CHIAMACI +39 333 8864490

A Treviso, un museo popolare per celebrare il tiramisù|||

Museo del Tiramisù: il nuovo progetto della città di Treviso

Il leggendario dessert al cucchiaio a base di savoiardi si prepara ad avere uno spazio tutto suo nel cuore di Treviso. Ad annunciare il progetto Museo del Tiramisù è stato Paolo Lai, titolare del ristorante “Le Beccherie” che, negli anni ’70, ha dato i natali alla ricetta ufficiale del dolce.

Veneto o Friuli Venezia Giulia? Sulla patria di uno dolci italiani più amati e famosi al mondo, il dibattito è ancora aperto, con i friulani che ne rivendicano le primissime versioni, risalenti alla prima metà del Novecento, e i veneti che collocano la ricetta negli anni Settanta. Ma ora, a farsi avanti per reclamare la propria paternità e per superare con eleganza una querelle che dura da anni, è il Veneto, prendendosi il merito di aver avuto un'idea tanto grandiosa quanto particolare: costruire uno spazio espositivo permanente che possa custodire tutti i segreti del tiramisù, per raccogliere quella memoria orale che rischia inevitabilmente di andare perduta con il cambio delle generazioni. 

Ideatori e promotori di questa bellissima iniziativa sono Carlo Campeol – figlio di Alba Campeol, che codificò per prima il Tiramisù – e Paolo Lai, lo storico e il nuovo proprietario del ristorante Le Beccherie, il locale nel cuore di Treviso dove i trevigiani affermano sia nato ufficialmente il dolce. Proprio la ricetta del “Tiramisù delle Beccherie” è stata depositata con atto notarile dall’Accademia Italiana della Cucina il 15 ottobre 2010.
Oggi il ristorante è guidato dall’imprenditore Paolo Lai, ideatore, tra gli altri progetti, della mostra Prosecco & Superiore ai Carraresi e di Carraresi Wine.

A rendere unico e speciale il progetto del Museo del Tiramisù di Treviso è il fatto che, a contribuire alla sua creazione, saranno tutti i cittadini. Da oggi, infatti, e per ogni venerdì della settimana, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, sarà attivo lo Sportello del Tiramisù presso il palazzo medievale Casa dei Carraresi dove, chiunque possieda una testimonianza, una foto, un ricordo, una ricetta personale o un aneddoto legato al celeberrimo dolce potrà consegnare il materiale e conversare con lo storico proprietario delle Beccherie. 

Uno sportello di “raccolta e ascolto” che darà la possibilità anche alle persone anziane, non avvezze all’uso del computer, di partecipare con i loro preziosi racconti. Per chi, invece, usa la posta elettronica, i materiali potranno essere inviati all’indirizzo email "Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.".
Una sorta di museo dal basso, quindi, che si nutrirà delle testimonianze e dei ricordi delle persone comuni. Una volta raccolta la “memoria collettiva”, il materiale sarà vagliato da un comitato scientifico e utilizzato per la realizzazione del museo.

“Il successo del Tiramisù nel mondo lo dobbiamo a tutti i cittadini di Treviso e ai Trevigiani nel mondo, che hanno saputo custodire gelosamente la ricetta di questo dolce e farlo conoscere nei cinque continenti con un pizzico di creatività”, affermano Paolo Lai e Carlo Campeol.
“Con questo progetto si vogliono superare le polemiche sorte nei mesi scorsi tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Il nostro obiettivo è quello di offrire ai turisti di tutto il mondo una delle più belle storie di prodotto italiano”, conclude Lai.

Il Museo del Tiramisù si troverà nel centro storico di Treviso, tra le volute medievali di Ca' Dei Carraresi, dove già è stato allestito il museo del Prosecco, un vero e proprio percorso didattico e ludico alla scoperta delle espressioni dello spumante trevigiano che è divenuto sinonimo di stile italiano nel mondo.
Non si sa ancora nulla sulla data di apertura, ma noi già non vediamo l'ora!

 

Martina Zito

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Immobili Sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.