CHIAMACI +39 333 8864490

|||||||

Nel 2017 cresce il consumo di prodotti surgelati secondo il rapporto annuale presentato da IIAS – Istituto Italiano Alimenti Surgelati

Lo dice il rapporto annuale realizzato dall’ IIAS – Istituto Italiano Alimenti Surgelati: nel 2017 cresce il consumo dei surgelati.

Dopo il calo dei precedenti cinque anni il 2017 segna un aumento nel consumo dei prodotti surgelati in Italia secondo il Rapporto annuale sui Consumi dei prodotti surgelati stilato da IIAS- Istituto Italiano Alimenti Surgelati. Il carrello della spesa degli italiani torna a riempirsi di prodotti surgelati, un mercato che registra un incremento dei consumi superiore anche al settore alimentare arrivando a toccare un +2,9%.


Qualche numero: nei primi otto mesi dell’anno sono state 328.149 circa le tonnellate di alimenti surgelati acquistate di cui +4,1% vegetali, +4,4% ittico, +4,5% pizza e snack. Secondo quanto evidenziato dal rapporto dell’IIAS i surgelati tornano quindi ad avere una ruolo centrale nelle scelte del consumo trasformandosi in alimenti capaci di cogliere e interpretare i nuovi trend della moderna alimentazione diventando degli alleati del consumatore nella ricerca della qualità.

Altro dato interessante è quello relativo alla geografia del consumo, su circa 24.700.000 famiglie italiane che hanno acquistato surgelati, con una media 2 volte al mese, il 32,9% registrato proviene dalle regioni del Nord-est, per passare al 20,1% del Nord-ovest, fino al 26,3% del Centro e al 20,7% del Sud. Sul podio salgono i prodotti vegetali, tra i più amati dai consumatori, seguiti da quelli ittici che godono della maggior propensione degli italiani a consumare più pesce che carne, per chiudere con pizza e snack che spesso rappresentano una vera e propria alternativa al pasto principale grazie anche alle novità relative a gusto (nuove farciture e impasti con attenzione al gluten free) e al formato (non solo tondo ma anche rettangolare e calzoni).
Dopo anni di decrescita anche il settore dei piatti ricettati si è stabilizzato e inizia a crescere mentre dessert e frutta surgelata segnano rispettivamente un +4,5% e un +27,1%.
Differente è invece il discorso delle patate con una decrescita del -1,2% e delle paste semilavorate con un -22,2%.

Viviamo in una società sempre più attenta al rapporto tra salute e cibo e quindi al binomio gusto-benessere, lo dimostra il consumo di cibi biologici, prodotti integrali, alimenti senza glutine e lattosio che evidenziano la tendenza degli italiani a vivere il cibo come elisir non solo come puro piacere. In pochi sanno che una corretta alimentazione può avvalersi anche dei cibi surgelati prodotti che negli anni sono stati prede di falsi miti e di una parziale o cattiva informazione.
Per questo IIAS si è avvalso del supporto di Elisabetta Bernardi, nutrizionista e specialista in scienza dell’alimentazione, che ha cercato di rispondere ai dubbi dei consumatori offrendo un’analisi semplice ma vera dei prodotti surgelati.

“Un cibo fresco perché sia nutriente dev’essere consumato velocemente, nell’arco di poche ore o al massimo di due giorni” spiega la dottoressa Bernardi, “Il mercato dei surgelati è in grado di offrire prodotti paragonabili al fresco perché il prodotto viene raccolto, lavorato nell’arco di 2/3, e sottoposto a un trattamento termico detto blanching che disattiva gli enzimi causa del deterioramento. In questo modo si fissa anche il colore naturale del cibo che mantiene la sua brillantezza. Va detto inoltre che quando acquistiamo surgelato conosciamo già la porzione del cibo, indicata sulla scatola e questo ci permette di avere il giusto apporto di calorie e proteine giornaliere, evita lo spreco di risorse energetiche, limita gli scarti in casa e di conseguenza riduce gli sprechi alimentari. Ogni prodotto viene raccolto o pescato nella stagione giusta, controllato dall’origine e lungo tutto il processo di lavorazione per assicurare al consumatore un prodotto finale buono e di qualità”.
Interessante è anche l’approfondimento che la dottoressa Bernardi fa sui ristoranti: “ Quando vedere l’asterisco sui piatti che indicano l’uso di un prodotto surgelato non dovete pensare a un ripiego in assenza delle materie prime fresche. Nella ristorazione il surgelato è utilizzato perché sinonimo di sicurezza e qualità in tutti i periodi dell’anno, di garanzia e igienicità del cibo offerto”.

Acquistare e consumare al meglio prodotti surgelati è possibile seguendo dieci, semplici, consigli:

1- scegliere punti vendita con la maggior rotazione di prodotti
2- accertarsi che i banchi frigo siano puliti e privi di brina visibile
3- verificare che la temperatura interna del frigo sia pari o inferiore ai 18° C
4- acquistare i surgelati alla fine della spesa
5- non acquistare prodotti visibilmente mal ridotti, confezioni aperte o con superficie brinata o umidca
6- i prodotti nei frigoriferi non devono essere fortemente ammassati
7- utilizzare borse termiche per il trasporto a casa, in alternativa mettere i prodotti surgelati tutti insieme in una busta separata dal resto della spesa
8- depositare i prodotti nel freezer entro 30 minuti dall’acquisto
9- una volta depositati in freezer i prodotti utilizzarli non prima di qualche ora
10- se una volta a casa un prodotto risulta parzialmente scongelato non riporlo in freezer ma consumarlo in breve tempo tenendolo in frigo

Una spesa consapevole non ha paura del surgelato.

Informazioni Utili
IIAS-Istituto italiano alimenti surgelati
https://www.istitutosurgelati.it/

Raffaella Berardi

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.