda scelgo Matthew Stone. Quando guardo le sue foto rimango a bocca aperta, sembra di osservare delle opere di Caravaggio. Non fotograferei mai né zeppe, dalle Creepers fino ad arrivare alle Buffalo, né persone vestite in modo assurdo perché odio l’esibizionismo. Fotograferei sempre cappottoni e cappelli neri a testa larga. Riguardo chi: Christine Centenera, Eugene Tong e Theophilus London.

http://mrtuft.tumblr.com/

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.