CHIAMACI +39 333 8864490

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa Cookie Policy

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo inviati dal sito al terminale dell’interessato (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito alla successiva visita del medesimo utente. Un cookie non può richiamare nessun altro dato dal disco fisso dell’utente né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell’utente. Alcune delle funzioni dei cookie possono essere demandate ad altre tecnologie. Nel presente documento con il termine ‘cookie’ si vuol far riferimento sia ai cookie, propriamente detti, sia a tutte le tecnologie similari.

Tipologia dei cookie

I cookie possono essere di prima o di terza parte, dove per "prima parte" si intendono i cookie che riportano come dominio il sito, mentre per "terza parte" si intendono i cookie che sono relativi a domini esterni. I cookie di terza parte sono necessariamente installati da un soggetto esterno, sempre definito come "terza parte", non gestito dal sito. Tali soggetti possono eventualmente installare anche cookie di prima parte, salvando sul dominio del sito i propri cookie.

Natura dei cookie

Relativamente alla natura dei cookie, ne esistono di diversi tipi:

Cookie tecnici

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in: • cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate); essi sono di fatto necessari per il corretto funzionamento del sito; • cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, al fine di migliorare le performance del sito; • cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. Per l'utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell'interessato. L’utente può autorizzare o negare il consenso all'installazione dei cookie attraverso le opzioni fornite nella sezione "Gestione dei cookie". In caso di cookie di terze parti, il sito non ha un controllo diretto dei singoli cookie e non può controllarli (non può né installarli direttamente né cancellarli). Puoi comunque gestire questi cookie attraverso le impostazioni del browser (segui le istruzioni riportate più avanti), o i siti indicati nella sezione "Gestione dei cookie".

Cookie installati su questo sito

Ecco l'elenco dei cookie presenti su questo sito. I cookie di terze parti presentano il collegamento all'informativa della privacy del relativo fornitore esterno, dove è possibile trovare una dettagliata descrizione dei singoli cookie e del trattamento che ne viene fatto.

Elenco dei cookie presenti sul sito NEROSPINTO

Cookie di sistema Il sito NEROSPINTO utilizza cookie per garantire all'utente una migliore esperienza di navigazione; tali cookie sono indispensabili per la fruizione corretta del sito. Puoi disabilitare questi cookie dal browser seguendo le indicazioni nel paragrafo dedicato, ma comprometterai la tua esperienza sul sito e non potremo rispondere dei malfunzionamenti. Facebook Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di “like” sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy Twitter Twitter utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare le pagine: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter e https://twitter.com/privacy?lang=it Google+ Google+ utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina http://www.google.com/policies/technologies/cookies/ Pinterest Pinterest utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://about.pinterest.com/it/privacy-policy Durata dei cookie I cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza (o da un'azione specifica come la chiusura del browser) impostata al momento dell'installazione. I cookie possono essere: • temporanei o di sessione (session cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser; • permanenti (persistent cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l'utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il browser. NEROSPINTO terrà opportuna traccia del/dei consenso/i dell’Utente attraverso un apposito cookie tecnico, considerato dal Garante Privacy uno strumento “non particolarmente invasivo”. L’Utente può negare il suo consenso e/o modificare in ogni momento le proprie opzioni relative all’uso dei cookie da parte del presente Sito Web, tramite accesso alla presente Informativa Privacy che è “linkabile” da ogni pagina del presente Sito. L’Utente ha la facoltá in qualsiasi momento di esercitare i diritti riconosciuti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 ed, in particolare, tra gli altri, di ottenere copia dei dati trattati, il loro aggiornamento, la loro origine, la finalità e la modalità del trattamento, la loro rettifica o integrazione, la loro cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco per i trattamenti in violazione di legge e di opporsi per motivi legittimi al trattamento. Per esercitare tali diritti, scrivere a NEROSPINTO . Se è già stato dato il consenso ma si vogliono cambiare le autorizzazioni dei cookie, bisogna cancellarli attraverso il browser, come indicato sotto, perché altrimenti quelli già installati non verranno rimossi. In particolare, si tenga presente che non è possibile in alcun modo controllare i cookie di terze parti, quindi se è già stato dato precedentemente il consenso, è necessario procedere alla cancellazione dei cookie attraverso il browser oppure chiedendo l'opt-out direttamente alle terze parti o tramite il sito http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte Se vuoi saperne di più, puoi consultare i seguenti siti: • http://www.youronlinechoices.com/ • http://www.allaboutcookies.org/ • https://www.cookiechoices.org/ • http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome 1. Eseguire il Browser Chrome 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Impostazioni 4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Consentire il salvataggio dei dati in locale • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser • Impedire ai siti di impostare i cookie • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet • Eliminare uno o tutti i cookie Mozilla Firefox 1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox 2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione 3. Selezionare Opzioni 4. Selezionare il pannello Privacy 5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate 6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ 7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali 8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile: • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta) • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati. Internet Explorer 1. Eseguire il Browser Internet Explorer 2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet 3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie: • Bloccare tutti i cookie • Consentire tutti i cookie • Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti. Safari 1. Eseguire il Browser Safari 2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy 3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet. 4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli Safari iOS (dispositivi mobile) 1. Eseguire il Browser Safari iOS 2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre” 4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati Opera 1. Eseguire il Browser Opera 2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie 3. Selezionare una delle seguenti opzioni: • Accetta tutti i cookie • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati.

