CHIAMACI +39 333 8864490

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa Cookie Policy

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo inviati dal sito al terminale dell’interessato (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito alla successiva visita del medesimo utente. Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell’utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell’utente. Alcune delle funzioni dei cookie possono essere demandate ad altre tecnologie. Nel presente documento con il termine ‘cookie’ si vuol far riferimento sia ai cookie, propriamente detti, sia a tutte le tecnologie similari.

Tipologia dei cookie

I cookie possono essere di prima o di terza parte, dove per "prima parte" si intendono i cookie che riportano come dominio il sito, mentre per "terza parte" si intendono i cookie che sono relativi a domini esterni. I cookie di terza parte sono necessariamente installati da un soggetto esterno, sempre definito come "terza parte", non gestito dal sito. Tali soggetti possono eventualmente installare anche cookie di prima parte, salvando sul dominio del sito i propri cookie.

Natura dei cookie

Relativamente alla natura dei cookie, ne esistono di diversi tipi:

Cookie tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in: • cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate); essi sono di fatto necessari per il corretto funzionamento del sito; • cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, al fine di migliorare le performance del sito; • cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. Per l'utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell'interessato. L’utente può autorizzare o negare il consenso all'installazione dei cookie attraverso le opzioni fornite nella sezione "Gestione dei cookie". In caso di cookie di terze parti, il sito non ha un controllo diretto dei singoli cookie e non può controllarli (non può né installarli direttamente né cancellarli). Puoi comunque gestire questi cookie attraverso le impostazioni del browser (segui le istruzioni riportate più avanti), o i siti indicati nella sezione "Gestione dei cookie".

Cookie installati su questo sito

Ecco l'elenco dei cookie presenti su questo sito. I cookie di terze parti presentano il collegamento all'informativa della privacy del relativo fornitore esterno, dove è possibile trovare una dettagliata descrizione dei singoli cookie e del trattamento che ne viene fatto.

Elenco dei cookie presenti sul sito NEROSPINTO

Cookie di sistema Il sito NEROSPINTO utilizza cookie per garantire all'utente una migliore esperienza di navigazione; tali cookie sono indispensabili per la fruizione corretta del sito. Puoi disabilitare questi cookie dal browser seguendo le indicazioni nel paragrafo dedicato, ma comprometterai la tua esperienza sul sito e non potremo rispondere dei malfunzionamenti. Facebook Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di “like” sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy Twitter Twitter utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare le pagine: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter e https://twitter.com/privacy?lang=it Google+ Google+ utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina http://www.google.com/policies/technologies/cookies/ Pinterest Pinterest utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://about.pinterest.com/it/privacy-policy Durata dei cookie I cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza (o da un'azione specifica come la chiusura del browser) impostata al momento dell'installazione. I cookie possono essere: • temporanei o di sessione (session cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser; • permanenti (persistent cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l'utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il browser. NEROSPINTO terrà opportuna traccia del/dei consenso/i dell’Utente attraverso un apposito cookie tecnico, considerato dal Garante Privacy uno strumento “non particolarmente invasivo”. L’Utente può negare il suo consenso e/o modificare in ogni momento le proprie opzioni relative all’uso dei cookie da parte del presente Sito Web, tramite accesso alla presente Informativa Privacy che è “linkabile” da ogni pagina del presente Sito. L’Utente ha la facoltá in qualsiasi momento di esercitare i diritti riconosciuti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 ed, in particolare, tra gli altri, di ottenere copia dei dati trattati, il loro aggiornamento, la loro origine, la finalità e la modalità del trattamento, la loro rettifica o integrazione, la loro cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco per i trattamenti in violazione di legge e di opporsi per motivi legittimi al trattamento. Per esercitare tali diritti, scrivere a NEROSPINTO . Se è già stato dato il consenso ma si vogliono cambiare le autorizzazioni dei cookie, bisogna cancellarli attraverso il browser, come indicato sotto, perché altrimenti quelli già installati non verranno rimossi. In particolare, si tenga presente che non è possibile in alcun modo controllare i cookie di terze parti, quindi se è già stato dato precedentemente il consenso, è necessario procedere alla cancellazione dei cookie attraverso il browser oppure chiedendo l'opt-out direttamente alle terze parti o tramite il sito http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte Se vuoi saperne di più, puoi consultare i seguenti siti: • http://www.youronlinechoices.com/ • http://www.allaboutcookies.org/ • https://www.cookiechoices.org/ • http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome 1. Eseguire il Browser Chrome 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Impostazioni 4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Consentire il salvataggio dei dati in locale • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser • Impedire ai siti di impostare i cookie • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet • Eliminare uno o tutti i cookie Mozilla Firefox 1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Opzioni 4. Selezionare il pannello Privacy 5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali 8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile: • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta) • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati. Internet Explorer 1. Eseguire il Browser Internet Explorer 2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet 3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie: • Bloccare tutti i cookie • Consentire tutti i cookie • Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti. Safari 1. Eseguire il Browser Safari 2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy 3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet. 4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli Safari iOS (dispositivi mobile) 1. Eseguire il Browser Safari iOS 2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre” 4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati Opera 1. Eseguire il Browser Opera 2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie 3. Selezionare una delle seguenti opzioni: • Accetta tutti i cookie • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati.

