CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Nuova apertura a Milano per Berberè. Ospiterà il primo Mikkeller Bar d’Italia

Quarto locale milanese per i fratelli Aloe, Matteo e Salvatore, creatori dell’insegna di pizza artigianale con lievito madre vivo che continua inarrestabile la sua espansione. Con una bella novità: il primo corner in Italia della beer firm danese Mikkeller, tra i pionieri della birra artigianale di qualità in tutto il mondo. Da mercoledì 12 febbraio.

Dopo i successi ottenuti nel 2019, con l’apertura di due nuovi locali (a Torino e a Milano), e la sua riconferma tra le pizzerie più innovative e all’avanguardia, in Italia (Tre spicchi per il Gambero Rosso, miglior pizzeria bio d'Italia ai Pizza Awards) e nel mondo (quattordicesimo posto nella classifica Top50Pizza), Berberè inizia il nuovo anno annunciando la nascita della sua nuova creatura, la quindicesima (compresi i tre locali di Londra con il nome di Radio Alice), che ancora una volta avrà casa nel capoluogo lombardo, città dove l’insegna nata a Bologna nel 2010 ha trovato terreno fertile.

Berberè + Mikkeller: la combo perfetta

In pieno centro città, al civico 1 di corso di Porta Ticinese (vicino alle Colonne di San Lorenzo), la quarta pizzeria meneghina dei fratelli Aloe si arricchisce di una succulenta novità che ha il profumo della birra: il primo Mikkeller Bar d’Italia, nato dal sodalizio con la Brew Firm fondata a Cophenagen da Mikkel Borg Bjergsø nel 2006. Ma che si è fatta ben presto conoscere anche al di fuori dei confini danesi per l'approccio innovativo verso la produzione birraria e una comunicazione immediata ed efficace.

Le sue birre, che traggono spunto sia dalla tradizione belga che da quella anglosassone, nascono spesso dall’intento di cogliere (a volte in maniera quasi didattica) i vari elementi che caratterizzano questa bevanda, cercando di spingere sempre oltre i confini produttivi. Nascono così la serie delle Single Hop Ipa, prodotti monoluppolo tra i più famosi del birrificio, o le varie Spontan, interpretazioni mikkelleriane delle Lambic belghe.

Complici una serie di progetti che il brand danese ha affiancato alla produzione birraria, dalla creazione di bar e ristoranti dove diffondere la cultura per la birra artigianale e i suoi abbinamenti con il cibo, alla sperimentazione nel mondo dei distillati, Mikkeller ha contribuito a riscrivere la storia della birra artigianale contemporanea, proprio come Berberè ha fatto con la pizza nel nostro Paese. Come? Comunicando in modo accattivante e raggiungendo un pubblico sempre più ampio e variegato con un prodotto qualitativamente alto e dalla forte personalità, il risultato di tanto studio e tanta ricerca che hanno trovato nell’impiego di materie prime il più possibile biologiche, e che arrivano da varie regioni d’Italia, la sua misura perfetta.

Il format, che esordisce a Milano per la prima volta in forma di corner associato a una pizzeria, darà la possibilità di scegliere tra dieci birre alla spina e una selezione di birre in bottiglia e lattina, perfette per accompagnare le pizze dell'insegna o per essere bevute da sole.

La pizza di Berberè

La pizza di Berberè nasce nel 2010 a Castel Maggiore, alle porte di Bologna, dove vede la luce la prima fortunata pizzeria di Matteo e Salvatore, calabresi di nascita ma emiliani d’adozione. La pizza di Berberè non è napoletana, né romana, né tanto meno gourmet. È Berberè: una pizza unica nel suo genere, pop nell’anima, leggera, altamente digeribile, soffice dentro e croccante fuori, con un cornicione aerato e ben alveolato. Divisa rigorosamente e sempre in otto spicchi, in nome della condivisione.

L’impasto, fatto lievitare per 24 ore a una temperatura ambiente controllata di 24°, si divide in tre tipologie: quello classico diretto (con farina tipo 1), quello con l’idrolisi degli amidi (acqua calda su grano spezzato), e quello speciale, con farro integrale, grano duro e enkir indiretti con biga.

Il lievito madre, costantemente rinfrescato e tenuto con un ph tra 4.3 e 4.8, grazie ai lactobacilli assicura una fermentazione lattica oltre a quella alcolica. In questo modo l’impasto è più digeribile rispetto a una fermentazione con il solo lievito di birra, perché due tipi di fermentazioni scompongono meglio gli zuccheri della farina, abbassando anche l’indice glicemico.

Le farine sono biologiche, semi integrali e macinate a pietra, frutto di un percorso di ricerca e sperimentazione con Alce Nero durato anni, e contengono al loro interno fibre, vitamine idrosolubili e tutti gli oligoelementi presenti nel chicco. Gli ingredienti (di Alce nero, Slow Food e Libera) utilizzati per il topping sono biologici per l’85%, e la cottura avviene in forni elettrici con caratteristiche tecnologiche avanzate e pietra di due tonnellate, capace di garantire una cottura della pizza di altissimi livelli, mantenendo la temperatura costante a 320°C anche dopo molte infornate.

Berberè e Mikkeller Bar
corso di Porta Ticinese, 1
Milano

www.berberepizza.it

Martina Zito

Lucana di nascita, casertana per 16 anni e milanese d'adozione da 3.
Sono cresciuta a pane e libri, per cui le tre cose a cui proprio non posso rinunciare sono, nell'ordine: mangiare, sguazzare tra le parole, e bivaccare sul divano.
Pignola (sempre), pessimista (quasi sempre), chiacchierona (quando voglio)

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SANREMO LIVE

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.