CHIAMACI +39 333 8864490

Gli stilisti Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti, che insieme hanno ideato MG4Coulture|||

MG4Coulture, il marchio nato dalle menti degli stilisti Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti, firmano le nuove gonne dalle stampe estive e fresche

Sono alcuni dei must have della collezione estiva firmata dagli stilisti Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti, che insieme hanno ideato il brand MG4Coulture, disponibile in esclusiva nel Pop-Wear store Room 19.21, in via Piacenza 8 a Milano.

Longuette e ampie gonne, strette in vita, che vogliono ricordare la moda Anni '50, dalle stampe "tutti frutti" sovrane incontrastate dell'estate 2020; sono loro i capi più golosi della stagione, da indossare con camicie, magliette annodate o crop top.

Una gonna dallo sfondo bianco su cui risalta una stampa fresca: il protagonista è, infatti, il limone, il più vitaminico dei frutti; o ancora, una stampa che fa subito pensare alla bella stagione, quella delle ciliegie.

Sfondo bianco o nero anche per le gonne longuette, caratterizzate anch'esse dalle stampe con i limoni. Immancabili gli accessori che vanno a completare un look "total fruit", come le pochette crochet a forma di anguria o di limone (costo 38€ cad).

 

MG4Coulture, gonna ampia bianca, stampa limoni, prezzo 60

MG4Coulture, gonna ampia bianca, stampa ciliegie, prezzo 60

MG4Coulture, longuette nera, stampa limoni, prezzo 65

MG4Coulture, longuette bianca, stampa limoni, prezzo 65

Room 19.21

Via Piacenza, 8 - Milano
Dal martedì al sabato dalle 10.30 alle 19.30
+390233296088

Instagram @room_19.21
Facebook @room1921

|||

Voglia di cinema ma in totale sicurezza? Ora possiamo dire addio ai film in streaming e in solitaria dal proprio pc. Drive-in Milano è il modo perfetto per tornare a vivere gli eventi quest’estate.

|||

«Io sono, in questo momento, piena di contraddizioni, da una parte ho l’entusiasmo della sfida che vogliamo superare, dall’altra sono presa da sconforto provocato dal sentirsi un fantasma, inesistenti, un settore che non interessava perché non si parlava mai della chiusura dei teatri e di come fosse ferita Milano. Milano era Milano e tornerà a esserlo perché ha una vita culturale molto intensa e curiosa». Sono le parole con cui ha esordito Andrée Ruth Shammah, la direttrice dello storico teatro in via Pier Lombardo, con una voce rotta dall’emozione e al contempo energica per la costante voglia di fare che la contraddistingue. E noi non potevamo che sceglierle come incipit perché racchiudono lo spirito umano e artistico con cui si vuole ripartire, ma anche i timori vissuti durante questi mesi e forse anche un po’ sui prossimi - rimanendo coi piedi per terra.

"La Scoperta della Luna" con Luigi Lo Cascio

Bisognerà riconquistare, in un certo senso, la fiducia del pubblico soprattutto nell’ottica di doversi abituare a partecipare a uno spettacolo dal vivo assumendo le precauzioni di sicurezza anti-covid.

«Il Teatro Franco Parenti è un teatro all’aria aperta per la sua conformazione così particolare, si è creata aria all’interno di questa meravigliosa platea che sembra fosse stata progettata per casi particolari; c’è l’aria dei Bagni Misteriosi - aperta e limpida - pronta ad entrare in relazione con la dimensione creativa. I tanti mesi di chiusura delle attività culturali hanno determinato, da parte della cittadinanza, un’esigenza di Cultura, preziosa tanto quanto l’aria che si respira» ha sottolineato l’assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno.

Sicuramente uno dei passi da compiere in questo momento consiste nel far (ri)comprendere come l’Arte sia e debba essere parte essenziale delle nostre vite. Affrontare queste serate, tra Bagni Misteriosi e due sale interne (con posti distanziati in maniera originale - lo scoprirete andandoci), potrebbe essere pure un modo per abituarsi gradualmente alla stagione 2020-2021 che, tutti, ci auguriamo possa esserci per il Parenti così come per gli altri palcoscenici della città meneghina - e non solo.

Ph: Andrea Cherchi

La stagione estiva è realizzata in collaborazione con Verbania (vedi, ad esempio, “Carmen - Diario di un capolavoro”) e al contempo si è tenuto a comporla anche in base agli spettacoli e agli artisti già in cartellone, saltati a causa della chiusura (citiamo “Locke” ma anche “Per strada” - ormai un cult del Parenti - pensato in una veste nuova o ancora Luigi Lo Cascio che proporrà qualcosa pensato ad hoc e che avrebbe dovuto essere in scena dal 25 febbraio con “Dracula” insieme a Sergio Rubini).