Oberlunar|||

Intervista a Oberlunar, il compositore che ha destrutturato Bach attraverso una IA

Cosa succede quando un cervello “alieno” viene addestrato a disimparare Bach nelle sue intime regole?
Lo abbiamo chiesto al primo compositore italiano che ha utilizzato in modo estensivo tecniche di composizione generativa basata su IA, Francesco Bardozzo, in arte Francis Oberlunar.

Una laurea con lode in intelligenza artificiale e computazionale presso la Facoltà di Informatica dell’Università di Salerno e un dottorato di ricerca (PhD summa cum laude) in intelligenza artificiale applicata alla chirurgia micro-robotica, Oberlunar ci ha raccontato il suo album esperimento,
Destructured Bach.

 

 

Quali sono, secondo lei, le ragioni di interesse della destrutturazione della musica attraverso un’intelligenza artificiale e le principali criticità scientifiche, artistiche, filosofiche e musicologiche del suo Destructured Bach?

Salve Claudia, la ringrazio per questa intervista. Indubbiamente è una domanda complessa, cercherò di essere sintetico.

Il mio intento musicologico, artistico, filosofico deriva da una conseguenza musicale storica e scientifica e ne trova anche alcune criticità molto moderne. Se dovessi fissare un punto di inizio penserei al maestro Igor Stravinskji e, successivamente, al serialismo musicale. Stravinskji negli anni '40 affermò in alcune conferenze su suolo Americano che con le sue opere non voleva esprimere nulla; lasciando intendere che eravamo noi con i nostri bias cognitivi ad attribuire dei significati a certe sequenze musicali rispetto che ad altre. Tempo dopo Pierre Boulez raccontò che nella sua opera Structures la strategia compositiva adottata era la non scelta. Seppur avesse certe brillanti non scelte il suo principale dilemma era quello di capire come un essere umano potesse avere una reale e distaccata non scelta. Ipotizzò pertanto l’utilizzo di un calcolatore con dei processi generativi musicali casuali. Pensai che nella casualità non sussiste esattamente una certa razionalità della ‘non scelta’ e nel contempo incominciai a maturare l‘idea che questa ‘non scelta razionale’ si potesse ottenere con delle reti neurali artificiali non supervisionate (voi le conoscete come un certo tipo di intelligenze artificiali). Nel mio video musicale “from Contrapunctus XIII of J.S.Bach ” ci sono 4 fantasmi che rappresentano quattro reti neurali che cooperano. Un fantasma ragiona sulle intensità delle note nel tempo, l’altro sulle pause tra note nel tempo, l’altro ancora sulla durata delle note nel tempo e l’ultimo fantasma ragiona in modo più complesso sull’armonia e la melodia in correlazioni verticali ed orizzontali nel tempo. Le ho raffigurate come fantasmi perché quello che mi interessava a livello filosofico nella strategia compositiva è proprio ciò che non è presente, e che non è passato e non morto seppur fosse mai stato artificialmente vivo. La chiave di lettura di Destructured Bach giace nella capacità generativa musicale para-umana manifestata dalla A.I nella sua non-origine creativa, ovvero nello spazio astratto di strutture armonico/melodiche che la stessa A.I. si auto-crea. Era a tratti inquietante questa visione fantasmatica della AI tanto quanto sapere che questa nel mentre crea non ne ha coscienza. Del resto, al contrario di tante A.I. commerciali, il mio progetto di A.I. destrutturante è volto a disimparare in modo sistematico invece di istruire una macchina a simulare il già fatto. Il mio intento pertanto è molto più sincero rispetto al semplice gioco dell’imitazione degli umani e delle loro scelte, raggiungendo un qualcosa che sostanzialmente non appartiene a quel mondo e che nessuno ha mai realizzato con tanta chiarezza. In generale, tutto il mondo dell’AI è in profondo dubbio sulla capacità di estrapolazione delle AI, alcuni ci vedono soltanto una interpolazione molto complessa. Del resto, nella musica artificiale fatta di ‘non scelte’ eseguite in modo razionale, cercare di capire se l’interpolazione è inclusa nella estrapolazione o viceversa è difetto di noi significanti. Un mio amico, Samuele Vassallo, mi vede come un ricercatore di quel senso del non-tempo distonico, distopico ed anti-diatonico; non ho mai inteso se ciò è dovuto ad una criticità artistica. Sono un meta-autore in Destructured Bach, e l’A.I. per come la vedo io fa musica per se stessa e forse per altre macchine, non per me medesimo od altri umani.


