CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Doppio Sogno va in scena al Teatro Menotti

Teatro Menotti va in scena con Doppio Sogno, con la regia di Giancarlo Marinelli

Doppio Sogno è un romanzo breve di Arthur Schnitler scritto nel 1925 da cui trae ispirazione Stanley Kubrick che nel 1999 gira uno dei suoi più famosi film, Eyes Wde Shut interpretato da Tom Cruise e Nicole Kidman.

La novella di Schnitler potete vederla anche al Teatro Menotti fino al 17 aprile per la regia di Giancarlo Marinelli e con: Ivana Monti, Caterina Murino, Ruben Rigillo, Rosario Coppolino, Andrea Cavatorta, Francesco Maria Cordella, Serena Marinelli, Simone Vaio, Carlotta Maria Mondana.

L’opera letteraria approda per la prima volta a teatro e affronta l’eterna contrapposizione tra sogno e realtà richiamando alla memoria il nome di colui che viene considerato il padre della psicoanalisi ovvero Sigmund Freud.

Protagonisti di Doppio Sogno sono il dottor Fridolin e sua moglie Albertine che, con una Vienna innevata a far da sfondo, si ritrovano una sera a confessarsi l’inconfessabile.

Albertine racconta al marito del giovane danese conosciuto l’estate precedente sulla spiaggia e ammette davanti a Fridolin che se l’uomo l’avesse chiamata lei non avrebbe esitato a sacrificare la vita insieme al marito e alla loro piccola bambina per un futuro ignoto.

La donna non nasconde l’attrazione sessuale provata per un uomo che avrebbe distrutto la sua vita così come la conosceva ma non immagina che la confidenza di un tradimento, solo fantasticato, sarà l’inizio di un viaggio nell’inferno della carne e della mente.

Un percorso doloroso che terminerà con un ritrovato e più forte sentimento d’amore tra i due coniugi.

Quello che si consuma tra marito e moglie non è solo la fantasia di un tradimento ma un vero e proprio crimine di quelli che quotidianamente intaccano la serenità della vita di coppia minando la felicità del rapporto.

La cosa più grande che tu possa fare è amare e lasciarti amare, recita una battuta del film Moulin Rouge. Ma questo significa essere prede del terrore dell’abbandono e della conseguente eccitazione che ne deriva mista al dolore che subiamo poiché rei di aver tradito chi abbiamo accanto.

L’amore è un gioco continuo, una realtà da cui spesso fuggiamo preferendo l’immaginazione, la casualità con cui ci ritroviamo a fare i conti e che fa vacillare quelle che crediamo essere certezze. il motive che a volte ci spinge verso l’odio suo eterno partner senza il quale non potrebbe esistere.

Perché amore e odio viaggiano insieme dalla creazione del mondo, nessuno dei due può fare a meno dell’altro. Se per una qualche ragione ciò avvenisse ogni cosa cesserebbe. Doppio Sogno Teatro Menotti Foto 1

Ciò che riconosciamo come istinto rimarrebbe senza voce, sparirebbe l’anima e a ruota la seguirebbe la morte orfana di ragioni che ne giustificano l’esistenza. Ogni contrapposizione verrebbe messa a tacere, conscio e inconsco non troverebbero più alcuna linea di confine a dividerli.

Tutto diventerebbe oblio, primo tra ogni cosa l’uomo.

Raffaella Berardi

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.