 

L’estate 2020 al Teatro Franco Parenti: il programma

 

18 Giugno, dal 22 al 25 Giugno, dal 29 Giugno al 1 Luglio - presso i Bagni Misteriosi

Stasera si può entrare fuori 2

uno spettacolo ideato e diretto da Andrée Ruth Shammah

 

21 Giugno - presso i Bagni Misteriosi

Festa europea della Musica! Affacciati alla Finestra!”: maratona musicale con giovani talenti

Società del Quartetto in collaborazione con Teatro Franco Parenti e Yamaha Music Europe - branch Italy

 

dal 29 al 30 Giugno - presso la Sala Grande

Sulla morte senza esagerare” del Teatro dei Gordi

ideazione e regia Riccardo Pippa

produzione Teatro Franco Parenti e Teatro dei Gordi

“Sulla morte senza esagerare” - Ph: Marta Perroni

dal 30 Giugno al 5 Luglio - presso la Sala AcomeA

Segnale dallarme - La mia battaglia VR

tratto dallo spettacolo teatrale ‘La mia battaglia’

diretto e interpretato da Elio Germano

produzione Pierfrancesco Pisani per Infinito srl - Gold VR

 

2 Luglio - presso i Bagni Misteriosi

Una stranissima primavera

di Beppe Severgnini, con Beppe Severgnini e Carlo Fava

produzione Mismaonda Creazioni live

 

dal 7 al 12 Luglio - presso la Sala Grande in prima nazionale

Locke” di Steven Knight

uno spettacolo diretto e interpretato da Filippo Dini

produzione Teatro Franco Parenti - Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia - Teatro Stabile di Torino

“Locke” con Filippo Dini - Ph Noemi Ardesi.

9 Luglio - presso i Bagni Misteriosi

La scoperta della luna” con Luigi Lo Cascio

 

dal 13 al 15 Luglio - presso la Sala Grande

Giulietta” di Federico Fellini

uno spettacolo di Valter Malosti con Roberta Caronia

 

dal 15 al 25 Luglio - presso Sala AcomeA in prima nazionale

Una vita che sto qui

con Ivana Monti, regia di Giampiero Rappa

produzione Teatro Franco Parenti

 

16 Luglio - presso i Bagni Misteriosi

Amor y tango

Michele Placido in veste di interprete e regista, accompagnato da Davide Cavuti Ensemble

produzione Golden Art Production

 

20 Luglio - presso i Bagni Misteriosi

ApPUNTI G

con Lucia Vasini, Alessandra Faiella, Livia Grossi, Rita Pelusio

Produzione Nidodiragno - CMC - Collettivo ApPUNTI G - Sara Novarese

“Per strada” - Ph: Tommaso Le Pera

dal 21 al 26 Luglio - presso la Sala Grande

Per strada

di Francesco Brandi, presente in scena anche in qualità di interprete con Francesco Sferrazza Papa

Regia Raphael Tobia Vogel

produzione Teatro Franco Parenti

 

23 Luglio - presso i Bagni Misteriosi in prima nazionale

Scacco matto - Altre distanze in nuovi orizzonti

Feroce Partita” reloaded / (Quartetto) per la fine del tempo

Un dittico della Compagnia Egribiancodanza

 

30 Luglio - presso i Bagni Misteriosi

Carmen - Diario di un capolavoro

ensemble corale – coro San Gregorio Magno.

Ideazione e regia Mauro Trombetta, con tra gli altri Lucilla Giagnoni

 

3 Agosto - presso i Bagni Misteriosi

Stand Up comedy - Estate 2020

con Luca Ravenna, Stefano Rapone, Daniele Tinti

 

30 agosto - presso i Bagni Misteriosi

Don Giovanni

di e con Michela Murgia

in collaborazione con Società dei Concerti

 

10 Settembre - presso i Bagni Misteriosi

Capolavori

lecture show di Mario Berruto

produzione Nidodiragno - CMC

 

15 e 16 Settembre - presso i Bagni Misteriosi

Le Sacre

con Luciana Savignano.

Uno spettacolo di Susanna Beltrami

 

21 Settembre - presso i Bagni Misteriosi

Lezione magistrale di Luciano Floridi

#3 - Utopia digitale? Il verde e il blu

presentato da Teatro Franco Parenti e Eni

 

Data da definire - presso i Bagni Misteriosi

Fuggi la terra e le onde

con Lino Guanciale

 

Qui per maggiori info sugli spettacoli: https://www.teatrofrancoparenti.it/cartellone/

 

Ph: Andrea Cherchi

INFO

Orari: h 21.30 Bagni Misteriosi; Sala Grande e Sala AcomeA h 20 o h 20.30 a seconda dello spettacolo

Prezzi: 15€; 20€ e 25€

Spettacoli validi per tutti gli abbonamenti stagione 2019-2020 del Teatro Franco Parenti

L’estate 2020 del Parenti: on the road

«Pensando al ruolo che hanno avuto le compagnie di giro nei processi di acculturazione tra la fine del ’700 e l’inizio dell’800, è nata l’idea di due camioncini itineranti. Ponendosi di spalle e aprendo la parte posteriore si darà vita al palcoscenico, con sedie distanziate fisicamente, non socialmente. Si partirà dai comuni più martoriati e, nello specifico, dalla prima zona rossa portando così nelle piazze lo spettacolo dal vivo. Il tutto sarà un’opportunità per gli artisti giovani» ha spiegato Galli, l’assessore alla Cultura della Regione Lombardia, partner dell’iniziativa.

