CHIAMACI +39 333 8864490

||||||

Leopoldo Pirelli.Impegno industriale e cultura civile, è il documentario in onda su Sky Arte HD che racconta la vita di Leopoldo Pirelli

Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile, su Sky Arte HD il docu-film che racconta la figura dell'imprenditore lombardo.

Matteo Moneta e Valeria Parisi firmano il docu-film Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile, in onda su Sky Arte HD lunedì 30 gennaio alle ore 20.00.
Realizzato da 3D Produzioni per Fondazione Pirelli, Associazione Chiamale Storie, MeMoMi, Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile racconta la personalità dell’ultima figura imprenditoriale, insieme a quella di Gianni Agnelli, che ha dato prestigio all’industria italiana.

Visionario, curioso e mai spaventato dal nuovo, schivo e poco attratto dalla vita mondana, Leopoldo Pirelli rivive nel documentario in onda su Sky Arte HD attraverso il ricco materiale d’archivio che ci restituisce una figura completa dell’imprenditore e dell’uomo raccontata non solo attraverso fonti video e fotografiche ma anche grazie alle preziose testimonianze di chi gli ha voluto bene, con lui ha lavorato e a lui è succeduto. In Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile ritroviamo Rosellina Archinto, la compagna editrice di Pirelli, il figlio Alberto, Marco Tronchetti Provera, ora al timone del grande gruppo Pirelli, Sergio Cofferati, Vittorio Gregotti, Valerio Castronovo, Antonio Calabrò, Michele Salvati, Furio Colombo, Gianni Cervetti e Piero Bassetti. E ancora l’autista personale, la storica segretaria, il ristoratore di fiducia, lo skipper compagno di traversate in mare e il nipote medico che ha assistito Leopoldo Pirelli fino alla fine.
Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile, si arricchisce della voce di Maddalena Crippa e delle parole di Toni Servillo che legge il decalogo del buon imprenditore opera che lo stesso Pirelli scrisse in occasione del conferimento della medaglia d’oro di socio onorario del Collegio degli Ingegneri di Milano. Presentato in anteprima negli spazi Pirelli di Hangar Bicocca questo docu-film è un piccolo gioiello da non perdere per conoscere meglio la storia dell’Italia e la straordinaria figura di Leopoldo Pirelli che ha fatto grande quel made in Italy di cui tanti oggi si fregiano con estrema facilità e poca attenzione all'essenza del significato.

Da Pirelli ereditiamo grandi lezioni professionali e umane. Quello che a tutti gli effetti può essere definito come l’ultimo capitano (appellativo che testimonia anche la sua forte passione per il mare) della grande stagione industriale italiana è stato capace, sin dagli inizi della sua presidenza iniziata nel 1965, di agire con forte senso di libertà e responsabilità facendo della Pirelli un simbolo di progresso di cui il Pirellone, primo grattacielo di Milano, divenne l’emblema.
Lungimirante e progressista, Leopoldo Pirelli fu il primo a capire la necessità d’internazionalizzazione dell’azienda e il dover passare da una realtà padronale a una in cui le responsabilità fossero decentrate per dar modo al singolo di adempire al suo specifico compito. Nelle mani di Leopoldo Pirelli la fabbrica si trasformò non solo dal punto di vista industriale ma anche sotto l’aspetto umano diventando un luogo di emancipazione sociale in cui i valori di rispetto e senso del dovere sono vivi ancora oggi negli spazi che, come racconta Sergio Cofferati in Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile, in passato ospitavano 30 mila operai oggi ospitano 30 mila studenti in quel complesso di edifici che formano l’Università Bicocca.
Un forte impegno Leopoldo Pirelli lo ha dedicato anche alla cultura con la creazione della Rivista Pirelli casa di prestigiose firme come Umberto Eco e Guttuso e con la creazione dell’ormai celebre Calendario Pirelli.

Tra le dieci regole del suo decalogo leggiamo: “la prima qualità che un imprenditore deve sempre avere: cercare, cercare con tutte le sue forze, di chiudere dei buoni bilanci. Se non ci riesce una volta, riprovare. Se non riesce più volte, andarsene. E se ci riesce, non credersi un padreterno, ma semplicemente uno che, dato il mestiere che ha scelto, ha fatto il suo dovere”. Nell'Italia come quella che viviamo, in un periodo storico come quello che stiamo attraversando, le parole di Leopoldo Pirelli devono risuonare non solo come un insegnamento ma anche come un monito per spingerci a ritrovare e vivere secondo quel senso di responsabilità e del dovere sempre più spesso piegato alle leggi dell’indifferenza e della cupidigia.

Informazioni Utili
Leopoldo Pirelli. Impegno industriale e cultura civile
SkyArte HD
http://arte.sky.it/

Raffaella Berardi

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.