Poesie di Carta|||

Poesie di Carta: Grazia Di Michele omaggia la cantautrice sarda Marisa Sannia

Sbarca in Sardegna Poesie di Carta -la voce del vento e del mare, lo spettacolo- tributo di Grazia Di Michele alla sensibilità artistica di Marisa Sannia, la cantautrice sarda che, a partire dagli anni novanta, ha portato avanti con devozione un imponente (e purtroppo a lungo misconosciuto) lavoro di trasposizione in forma-canzone dei versi di alcuni poeti sardi (e non solo)

Grazia Di Michele mette in scena uno spettacolo di grande risonanza emozionale, accompagnata da un ensemble composito che vede, a fianco dei suoi fedelissimi collaboratori-il chitarrista Fabiano Lelli, il percussionista Bruno Piccinnu e il contrabbassista Ermanno Dodaro- anche quelli storici della Sannia; il Maestro Marco Piras, che ha curato anche gli arrangiamenti, e il violoncellista Fabrizio Fabiano.
Il vento, che si manifesta, parla e conforta è il trait d'union tra l’Andalusia di quel cante jondo, che nelle parole di Lorca, è profondo, veramente profondo, più di tutti i pozzi e tutti i mari che circondano il mondo, molto più profondo del cuore che lo crea e della voce che lo canta, perché quasi infinito- da una parte- e la Sardegna con sa oghe de su entu e de su mare del poeta sardo Antioco Casula- dall’altra.

Mi piace citare uno dei massimi scrittori contemporanei, Antonio Moresco:
Perché il canto sardo ci arriva da lontano attraverso il tempo e lo spazio, non si sa dove comincia e dove finisce, è sempre uguale e sempre diverso, è come il vento, non si chiude, è contrappuntistico, fugato, corale e aperto, ci dice che anche le nostre persone e le nostre voci sono come il vento, che le nostre vite sono come il vento, che la nostra specie è come il vento, e che è come il vento anche il nostro cammino sull’orizzonte curvo di questo pianeta sperduto tra miliardi di galassie.

Poesie di carta è il più recente dei folli voli di un’artista in perenne movimento creativo, un affondo fuori dal tempo e dallo spazio nell’intimità di un sentire universale.

Queste le prossime date sarde delle spettacolo, dopo il fortunato debutto romano al Teatro Golden:

30 gennaio (ore 21.00) a Macomer (Padiglione Tamuli, ex Caserme Mura), 31 gennaio (ore 21.00) al Teatro Garau di Oristano, primo febbraio (ore 21.00) al Teatro comunale di San Gavino Monreale.

Nel 2005 ha portato in scena uno spettacolo teatrale dedicato alla figura di Italo Calvino, riproponendo i quattro brani a firma Calvino-Liberovic, dal quale è stato tratto il cd eponimo Chiamalavita. Evadere dall’evasione sembra essere anche l’imperativo kantiano di gran parte della sua produzione, o sbaglio?

Non credo che l’arte possa definirsi prettamente kantiana perché tocca aree emozionali, non razionali. La mia è una produzione che si rinnova continuamente grazie agli stimoli e alle emozioni che mi portano a sperimentare sempre nuove strade nei progetti musicali, nella musicoterapia, nella scrittura di romanzi, racconti, articoli, nel teatro…quello spettacolo e il recupero dei brani dei Cantacronache è stato un tassello importante nella mia formazione artistica.
Bello evadere dalle evasioni, sembra il titolo di un brano firmato Battisti- Panella…

Vincenzo Micocci si attribuì la paternità del termine cantautore- in tandem con l’altro manager della RCA, Melis- per definire la nouvelle vague romana degli anni sessanta. La declinazione femminile del termine invece- a dispetto della presenza di Maria Monti nel gruppo cantautori- venne impiegata, nei primi tempi, per lo più in modo ironico ed antifemminista.* Lei è stata, dagli esordi, definita cantautrice? Qual era inizialmente la sua percezione di questa codificazione del genere?