Una chicca per gli artisti

Con orgoglio la Shammah ha comunicato alla stampa presente in conferenza stampa la conclusione dei lavori per gli appartamenti degli artisti. Visitandoli in anteprima non si può non dare atto che si respiri proprio ‘aria di casa teatrale’, come se ogni stanza (pensata nei minimi dettagli da un architetto) sia sì funzionale e semplice, ma ricordi anche dei dettagli dei camerini dello stesso Parenti. In più è presente una cucina completamente attrezzata che potrebbe diventare un ulteriore luogo dove far accadere il confronto tra gli artisti in residenza in quel momento.

Foto: Lorenza Daverio|||

Rientrare nella Sala Astra dell’Anteo Palazzo del Cinema di Milano (fiore all’occhiello della città meneghina) anche solo per la conferenza inerente alla riapertura ha provocato un’emozione difficilmente descrivibile: nostalgia per ciò che sembrava normale - e scontato - (fino alla chiusura del 23 febbraio in Lombardia e Veneto, dell’8 marzo nel resto d’Italia) e commozione, frutto anche del timore di non poter rimettere piede in una sala cinematografica per chissà quanto tempo e poterlo, invece, fare in quell’istante, con un trasporto tale da far salire il groppo in gola.

«Come tante persone abbiamo affrontato questo periodo di lockdown stando nelle nostre case, pensando a come risolvere questa situazione. Siamo rimasti chiusi per troppo tempo e in questo lasso di tempo abbiamo cercato di capire come mettere in sicurezza la nostra attività a partire dalle persone che lavorano con noi (ben 80)», ha dichiarato con un’appassionata partecipazione il fondatore dell’Anteo Lionello Cerri.

«AriAnteo è in massima parte sulle spalle del soggetto che decide di investire le proprie risorse economiche, finanziarie, di idee, progettualità e di persone» ha tenuto a evidenziare l’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, riconoscendo il grande merito di resistenza e di impegno per la città che Cerri e il suo staff dimostrano da anni. «Lo abbiamo sperimentato durante il lockdown: la cultura è una dimensione insostituibile di ogni comunità e società e l’offerta culturale ha necessità della presenza fisica, concreta, che può essere quello della performance dal vivo o del meccanismo di condivisione e pratico che scatta quando una platea di un cinema condivide l’esperienza di visione di un film». Ci sembra importante riferirvi queste parole dell’assessore in quanto troppo spesso si danno per scontati lo spettacolo dal vivo, il cinema e tutte le ramificazioni artistiche e culturali, considerandole e veicolandole come puro intrattenimento, come qualcosa di cui si possa fare a meno. Ci auguriamo che questi mesi così difficili abbiano portato molto a riflettere sull’essenzialità della Cultura e dello Spettacolo nella vita di ciascuno, poi sta a noi decidere in quale misura farli entrare nella quotidianità, ma non vanno trascurati perché sono una fonte di arricchimento interiore immateriale certo, però dal valore inestimabile. Ma entriamo nel vivo della proposta di AriAnteo 2020.

ARIANTEO 2020: LE LOCATION

Una linea ideale collega Milano, Monza (arena presso la Villa Reale) e Treviglio. Approfondiamo maggiormente le arene estive nella città meneghina: AriAnteo Chiostro dell’Incoronata (ingresso da via Milazzo, come sempre con doppio schermo), AriAnteo Palazzo Reale (ingresso da piazza del Duomo) e nuova location per l’estate 2020: AriAnteo Triennale (presso il giardino della Triennale di Milano) nell'ambito del programma dell’estate di Triennale.

ARIANTEO 2020: PROGRAMMAZIONE

«La programmazione è ricca e diversificata, con titoli di qualità italiani e stranieri, oltre a grandi produzioni e titoli per le famiglie. In palinsesto i successi della recente stagione cinematografica, usciti in sala poco prima dell'emergenza sanitaria, oltre a titoli inediti (al cinema, ma distribuiti nelle piattaforme in streaming nell’incertezza di non sapere quando si sarebbe potuti andare in sala, nda) tra cui “Favolacce” dei fratelli D’Innocenzo, premiato a Berlino per la migliore sceneggiatura; “Georgetown” di e con Christoph Walz, "Tornare" di Cristina Comencini, candidato a 5 Nastri d'Argento.

Nel palinsesto anche diverse rassegne: AriAnteo Triennale ne avrà una dedicata a design, architettura e fotografia, e una dedicata al centenario dalla nascita di Federico Fellini.