Alcuni studiosi privilegiano il termine razionalità, con la finalità di evitare i riferimenti antropomorfici intrinsechi nel termine intelligenza. Qual è la sua posizione, in particolare con riferimento al suo ultimo esperimento musicale?

Se alcuni studiosi privilegiano il termine razionalità (per avvicinarla alla logica umana) è perché parlare di intelligenza farebbe accostare l’interpolazione della macchina alla capacità di estrapolazione umana.
Definire una mia posizione in riferimento a Destructured Bach è prematuro. Una posizione potrebbe voler dire che io debba trovarmi in una relazione di ordine, una sequenza, dove qualcuno ha fatto un esperimento come il mio e viene prima di me. Per quella che è la mia conoscenza, ho il primato su questo esperimento (https://www.repubblica.it/tecnologia/blog/smart-cube/2021/08/06/news/quando_il_musicista_duetta_con_un_intelligenza_artificiale_live_-313126658/), pertanto, non per presunzione e non per vanagloria ma, reputando non ci sia niente prima di Destructured Bach, mi è veramente difficile fare dei confronti e fare che altri facciano confronti. Non mi interessa molto sporcare l’apollineo artificiale col dionisiaco umano. Sempre parlando di esperimento, mi piace pensare che l’ho tracciato e lo sto osservando senza farmi troppo trasportare dalle emozioni.

Quali sono le differenze tra la decostruzione musicale à la Jaques Deridda e la sua destrutturazione?

Lei sa che Deridda è un incidente nella mia vita! Un bel dì, giacevo felice nella mia ignoranza e qualcuno è passato e mi ha fatto conoscere la Decostruzione di Deridda. Anzi no, forse era la diffèrance, dopodiché mi infilzò con la Decostruzione. Vi assicuro che più mi addentro nei miei progetti, più emerge l’ombra di Deridda senza che la cerchi alquanto. Più ingegno cose complesse, più Deridda si fantasma tramite tante bocche ed oracoli. Decostruzione musicale significa andare oltre la prima percezione musicale, pensiamo alla prima percezione di più vibrazioni in sequenza in certi domini periodici. Quindi Decostruire significa scavare più a fondo rispetto alla prima facciata della realtà nella quale ciò che percepiamo/ascoltiamo ci proietta. È un metodo, una procedura speculativa filosofica che si verticalizza e ti spinge nel fondo delle cose, facendoti attaccare all’idea musicale che ti sei fatto per indagarla. Destrutturare non è affatto Decostruire poiché porta con sé, in modo intrinseco, l’intento della ri-generazione, ovvero, del valore della ricostruzione. Le dirò di più, Destrutturare non significa Distruggere. Come accennavo all’inizio, destrutturare non significa non rispettare tutte le regole senza un criterio. Significa non rispettare tutte le regole musicali con una certa razionalità sistematica, un certo criterio.

Chi lo crea questo criterio?
Il codice che ho scritto, l’AI che ho creato ha una certa libertà operativa musicale pertanto disimpara e impara da sola a comporre, senza mai dirgli cosa è giusto e cos'è sbagliato. Facendo un esempio: nel triangolo della percezione musicale nel tempo di Sant’Agostino si può guardare alla destrutturazione come un disegno geometrico dove man mano si perdono certe relazioni. Quindi nell’“actus sentiendi” di una rete neurale pur se si mantengono gli apici del triangolo (i punti del passato, presente e futuro percettivo) ne vengono rimossi i lati che li congiungono per crearne altri. Sicché, il tempo scompare e riappare nel suo paradosso temporale come un fantasma matematico che da solo ricompone i pezzi di un puzzle dimenticato.

Prima della pubblicazione di Destructured Bach, ha applicato una versione musicale del test di Turing (progettata con Morgan) su un campione di circa 1000 volontari. Vuole illustrarci le finalità e i risultati di questo esperimento?
La finalità dell’esperimento era quella di capire se l’essere umano potesse essere ingannato dal non-gioco dell’imitazione che l’intelligenza artificiale perpetrava durante l’atto di comporre musica. Questo esperimento ci ha permesso di decifrare quali modelli di intelligenza artificiale si allontanassero di più dalla percezione musicale umana per scovare cosa fosse celato altrove. Nonchè, interessanti relazioni si erano intraviste tra le composizioni delle AI ed il serialismo musicale.

Quello che posso riportarvi è che molte persone sono rimaste spaesate dal fatto che ciò che sentivano possedeva la forza della non finitezza. Un'esplosione continua di biforcazioni di idee compositive senza mai affacciarsi ad una chiusura era quello che Morgan si aspettava ed è ciò che è successo. Distopia musicale era il concetto soggiacente più evidenziato. Il secondo era il senso perenne di mancanza di tempo, di attesa, di qualcosa che sta per arrivare e non arriva mai. Dopo questo test, ho realizzato che i tempi erano maturi per pubblicare Destructured Bach.

