CHIAMACI +39 333 8864490

||||||||||||

Non solo aperitivo. A Le Biciclette Art Bar & Bistrot si mangia fino a tardi

Art bar. E bistrot. Un po’ american, un po’ casual, e con atmosfere di casa che fanno venir voglia di non andare più via. Con una cucina leggera e genuina. Ma forse pochi sanno che a Le Biciclette di Milano si mangia fino a tardi, fino a mezzanotte in settimana, e fino all’una il venerdì e il sabato. Se da vent’anni resiste (e magnificamente) al trascorrere del tempo, ci sarà un perché.

Fai tardi in ufficio, sei andato al cinema, o semplicemente vuoi cenare tardi perché prima non avevi proprio fame? La domanda sorge spontanea, spesso senza risposta: adesso che è tardi dove mangiamo? Astenersi baracchini, kebab e l’uso della cucina degli amici. Da sempre, ma non tutti lo sanno, a Le Biciclette Art Bar & Bistrot, primo Art Bar di Milano, si mangia fino a tardi, fino a mezzanotte in settimana, e fino all’una il venerdì e il sabato.

L’idea è stata di Ugo Fava, noto Pr milanese ed eclettico dj in voga negli anni ’90, e dall’anno della sua apertura, il 1998, è diventato luogo di riferimento per la “Milano da bere” e anche per la promozione di giovani artisti. Le Biciclette Art Bar & Bistrot hanno infatti rappresentato un’idea innovativa per la città: non un bar qualsiasi, ma un contenitore di idee, uno spazio strutturato come una galleria capace di trasformarsi e aggiornarsi nel tempo, aprendo le porte alla pittura, fotografia, arte digitale, design, moda e a un pubblico sempre più trasversale. E che, aggiornandosi continuamente, non sono mai passate di moda. L’anno scorso hanno festeggiato i 20 anni, ma la voglia di divertimento è la stessa degli inizi.

Frequentato per l’aperitivo e il brunch del weekend, a Le Biciclette il cibo e i cocktail fanno parte della sua ricetta di successo. Qui si mangia una cucina italiana (leggera e genuina) reinterpretata con gusto contemporaneo, ma anche hamburger e chips artigianali, come da migliore tradizione americana. La carta è semplice, onesta, senza eccessivi viaggi pindarici o pretese, ma capace di mettere d’accordo un po’ tutti: il carnivoro mangione, la vegetariana salutista, il tradizionalista e quello che segue le mode o cerca cibi sfiziosi.
Ci si trovano, per esempio, le salutari ma nutrienti Bici Bowl (la BARTALI Bowl con riso rosso, salmone marinato in salsa di soia, mango, avocado e semi di lino, o la COPPI Bowl con riso venere, mango, avocado, ravanello, pomodorini pachino e semi di lino), le insalate (come l’omonima Le Biciclette con insalata verde, sedano, pomodorini pachino, arancia e salmone Norvegese affumicato) ma anche i mondeghili (tipiche polpette Milanesi di manzo, serviti su un letto di misticanza) e la mega cotoletta di vitello alla milanese della tradizione.
Gli Sfiziosi, che fanno un po’ da antipasto e vestono l’aperitivo, spaziano dalle Crocchette di baccalà ai Tris di mini-burgers, dalle Polpettine di Melenzane alle immancabili selezioni di affettati e formaggi. Accanto alla Cotoletta alla milanese, alla Tagliata di Manzo e alla Tartare di Fassona, ecco che spuntano anche Fish and Chips e Baccalà alla livornese, senza dimenticare i primi (Spaghetti di Gragnano, Ravioli al magro e Riso al Salto, di cui vanno ghiotti i tanti stranieri che frequentano il locale).

Tra i Gourmet Burger, ormai un classico è El Gran Bürgher de Milàn, un hamburger di luganega con gorgonzola, foglia di verza sbollentata, cipolla tagliata fine e sbiancata e crema di rafano, contenuto nel più tradizionale pane milanese: la michetta, fatta fare ad hoc per Le Biciclette, e accompagnata da irresistibili chips al forno. Ma c’è anche l’Elephant Burger, con polpa di manzo alla griglia, bacon croccante, cheddar irlandese, pomodoro fresco, insalata e salsa biciclette e il Chicken Burger, con pollo speziato, insalata, pomodoro fresco e salsa tartara.
In abbinamento al cibo, vino al calice e l’usuale selezione di cocktail de Le Biciclette.
È consigliato prenotare, ma solo per facilitare l’accoglienza: poi se allo stesso tavolo uno mangia e l’altro beve soltanto un cockail, il problema non sussiste. Soprattutto si può cenare anche accomodati sui divani.

A Le Biciclette si respira aria di casa e relax, complici gli spazi (un tempo appartenuti ad un rivenditore di pezzi di biciclette di cui faceva parte il bancone rivestito in rete metallica), scaldati dal legno degli arredi e dalle luci di Natale presenti tutto l’anno (Perché a Le Biciclette è sempre festa! – dice il suo creatore Ugo Fava), con pezzi particolari che spaziano dalle lampade con raggi di bicicletta fatte fare su misura ai divani e poltrone ricoperti artigianalmente con i jeans del personale, senza dimenticare le opere d’arte esposte di volta in volta nelle mostre temporanee, e la possibilità di leggere giornali italiani e internazionali.
Da segnare agenda per il prossimo brunch o cena con gli amici!

Le Biciclette Art Bar & Bistrot
Via Torti 2 (tra. Corso Genova e Conca del Naviglio)
Milano
Tel. 02 5810 4325
www.lebiciclette.com
https://www.facebook.com/LeBicicletteArtBarBistrot
Sempre aperto a partire dalle h 18.00
BRUNCH: la domenica dalle h 12.00 alle h 16.00 (25,00)

Martina Zito

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.