Una parte della programmazione, sia per quanto riguarda le arene estive, che le sale al chiuso, tratterà un tema a noi molto caro, oltre che di grande urgenza: i diritti civili. Anche la nostra proposta culturale vuole riconoscere le pari dignità dei cittadini senza distinzioni di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche e personali. Tra i film in programmazione, “Il diritto di opporsi” di Destin Daniel Cretton, “Sorry we missed you” di Ken Loach, “Alla mia piccola Sama” di Waad Al-Khateab e Edward Watts, “Cattive acque” di Todd Haynes con l’attore attivista Mark Ruffalo, “I miserabili di Ladj Ly”» (dalla nota ufficiale).

Programma completo su:

https://www.spaziocinema.info

ARIANTEO: NOVITÀ 2020

Nell’ottica di dialogo tra le arti «AriAnteo diventa anche cabaret: a partire dal 23 giugno - una volta a settimana per ciascuna location - è previsto uno spettacolo con un artista di Zelig prima della visione del film in programma. Tra i protagonisti Daniele Raco, Marco Della Noce, Max Angioni, Davide Calgaro, Ippolita Baldini, Giovanni D’Angella, Vincenzo Albano, Enzo Ratti».

ARIANTEO: BIGLIETTI E INFO DI SERVIZIO

Biglietti: intero 7.50€; ridotto 5.50€; ridotto Amici del Cinema 4.50€

Tessera abbonamento a 10 spettacoli 39€

Spettacolo Zelig + proiezione film 12€; solo proiezione film 7.50€

Biglietti acquistabili preferibilmente online su www.spaziocinema.info o presso le casse del cinema e delle arene. Prevista l’assegnazione dei posti, in modo da permettere il distanziamento sociale di un metro tra uno spettatore e l’altro.

Altre misure di sicurezza anti-Covid

In ottemperanza alle norme anti Covid-19, Anteo ha ritenuto utile adottare alcune norme per la sicurezza di tutti gli spettatori.

Nello specifico:

- Tutti gli operatori utilizzeranno dispositivi di protezione individuale (mascherina);

- In ogni arena saranno presenti soluzioni disinfettanti prima dell’ingresso in sala di ogni

spettatore;

- Tutte le sale saranno completamente igienizzate e sanificate;

- I posti in sala saranno organizzati in base alle normative;

- Ad ogni spettatore sarà misurata la temperatura corporea che dovrà essere inferiore a 37,5°

Anche gli spettatori devono fare la propria parte:

- Presentarsi con mascherina per proteggere naso e bocca;

- Lavarsi le mani o utilizzare il gel disinfettante posto all’ingresso;

- Ridurre il più possibile il pagamento in contanti. È quindi preferibile acquistare i biglietti online sul sito www.spaziocinema.info

LA RIAPERTURA DELLE SALE

Non è finita qui però, il team dell’Anteo ha deciso di riaprire, dal 19 giugno, le porte del Palazzo del Cinema così come di CityLife Anteo a Milano, Capitol Anteo spazioCinema a Monza, spazioCinema CremonaPo e Treviglio Anteo spazioCinema, invitando il pubblico ad animare anche le sale al chiuso, dove saranno rispettate tutte le norme di sicurezza e di sanificazione. «Per noi di Anteo sarà anche un’occasione per una nuova definizione del nostro ruolo culturale. Vogliamo ripartire con ancora più energia e vigore, e vogliamo estendere un concetto a noi molto caro: il concetto di comunità che considera i nostri cinema una piazza comune del vivere culturale civico, un ideale punto di incontro dove le istanze e i sogni del singolo possano divenire patrimonio comune, rimessi in circolo come valore sociale. Riaprire - ripartire - significa per noi innanzitutto mantenere un forte radicamento nella realtà e nei temi che la contemporaneità ci sottopone».

Tutto è pronto, o almeno questi gestori-ideatori-appassionati ci stanno provando; ora sta a noi animare le arene e riempire le sale senza il timore di stare al chiuso, ma con il desiderio di riassaporare la visione sul grande schermo nella magia data dal buio attorno, con solo lo schermo cinematografico illuminato.

|||

Dopo aver aperto il laboratorio di pasticceria artigianale contemporanea FUSTO Milano, a pochi passi dal Rainbow District di Porta Venezia, Gianluca Fusto, uno dei pastry chef italiani più geniali e innovativi, presenta la sua ultima creazione in occasione della Milano Pride Week: un kit di 7 composte naturali di frutta, che riprendono i colori dell’arcobaleno, da condividere con chiunque si ami.

|||

Il Pride è Famiglia. Il Pride resiste.

Giugno è il Pride Month, il mese dedicato all'orgoglio LGBTQIA+: quest'anno l'edizione 2020 di Milano Pride, l'evento che celebra la diversità e la libertà come fattore propulsore della nostra società e combatte ogni forma di discriminazione per orientamento sessuale, genere, etnia e credo, sarà virtuale.

Infatti, anche il Milano Pride si è adeguato alle direttive nazionali, ideando un programma ricco di appuntamenti usufruibili online, lasciando spazio anche a eventi live quando possibile.

Dal 19 al 28 giugno le associazioni che compongono la pluralità di Milano Pride hanno ripensato la settimana di eventi e contenuti in chiave digitale. Le centinaia di migliaia di sostenitori che si danno appuntamento ogni anno per la grande parata dei diritti si incontreranno sui social e sul sito Milanopride.it per partecipare a un calendario di eventi virtuali con ospiti internazionali, performance, talk e concerti.