Il termine è stato coniato proprio quando ho mosso i primi passi alla IT di Micocci, eravamo poche, ci contavamo su una sola mano ma i testi, gli argomenti trattati nelle canzoni erano originali, tanto più in un momento in cui si affermavano cantautori e autori scrivevano brani per le donne, proiettando su di loro la propria visione dell’universo femminile. Non ho mai percepito nel termine cantautrice un’accezione ironica o offensiva, l’ho sempre percepita normale, semmai percepisco la anomalia nelle donne che si fanno declinare al maschile nel loro ruolo, tipo “Direttore d’orchestra” invece che “ “Direttrice d’orchestra”.


Uno dei suoi modelli dichiarati è Jony Mitchell, che ha dilatato il genere canzone inglobando proporzioni poetiche e musicali più ampie. Ad accomunarvi è anche questa tendenza alla trasversalità/ sperimentazione?

La Mitchell è un’artista che ho seguito sempre con amore e curiosità perché si è sempre rinnovata, ha spaziato nella produzione, nella scrittura, nella proposta dei suoi concerti, nella grafica delle sue copertine, nei suoi disegni che spesso li hanno accompagnati; insomma, ogni progetto è una nuova opera d’arte. Sì, anche io sono in continuo movimento, su questo mi sento affine.

Nel 2021 ha pubblicato Madre Terra (Mama Dunia), un mantra ecologista- arrangiato a New York da Phil De Laura- dalla durata insolita, ben 8:08 minuti.
Continua, come ai tempi di Cliché, a fotografare una realtà lontana dalle narrazioni e dagli stilemi cari all’industria discografica italiana?

Scrivo quello che sento, da sempre, non mi condizionano le mode né i dettami della industria musicale. Madre Terra è una canzone d’amore scritta per nostra Madre, è una preghiera che fuoriesce dallo schema canzone e dalle opportunità promozionali di routine, eppure è in moltissime playlist di meditazione di tutto il mondo, la insegnano nelle scuole e fanno disegnare ai bambini la Terra ascoltando il brano, ci creano Danze Sacre etc… chi ha detto che un brano deve vivere e morire in radio?

Ha sempre “seguito” Marisa Sannia- alla quale sembra accomunarla una certa aristocrazia interpretativa- o l’ha scoperta tardi? Vuole raccontarci la gestazione di Poesie di Carta?

Marisa la conoscevo e ammiravo per la sua eleganza, per le sue interpretazioni efficaci mai sopra le righe ma la nostra amicizia è nata ora che Marisa non è più tra noi, così si dice, ma io la sento presente e vicina. Lo spettacolo nasce dalla voglia di far conoscere il lavoro uscito postumo, il meraviglioso album Rosa de papel in cui ha musicato le poesie di Federico García Lorca e i precedenti album in sardo in cui ha musicato i versi dei poeti Antioco Casula e Francesco Masala che magari qualcuno non ha avuto la fortuna di ascoltare quando sono usciti.

Uno degli autori preferiti di Marisa Sannia, era Endrigo. Nello spettacolo Poesie di carta c’è qualche brano tratto dall’album-tributo della Sannia a questo cantautore, caro anche lei?
Sì, per ora uno ma lo spettacolo è un work in progress, forse entrerà un altro brano. Io capisco perché Marisa era una musa ispiratrice per Sergio Endrigo, li accomuna la stessa raffinatezza. Le poesie di Endrigo restano dei capolavori.

Rosa de papel di Marisa Sannia, che ha incluso integralmente nello spettacolo Poesie di carta, è una trasposizione in forma canzone di alcune liriche del periodo giovanile di Federico García Lorca. Quali sono a suo avviso le maggiori criticità che si incontrano nel musicare i poeti?

Enfatizzare troppo i versi, non dare musicalmente il giusto peso alle parole, sovrastare con la musica la semplicità e la bellezza di una frase poetica…trappole ovunque…

In Poesie di carta ha attinto anche dal repertorio in sardo di Marisa Sannia. Che rapporto ha con quest’isola, che vive dell’alchemica compresenza di arcaico e sperimentale?
Conosco bene la Sardegna, passo quasi ogni anno, da sempre, le vacanze in questa terra meravigliosa. Ho abbandonato da un po’ le mete vacanziere, mi piace andare nei territori in cui si respira la magia e la storia e per questo devo ringraziare Pinuccio Sciola e i suoi itinerari per trovare le famose pietre. Anche per lui si direbbe che non è più tra noi eppure lo sento vicino e mi guida alla scoperta delle meraviglie dell’isola.

*Cfr.“Vorrei trovar parole nuove”
Il neologismo “cantautore” e l'ideologia dei generi musicali
nella canzone italiana degli anni Sessanta
Jacopo Tomatis, Journal of the International Association for the Study of Popular Music

Claudia Erba

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.