CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Elio Germano in SEGNALE D’ALLARME

Elio Germano torna al Teatro Franco Parenti con Segnale d’allarme da oggi 30 Giugno al 5 Luglio 2020.

Tra "Volevo solo nascondermi",  "Parolacce", "L'uomo senza gravità" e "L'incredibile storia dell'isola delle rose", di Elio Germano se n'è parlato tanto quest'anno e non è ancora terminato!

Il regista, l'attore nato a Roma il 25 settembre 1980, si è sempre distinto nei suoi percorsi di studi teatrali per la grande capacità d'immedesimazione.

Questo permette a Germano di "Essere" e non solo interpretare i vari personaggi, portando tutto il carico emotivo e l'espressività che la rappresentazione richiede. Un dono raro, per certi versi ingombrante, che lo porta a essere tra gli attori più quotati della scena italiana e non solo. 

Segnale d’allarme è la trasposizione in realtà virtuale di La mia Battaglia, spettacolo tratto dalla traduzione italiana di Mein Kampf di Adolf Hitler di cui Elio Germano era attore unico e regista. 

Scritto a quattro mani con Chiara Lagani, questo VR movie nasce dalla collaborazione con Omar Rashid (co-regista del film) ed il progetto multimediale Gold, di cui Rashid è fondatore.

Qual è l’allarme? Questo nostro tempo, il diffondersi del pensiero assolutista fomentato da un’informazione deformata di cui la nostra società è vittima. Le nuove tecnologie che hanno cambiato la comunicazione, se da un lato si propongono come democratiche, dall’altro facilitano la manipolazione del pubblico.  È in questo contesto che Elio Germano utilizza e allo stesso tempo critica la modernità del linguaggio che ha scelto. La tecnologia più avanzata offre dunque uno spettacolo disturbante, pensato per scuotere e risvegliare le coscienze,Usando le potenzialità della Virtual Reality viene messo in scena un esperimento nel quale Germano ipnotizza i suoi spettatori, quasi li manipola, con lo scopo di trasmettere quel segnale d’allarme da cui prende il nome lo spettacolo VR stesso.

L’esperienza permette allo spettatore, attraverso i visori, di rivivere la pièce teatrale dalla prima fila immergendosi completamente fino a confondere immaginario e reale.

E in quei visori vediamo l’attore-mattatore – interpretato da Elio Germano ripreso da sei obiettivi – intento in un monologo serrato che diventa presto un crescendo di slogan politici  sul senso  di comunità, sula meritocrazia, sulla sicurezza e, più avanti, sulla xenofobia e la purezza della razza. 

Un soliloquio che parte dalla democrazia, dal valore dell’autorità e della responsabilità e termina in un proclama idealista, futurista e dichiaratamente nazista.

Con appelli appassionanti e affondi lirici deliranti, il comico trascinerà l’uditorio in un crescendo pirotecnico fino a condurlo a una terribile conseguenza finale. Una manipolazione del pubblico che porta con sé lo spettro di un pericoloso assolutismo.Un tema importante nel quale il testo di Germano e Lagani ci trascina con intelligenza. Chi indossa il visore si ritrova nel bel mezzo della platea, seduto tra gli altri, a tifare per questo o quel concetto, a partecipare attivamente al dibattito politico, in un gioco meta teatrale e al contempo meta cinematografico. Presentato in anteprima al Wired Next Fest di Milano dal 24 al 26 maggio 2019 all’interno dello spazio Gold, e come prima proiezione cinematografica in realtà virtuale aperta al pubblico in Italia, il 19 e 20 giugno dello stesso anno al cinema dell’Istituto Stensen di Firenze.

“Uno spettacolo provocatorio che ci mette in discussione come pubblico. Cosa stiamo vedendo? A cosa applaudiamo? Chi è il personaggio che abbiamo di fronte? Dove ci sta portando? Un esercizio di manipolazione dagli esiti imprevedibili .Per la prima volta il teatro si fa virtuale: indossato il visore e le cuffie, verrete catapultati in quella sala e sarà come essere lì”. Elio Germano

Dal 30 Giugno - 5 luglio

Elio Germano in

SEGNALE  D’ALLARME

La mia Battaglia in VR

regia Elio Germano e Omar Rashid

tratto dallo spettacolo teatrale La mia battaglia

diretto e interpretato da Elio Germano
scritto da Elio Germano e Chiara Lagani

aiuto regia Rachele Minelli
luci Alessandro Barbieri
fonico Gianluca Meda
fotografia Luigi Ruggiero e Filippo Pagotto
post-produzione Sasan Bahadorinejad

produzione Pierfrancesco Pisani

ORARI
21.00

PREZZI

Biglietto unico 15  €
(Spettacolo valido per tutti gli abbonamenti della stagione 2019-20 del Teatro Franco Parenti)

INFO

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giacomo Gallina

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.