"Quest’anno il Pride è particolarmente importante. Stiamo vivendo un momento storico eccezionale, la pandemia ha stravolto la vita di tutti noi, l’economia e la società acuendo ulteriormente le discriminazioni e le divisioni. Le emergenze che esistevano già ben prima del lockdown non sono scomparse, anzi sono diventate ancora più urgenti.” Commenta Tiziana Fisichella, coordinatrice di Milano Pride 2020.

 

Rainbow Social Fund: la raccolta fondi della comunità LGBTQI+

Grande novità di Milano Pride 2020 è il Rainbow Social Fund: una raccolta fondi lanciata dal CIG Arcigay Milano che, al netto dei costi, verrà devoluta al Fondo di Mutuo Soccorso del Comune di Milano dedicato al sostegno e alla ripartenza della città dopo l’emergenza sanitaria e ad un progetto di housing assistito per le persone LGBTQIA+. Un fondo di solidarietà dedicato alle persone più fragili, sia dentro che fuori dalla comunità LGBTQIA+ milanese.

Da molti anni ormai il CIG Arcigay Milano si occupa di fornire servizi alla popolazione con percorsi di accompagnamento e assistenza a medio termine attraverso il lavoro dei suoi team, come i gruppi Salute, Accoglienza, Telefono e Social Chat Amica, Scuola e Immigrazione.

I primi fondi raccolti saranno destinati, nei prossimi mesi, ad aiutare persone LGBTQIA+, già inserite nei percorsi dell’associazione, che necessitano di aiuto nel trovare casa e nel pagare l’affitto, garantendo loro un contesto abitativo dignitoso e protetto. Questa prima applicazione del fondo vedrà la stretta collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune.

"La nostra comunità - ha commentato il presidente di CIG Arcigay Milano, Fabio Pellegatta - è abituata ad adoperarsi in prima persona per costruire quei valori culturali e sociali che permettono di concepire e realizzare quelli che chiamiamo ‘diritti alla persona’. Adoperarsi per rimuovere le disparità sociali che ostacolano la realizzazione dei diritti fondamentali rappresenta altresì un imperativo sociale se si vuole che i diritti possano realizzarsi concretamente.

Le parole del Comune di Milano

"Il Comune di Milano - dice l'assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti - sostiene e affianca il Pride con il patrocinio e la presenza, che quest'anno non può essere che virtuale ma non per questo è meno sentita. Nel momento così particolare che tutti noi stiamo vivendo, la comunità LGBTQIA+ si sta dimostrando particolarmente sensibile alle difficoltà dei milanesi. In particolare, tengo a sottolineare l'apprezzamento per l'iniziativa degli organizzatori del Pride che hanno deciso di concorrere all'incremento delle risorse disponibili per tutti i cittadini lanciando il Rainbow Social Fund, una raccolta fondi che in parte verrà devoluta al Fondo di Mutuo Soccorso del Comune dedicato al sostegno e alla ripartenza di Milano dopo l'emergenza sanitaria".

Il calendario degli eventi

Milano Pride 2020 riparte grazie alla voglia di ricostruire un domani più incisivo per tutti. Testimoni di questa volontà, sono i molti eventi in programma.

Il calendario completo in continuo aggiornamento è disponibile sul sito http://www.milanopride.it/eventi.

 

Rainbow WineTelling

19/6 - 19:30; 20/6 - 18:30; 21/6 - 19:30;  25/6 - 19:30; 26/6 - 19:30; 28/6 - 19:30

6 appuntamenti live sul canale instagram di Milano Wine Week

Milano Wine Week supporta il Milano Pride e approfondisce le storie d'incontro tra il vino e alcune personalità milanesi in diretta dai locali LGBTQIA+ di Porta Venezia. Il vino diventa l'elemento conviviale che stimolerà una conversazione informale, intima e divertente che farà emergere storie curiose, personali e molto altro.

Digital Show

Ogni mercoledì sera, 21:20, in esclusiva sul canale Twitch del Milano Pride

Un vero e proprio live show condotto da Daphne Bohémien con artisti queer italiani e internazionali.

Rights must go on

22/6, ore 19:30

Perché Pride e festival LGBTQIA+ non si devono fermare in mezzo alla pandemia.

Una chiacchierata con Tiziana Fisichella (Milano Pride), Debora Guma (Festival Mix), Francesco Pintus (Milano Pride) e Paolo Armelli (Festival Mix)

Scopriamo il Milano Pride

23/6, 21:30

La Wanda Gastrica presenta le associazioni del Coordinamento Arcobaleno, le loro voci e le loro istanze.

Tuttinpiazza

26/6, ore 21

Gli autori dei documentari Claudio Cipelletti e Valerio Governi dialogano con il politico e attivista Franco Grillini. Corredano il talk il ciclo dei documentari che raccontano la storia del movimento LGBT+ italiano, mandati in visione sul canale YouTube del Milano Pride dal 19/6.