Grazie a questi esperimenti ho imparato a conoscere Morgan dal punto di vista umano. Per quello che riguarda Morganissimo, non me ne vogliate, ma devo dirlo, mi stupisce il continuo sommarsi di critiche che gli muovono da più fronti, mi dispiace e sostanzialmente, spesse volte, non realizzo se sono più disumane le mie A.I. oppure altre forme di ‘vita’…


La configurazione di una rete neurale che cerca di destrutturare e disimparare Bach, provando a farlo diventare quanto più anti-emozionale possibile, vuole incentivare l’ascoltatore a ricercare le emozioni umane, spingere ad una sorta di illusione pareidolitica?

L’ascoltatore si sente privato di emozioni umane in un qualcosa che sembra umano ma non lo è, e ciò, sicuramente genera tante altre emozioni proprio perché siamo esseri umani e abbiamo dei bias cognitivi musicali molto pronunciati. La pareidolia non è mai stato un obiettivo ma una forte critica che mi hanno mosso. Ovvero associare a qualcosa di umano un evento completamente casuale generato dalla natura oppure, in questo caso, da una macchina. Il problema di coloro che hanno criticato questo lavoro, pensando alla pareidolia, sta nell’aver mal inteso che la generazione delle composizioni della AI sia scaturita senza alcun criterio. Ovvero con casualità. Nella mia rete neurale (A.I) non c’è casualità ed alla fine si capisce ascoltando veramente Destructured Bach. Del resto la mancanza di casualità si sentirà meglio anche in altri lavori che pubblicherò a breve, uno con Antonio Gallucci e forse Morgan (sto aspettando la sua conferma).

Il fatto che manchi la casualità/aleatorietà in qualcosa di artistico che sentiamo o vediamo disordinato, entropico non ci deve impressionare troppo. Ad esempio, alcuni scienziati hanno provato che un quadro di Pollock rispetta i principi fisici del pendolo asincrono sottolineando implicitamente una mancanza di casualità. Questo dovrebbe farci riflettere.


Nel risultato permane qualcosa dell’addestramento cui la rete neurale è sottoposta prima di generare musica? O di Johann Sebastian Bach non rimane realmente più niente?


Bach diventa l’insegnante della non scelta razionale che l’AI andrà a compiere disimparando. Quindi non è che di Bach non rimane niente. Di Bach c’è tutto ma sotto un punto di vista completamente differente e non umano. In altre parole, rimane tutto ciò che non è nell’universo di Bach, dall’espressione dei suoi bias cognitivi alla sua imponente logica musico-matematica nell'essere stato uno dei più importanti testimoni e medium della nostra forma di musica umana.

Vi ringrazio, spero di non essermi troppo dilungato e mi complimento per le domande assai complesse alle quali nemmeno io mi ero mai interrogato così a fondo. Vorrei raccontare le persone che hanno partecipato alla creazione di questo esperimento a vario titolo.
In primis, Marco Castoldi in arte Morgan, il quale è stato centrale nella sua realizzazione e, non di meno, lo è stato il compositore Igor Merlini (consulente alla musica RAI). I due maestri mi hanno aiutato spinti da un forte spirito di ricerca e curiosità. Ringrazio e saluto il Prof. Maurizio Galluzzo (dell’AI-ISIA dell’Università di Firenze) che ha patrocinato l’iniziativa. Nonché, ringrazio il Prof. Roberto Tagliaferri (NeuroneLab ed Osservatorio sulle applicazioni dell’Intelligenza Artificiale DISA-MIS - Università di Salerno) ed il Prof. Pietro Liò (Computer Laboratory - Università di Cambridge) per i loro preziosissimi insegnamenti. Infine saluto il Prof. Claudio Simoncini (neuroscienziato dell’Università di Marsiglia) per i suoi importantissimi pareri scientifici sui parallelismi ed anti-parallelismi tra cervello umano e macchina “intelligente” musicale.

Info, Social e Contatti

Video di From Contrapunctus XIII of J.S.Bach https://youtu.be/s5VymLrtEMQ
Video intervista a Oberlunar: https://youtu.be/wXK4wVoV11M
Spotify: https://open.spotify.com/album/7y9BtGRFEepf9UyRKokJ5I?si=n8BNxENuSeCjzuGMMN8IBA

Instagram: https://www.instagram.com/oberlunar/
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCP8pZRmWepz1uF6SgXXySCQ
Facebook: https://www.facebook.com/oberlunar
Soundclound: https://soundcloud.com/oberlunar
Website: https://www.oberlunar.com

 

Claudia Erba

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.