CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Dostoevskij sulla scena

Grande operazione del Teatro Parenti di Milano, che continua a portare in scena il suo “Percorso Dostoevskij”

Tra le opere del celeberrimo romanziere russo riadattate in forma di opera teatrale, una delle ultime ad essere andate in scena è stata “Il giocatore”, romanzo adattato da Vitalino Trevisan, con la regia di Gabriele Russo e la produzione della Fondazione Teatro di Napoli-Teatro Bellini con il Teatro Stabile di Catania.
Sul palco hanno recitato Daniele Russo, Marcello Romolo, Camilla Semino Favro, Paola Sambo, Alfredo Angelici, Martina Galletta, Alessio Piazza e Sebastiano Gavasso.

Uno dei tratti che più caratterizza la pièce è la fedeltà al testo originale. Daniele Russo, che interpreta Aleksej Ivànovic, il protagonista, dichiara scherzando: «A un potenziale spettatore, direi di sedersi in poltrona per evitare di leggere il libro», ma non vuole affatto sminuire il libro originale e aggiunge: «Dostoevskij mette in gioco le vite degli altri, e pure la sua, e noi rispettiamo il testo originale». L’intento di mettere in scena un simile romanzo tendendosi fedeli al testo di Dostoevskij non è dei più semplici. Ci si trova infatti di fronte un’opera, che per la sua intimità e per la sua articolata analisi introspettiva, sembrerebbe quasi irrappresentabile.


L’opera è ambientata nella città tedesca di Roulettenburg, invenzione letteraria dello scrittore, che trova le sue forti corrispondenze nella città tedesca di Baden Baden (Baden-Württemberg). Il luogo, nota località di villeggiatura termale, era frequentato sovente da Dostoevskij e da altri scrittori russi, suoi stretti amici, che spesso si ritrovavano a giocare nel celebre casinò locale.
In questo quadro si svolge la storia d’amore, di sofferenza, di passione e di compulsione di Aleksej, Polina, Bianca e altri personaggi minori, ma tutti a loro modo significativi. Nel rapportarsi alla debolezza umana non mancano una certa ironia e i rimandi alla realtà contemporanea. Si guarda al valore delle relazioni e alla loro disgregazione.

Al centro di tutta la riflessione c’è il gioco, un mondo attraente, conturbante, che prende il protagonista e conduce ogni dinamica interna alla vicenda. Il gioco da sempre ha affascinato l’uomo, chi si avvicina al gioco entra in un mondo dal suo preciso e specifico linguaggio, con i suoi riti, i suoi usi e i suoi luoghi sacri. Il casinò e la roulette diventano luogo di rivelazione e di una sfida che il protagonista porta avanti in primo luogo nei confronti di sé stesso.
In un vortice di pensieri e di azioni sempre più ossessivi il personaggio di Aleksej Ivànovic si perde e precipita. L’opera assume spesso il tono della commedia, ma resta sempre un fondo di amaro. La spietata analisi della psiche umana di Dostoevskij non può che rimandare ad esiti tragici dal punto di vista più profondamente esistenziale.

Per gli amanti dell’immenso scrittore russo, il Cartellone 2017 – 2018 del teatro Franco Parenti offre molti altri spettacoli da non perdere. Proprio in questi giorni, dal 7 febbraio al 18 febbraio è andato in scena “La confessione. Il capitolo censurato dei Demoni”. Seguirà: “Delitto e castigo. Una discesa agli inferi tra lucidità e follia” dal 16 febbraio al 4 marzo e “Il topo del sottosuolo. Una storia di ozio e depravazione verso Delitto e castigo” dal 27 febbraio al 4 marzo 2018. Una serie di appuntamenti per chi vuole approcciarsi all’opera del romanziere russo, per gli studenti e per chi Dostoevskij lo ama già.

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Immobili Sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.