Evento di chiusura

27/6, orario TBD - in esclusiva su YouTube

In mancanza dell’evento conclusivo della parata, il Milano Pride trasferisce tutto online. Una serie di discorsi e interventi delle associazioni e delle varie realtà che sono l’anima di questo Pride, la partecipazione delle istituzioni e una line up di artisti e performer.

 

SOCIAL MEDIA

#MilanoPride          

#FamiglieREsistenti

Facebook: @milanopride                            

Instagram: @milanopride

Twitter: @milanopride

milanopride.it

|||

S'intitola "Umane Tracce" la mostra del fotografo Nicola Paccagnella, a cura di Paola Riccardi, inserita all'interno degli eventi di PHOTO FESTIVAL 2020.

L'inaugurazione dell'esposizione è prevista per venerdì 18 settembre 2020, dalle ore 18.30 alle 21.00 presso la Galleria al142 - Viale Monza 142, Milano.

Un lavoro intenso e profondo che parla di Umanità. Fotografie di un qualcosa che non esiste più, che è stato abbattuto e distrutto, sparito per sempre.

2018, Porto Marghera: tra incuria e abbandono, nel mezzo di un destino segnato, emergono tracce di vita, indizi di esistenza, bagliori di dignità. Segni rarefatti della presenza dell'uomo, che invitano a riflettere sul nostro essere Umani attraverso un percorso in equilibrio tra contenuto emotivo e forza evocativa.

Gli scatti sono ambientati in una fabbrica per la produzione di malto dismessa, sottoposta ad un progetto di riqualificazione portuale, fotografata appena prima della sua demolizione. Finiti gli anni della produzione, in epoche diverse, gli edifici sono stati abitati da clandestini e rifugiati.

Ma, nonostante il luogo fotografato sia abbandonato, l'obiettivo di Nicola Paccagnella riesce a catturare le particolari atmosfere in cui ha vissuto lo spirito degli uomini sconosciuti di ieri e oggi. E perfino la forza delle cose attorno a quelle persone, a quegli essere umani.

Fotografie che accarezzano crudamente una presenza / assenza. Un non c'è più che sopravvive grazie alle immagini di Nicola, in piena aderenza alla poetica della fotografia documentaria.

La mostra è accompagnata dal volume "Umane Tracce" (Ediz. Crowdbooks), 2020.

Libro e stampe per collezionismo saranno acquistabili in mostra.

LA MOSTRA: GIORNI E ORARI

L'inaugurazione della mostra è prevista per Venerdì 18 settembre 2020, dalle ore 18.30 alle ore 21.00.

L'esposizione sarà visitabile dal 19 settembre al 4 ottobre 2020

Orari: Giovedì-ven-sab dalle ore 16.30 alle ore 19.30

Tutti gli altri giorni su appuntamento telefonando al numero: +39 3402554947

Dove:

Galleria al142

Viale Monza 142, Milano

Cortile interno, citofono 105

Ingresso libero

NICOLA PACCAGNELLA

Nasce nella terraferma veneziana nel 1976. Dal 2012 scopre nella Fotografia lo strumento ideale per iniziare un percorso di ricerca e di espressione personale. Si laurea in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale, e questo suo percorso universitario lo porta a focalizzarsi sulla città nelle tanti componenti che la generano e la vivono, oltre che sugli elementi essenziali che ne compongono il paesaggio e la quotidianità, in cui spesso la presenza umana è evocata e richiamata più che mostrata.

"La sua Fotografia appare come una composizione di brani fotografici nei quali la nostra visione è completamente immersa" scrive la storica dell'arte Francesca Boncompagni. "Ci guida dentro il suo universo interiore, nella sua dimensione psichica e introspettiva nel tentativo di spingere lo sguardo al di là di uno spazio definito. Una ricerca sperimentale volta alla scoperta di suggestioni, misteri, verità nascoste".

Dal 2012 è membro di Frequenze Visive, associazione locale che esplora e promuove la cultura fotografica. Sono note alcune delle sue foto di street photography sulle città europee, inserite in una serie di mostre e cataloghi dedicati alle capitali d'Europa e curati dalla stessa associazione.

Nel 2018 e nel 2019 ha lavorato al progetto "Umane Tracce". Scompare prematuramente lo scorso 7 febbraio.

Alla memoria di Nicola Paccagnella è stato dedicato il Premio Umane Tracce che aprirà a gennaio 2021.

 

MOSTRE

Con le sue fotografie ha partecipato a mostre collettive d'arte a Venezia, Genova, Perugia, Terni e Viterbo e a mostre fotografiche collettive a NewYork, Budapest, Cracovia, Genova e Trieste.

