CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Music For Installations, il nuovo cofanetto di Brian Eno

Music For Installations è una raccolta di musiche composte da Brian Eno dal 1986 a oggi per le sue esposizioni audio-visive. Pubblicato tramite UMC lo scorso 4 maggio, il cofanetto è disponibile in una raccolta di 9 vinili e in un box-set da 6 CD, entrambi corredati da un saggio scritto dal musicista e da un book di foto relative alle esposizioni.

L'interazione tra la musica e le arti visive è una questione che ossessiona Brian Eno dai tempi in cui frequentava l'istituto d'arte, e la prima volta in cui il musicista ha dato prova di saper dipingere con i suoni è stato con l'uscita di Another Green World (1975).

Dalla metà degli anni ‘70 l'artista si è infatti dato a una febbrile ricerca sugli aspetti fenomenologici del suono, che lo ha portato a rivoluzionare la prassi compositiva delle proprie opere e le modalità dell'ascolto musicale. Lo scopo era di uniformare le proprie creazioni a un'idea, quella della musica cosiddetta d'ambiente: una sorta di desemantizzazione della musica e una valorizzazione delle proprietà fonetiche dei suoni.

L'ambient music è il rifiuto categorico di articolare i suoni in strutture: non ci sono eventi sonori, soltanto suoni singoli lasciati interagire autonomamente all'interno dello spazio digitale, in modo da creare relazioni dialogiche non determinate in precedenza dal compositore. Sembra quasi paradossale, ma la musica elettronica negli anni '50 nasceva con lo scopo di poter controllare ogni parametro del suono, poi Brian Eno è intervenuto restituendo al suono l'autonomia dal controllo del compositore che, una volta messa in moto la propria creazione, perde ogni possibilità di intervento su di essa.

A indirizzare Eno verso lo sviluppo dell’ambient music è stato però qualcos'altro: la possibilità di creare una musica che fosse "più simile alla pittura che alla musica tradizionale". Successivamente ha inoltre deciso di applicare all’inverso lo stesso procedimento, realizzando opere visive che si comportano come "musica per gli occhi". Queste sono, infatti, le caratteristiche principali degli ambienti sonori e delle istallazioni ideati da Eno.

Music For Installations, una raccolta degli sfondi musicali realizzati dall'artista per le sue opere installative, azzera definitivamente le distanze tra la musica e l'arte visiva; non si tratta però di un semplice sincretismo, quanto piuttosto di processo di trasduzione, come se l'una trasferisse all'altra le proprie caratteristiche genetiche, e viceversa. Le pitture sonore di Eno e le luci e le immagini con cui il musicista realizza le proprie installazioni hanno, infatti, lo stesso modo di interagire con lo spazio circostante, modificandolo, e di influire sulla condotta percettiva. Gli spazi acustici e le esposizioni visive di Eno mostrano inoltre affinità anche dal punto di vista morfologico: sono misture polimorfiche ottenute assemblando forme geometriche pure, astratte e interattive, ambienti caratterizzati da una propria mobilità interna; degli sfondi, cangianti e sfumati, dotati pertanto di trasparenza e malleabilità.

Per maggiori informazioni: www.enoshop.co.uk

Federica Romanò

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Immobili Sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.