2017

Scatto Matto, mostra fotografica collettiva, Genova, Palazzo Saluzzo

Gifts of Art, mostra collettiva di arte contemporanea, Genova, Palazzo Ducale

Intimarte, mostra collettiva di arte contemporanea, Perugia, RoccaPaolina

2018

Life, mostra personale, Padova, Virgo Club

Art Walk 2018, mostra collettiva di arte contemporanea, Venezia, Palazzo Zenobio

Black&White, mostra collettiva di arte contemporanea, Genova, Palazzo Saluzzo

London Calling, mostra fotografica collettiva con Frequenze Visive, Venezia, Vigonovo

Forme e Colore#2, mostra collettiva di arte contemporanea, Spoleto, Atelier Doriano

Urban Photo Award, concorso e mostra collettiva (3 foto selezionate),Trieste Airport

UrbanPhotoAward, concorso e mostra collettiva (3 foto selezionate), Krakow, PoDrodze (PL)

G.L.G. Premio Byron 2019, concorso e mostra collettiva (8° classificato), Terni, Museo Arcivescovile

Lines and Curves, concorso e mostra collettiva (1 foto selezionata), Budapest, PH21Gallery (HU)

The Print Swap Project Party, mostra collettiva organizzata da Feature Shoot (2 foto selezionate), NewYork, Root Studios Brooklin (USA)

2019

Forme e Colore, mostra collettiva di arte contemporanea, Viterbo, Museo Colle del Duomo

 

NICOLA PACCAGNELLA | Fotografo

https://www.nicola.photos

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

GALLERIA al142

Viale Monza, 142

Milano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

instagram | facebook @alcentoquarantadue

 

|||

Chi è affezionato al teatro, ormai in stop da più di tre mesi, in particolare nel caso del Franco Parenti di Milano potrebbe ricominciare a ‘riavvicinarsi’ respirandone in qualche modo l’aria grazie alla splendida struttura annessa dei Bagni Misteriosi - i due luoghi hanno sempre dialogato e speriamo che possano tornare a farlo presto.

«Dopo un adeguamento degli spazi, dei flussi e dopo aver studiato le modalità di convivenza nel rispetto delle Linee Guida emesse dalle Autorità» (dalla nota ufficiale), martedì 2 giugno i Bagni Misteriosi hanno riaperto le proprie porte al pubblico per la balneazione e i servizi di ristoro.

Turni, orari e biglietti dal 2 al 7 giugno

Nuoto mattutino:

- h 8.00 > 9.30 5€ Turno in vasca (A)

- h 8.00 > 8.45 Turno in vasca (B) h 8.45 > 9.30

Mattina A h 9.30 > 13.30 intero 10€ - ridotto* 7€

Mattina B h 10.00 > 14.00 intero 10€ - ridotto* 7€

Pomeriggio A h 14.00 > 18.00 intero 10€ - ridotto* 7€

Pomeriggio B h 14.30 > 18.30 intero 10€ - ridotto* 7€

Serale A h 18.30 > 22.30 intero 10€ - ridotto* 7€

Serale B h 19.00 > 23.00 intero 10€ - ridotto* 7€

 

Giornaliero h 10.00 > 18.00 intero 15€ - ridotto* 12€

Pomeriggio Large h 14.30 > 22.30 intero 15€ - ridotto* 12€

 

*Le riduzioni sono valide per disabili. Prevendite disponibili on line a partire da domenica 31 maggio

Vi anticipiamo, inoltre, che dal 7 giugno saranno disponibili il calendario, le tariffe e gli orari oltre che le regole definitive che rimarranno in vigore per tutta la stagione estiva. Intanto, vista la situazione che stiamo attraversando vi anticipiamo le regole decise per questa settimana a tutela nostra e degli altri.

 

PROCEDURE ADOTTATE PER TUTELARE LA SALUTE DEI BAGNANTI E DEL PERSONALE:

– All’ingresso viene applicata la rilevazione di temperatura tramite termoscanner. Potranno accedere le persone con temperatura inferiore/uguale a 37,5°C.

– Gli ingressi sono contingentati e scaglionati, programmati e gestiti tramite la prevendita on line.

– È obbligatorio l’utilizzo della mascherina protettiva in tutte le aree comuni e il mantenimento, come stabilito da norme vigenti, della distanza sociale di 1,50 m

– I servizi armadietto, spogliatoio e doccia interna sono momentaneamente sospesi.

– È incentivato l’utilizzo dei distributori di detergente disinfettante per le mani posizionati nelle aree comuni.

Per quanto concerne la balneazione sono obbligatorie cuffia e ciabatte e costumi contenitivi per bambini di età inferiore ai 3 anni. Non sono ammessi animali.

Regole di convivenza in sicurezza

Aree interne/Piscina

– Obbligo di indossare le ciabatte.

– Prima di accedere è importante igienizzarsi le mani tramite i distributori posti all’ingresso.

– Prima di entrare nell’area vasca, come da prassi, sarà necessario fare la doccia e passare nella vaschetta ‘lavapiatti’.

– Durante la permanenza nell’area, sono valide le regole di distanziamento sociale e utilizzo della mascherina protettiva come da DL.

Non dimentichiamoci che i Bagni Misteriosi, oltre a essere stati in sé la rinascita del Centro Balneare Caimi, sono stati pensati come un luogo in cui potessero accadere diverse tipologie di spettacolo all’aperto e come un posto dove poter stare letteralmente da mattina a sera. A tal proposito ricordiamo che è prevista la possibilità di ristoro in loco con una grande attenzione, anche in questo caso, alla sicurezza.

Per evitare assembramenti o lunghe attese sono attive differenti modi di fruizione del servizio bar e bistrot (dalle h 8.00 alle 18.30)

– Servizio itinerante (acqua, bibite fresche)

– Bistrot interno e esterno (da prenotare in loco)

– Bistrot in terrazza previa prenotazione*

 Servizio Aperitivo (h 18.00 – 23.00. Nota bene: l’ingresso è in via Botta 18)

– Ingresso consentito a piedi nudi o con sovrascarpe messi a disposizione dal personale.

– Servizio sul prato 18€

– Servizio al tavolo 25€ previa prenotazione*

– Servizio in terrazza 40€ previa prenotazione*

*Per info e prenotazioni bistrot in terrazza e aperitivo +39 3517052353 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Da decreto ministeriale sappiamo che teoricamente i cinema e i teatri dovrebbero riaprire il 15 giugno, ma non è detto che le strutture siano pronte a farlo (avendo necessità pure di supporti importanti visti gli adeguamenti richiesti). Possiamo però augurarci, intanto, che i Bagni Misteriosi possano tornare ad animarsi con performance (già in passato ne hanno proposto diverse che abbracciavano varie arti, creando delle vere e proprie ‘magie’). Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

 

|||

di Giacomo Gallina

La lettura è libertà. Oltre alla facoltà didattica vi una rivoluzione dell'anima volta al potersi elevare autonomamente, la completa libertà nel poter imparare, il coraggio di affrontare viaggi immaginari e potersi, così, immedesimare in una persona o in luoghi estranei. Qui si comincia a sviluppare l’empatia, la capacità di capire i tratti caratteriali e i bisogni dell’altro al di fuori del sé.
Personalmente, ho sempre ritenuto la curiosità come una delle qualità fondamentali dell'essere umano.
Una facoltà che deve portare a chiedersi continui ed estenuanti "perché?", obbligandoci a cercare altrettante e continue risposte. I libri che siano cartecei, digitali o sotto forma di World Wide Web ci permettono di poterlo fare.

Queste sono alcune delle intenzioni che hanno fatto nascere l'associazione BOOKCITY MILANO, presieduta da Piergaetano Marchetti e diretta da un Consiglio di indirizzo di cui fanno parte Carlo Feltrinelli, Luca Formenton, Piergaetano Marchetti e Achille Mauri e la relativa manifestazione dedicata al libro e alla lettura.

L'evento che quest'anno si svolgerà dall'11 al 15 novembre 2020, coinvolgerà tutto ciò che gira attorno al libro: editori grandi e piccoli, librai, bibliotecari, autori, traduttori, grafici, illustratori, blogger, studenti, professori, lettori occasionali o forti, di ogni età, così come chi alla lettura è stato sinora estraneo. Ma non solo.

 

BOOKCITY MILANO non è un'associazione chiusa, ma permette ad altri attori, pubblici e privati di partecipare all'evento proponendo idee e location su tutto il territorio milanese.
Dal 5 marzo e fino al 31 maggio vi è la possibilità di richiedere l’ospitalità in una sede “BookCity", mentre sarà possibile presentare progetti e proposte da ospitare in una propria sede dal 27 aprile all'11 settembre 2020.

Questa attività promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall'Associazione BOOKCITY MILANO, è costituita da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri e Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori.
Il successo dell’originalissima formula di BookCity Milano ha contribuito all’assegnazione nel 2017 a Milano della importante qualifica di Città Creativa UNESCO per la Letteratura. Inoltre, dopo Dublino e Barcellona, continuano i gemellaggi con la rete delle città creative UNESCO: quest’anno sarà il turno della tedesca Heidelberg.

 

Ma bisogna sottolineare che questo è l'anno Internazionale della Salute delle Piante e il tema di questa edizione sarà l'ambiente, con l'hashtag #TerraNostra, un focus che vuole affrontare una tematica urgente e importante, centrale per la città di Milano e non solo. Sospesi tra emergenze e speranze, abbiamo la responsabilità di scrivere un futuro bello e possibile per ciascuno di noi, per le future generazioni e per l’intero pianeta.


La presidenza per l'edizione 2020 è stata affidata a Luca Formenton (Fondazione Mondadori). Ai lavori dell’Associazione partecipa, in rappresentanza del Comune di Milano, l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

#BCM2020
www.bookcitymilano.it

|||

Fondazione Prada presenta a Milano la mostra "K", dedicata ai tre romanzi incompiuti dello scrittore ceco Franz Kafka: America, Il Processo, Il Castello. Tutti pubblicati postumi tra il 1925 e il 1927, hanno ispirato l'artista Martin Kippenberger, il regista Orson Welles e la band di musica elettronica Tangerine Dream a un riadattamento.

Pagina 1 di 82

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.