CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Sanremo 2019: vince Mahmood ma l'Ariston incorona Loredana Bertè

La finale di Sanremo 2019 regala un colpo di scena. Il vincitore della sessantanovesima edizione è Mahmood con Soldi. Secondo il favorito della vigilia, Ultimo con I tuoi particolari, il Volo con Musica che resta si deve accontentare del gradino più basso del podio.

Loredana Bertè - la più applaudita - non riesce a salire sul podio per un soffio. La regina del rock italiano, dopo aver ricevuto tre lunghissime standing ovation, si classifica al quarto posto. E proprio quando i conduttori comunicano il suo piazzamento, il pubblico in sala insorge. Urla, fischi e un coro che inneggia il suo nome.

 

Una reazione di questo tipo da parte degli spettatori dell’Ariston non si è mai vista, sintomo che il connubio di giurie scelto dalla direzione artistica non sia stato così azzeccato. Loredana Bertè è indubbiamente la vincitrice morale di questo Sanremo 2019. Cosa vuoi da me è un pezzo rock scritto dall’ottima penna di Gaetano Curreri. Loredana, dopo essere stata la regina dell’estate 2018 con Non ti dico no, è tornata in grande forma come non lo era da anni.

Il consenso popolare nei suoi confronti è stato talmente forte che le è stato consegnato un premio ad hoc: il Premio pubblico dell’Ariston. Sembrava una battuta di Bisio per placare la feroce reazione del pubblico di ieri sera e invece è stato appena confermato nella conferenza stampa di chiusura.

Uno scollamento tra il 50% del televoto e quello delle altre giurie (30% sala stampa e 20% giuria d’onore) che si è fatto molto evidente nei voti relativi alla triade finalista. Il vincitore Mahmood ha ricevuto solo il 14% di preferenze da parte del pubblico a casa ma un plebiscito dalle altre giurie (64%). Ultimo è stato il più votato dal pubblico a casa (46,5%) meno dalle altre (25%). I ragazzi de Il Volo si confermano molto amati dal pubblico (39%) decisamente meno da stampa e giuria d’onore (14%). Alla fine la media matematica ha permesso al ventiseienne di vincere.

Alessandro Mahmood è nato a Milano da madre sarda e padre egiziano. È sia cittadino italiano che egiziano. Dopo una sfortunata partecipazione a X Factor nel 2012, si classifica al quarto posto nella sezione “giovani” di Sanremo 2016. Ha scritto brani di successo per altri artisti come Nero bali per Michele Bravi ed Elodie (uno dei tormentoni della scorsa estate) e Hola (I say) per Marco Mengoni (super ospite di questo festival). A dicembre ha vinto Sanremo Giovani che gli ha permesso di approdare tra i big.

È la seconda volta nella storia del Festival di Sanremo che un artista vince nella stessa edizione sia la sezione giovani che quella dei “big”. Era successo nel 1998 con il trionfo di Senza te o con te di Annalisa Minetti.

Grande successo per Daniele Silvestri e Simone Cristicchi, pur essendosi classificati rispettivamente sesto e quinto si sono divisi tutti i premi collaterali. A Silvestri sono andati il Premio della critica “Mia Martini”, Premio della sala stampa ‘Lucio Dalla’ (assegnato dalla sala stampa radio-tv-web del Palafiori) e Premio ‘Sergio Bardotti’ per il miglior testo (assegnato dalla giuria d’onore).

Simone Cristicchi, invece, è stato insignito del Premio ‘Sergio Endrigo’ alla miglior interpretazione (assegnato dalla sala stampa Ariston Roof e dalla sala radio-tv-web ‘Lucio Dalla’ del Palafiori) e Premio ‘Giancarlo Bigazzi’ per la miglior composizione musicale (assegnato dall’orchestra del festival).

La serata finale del Festival di Sanremo è stata seguita da 10 milioni 622 mila telespettatori con il 56.5%. Picco del 73% di share durante la proclamazione del vincitore. Nel 2018 la finale del primo festival diretto da Claudio Baglioni aveva raccolto una media di 12 milioni 125 mila telespettatori pari al 58.3% di share. Si conferma dunque il trend di ascolti in calo rispetto allo scorso anno, anche se la media è decisamente positiva. L’intero festival è stato seguito in media da 9.797.000 telespettatori ed il 49.38% di share, 3 punti più alti della media degli ultimi 15 anni.

Sanremo 2019 si conferma un festival molto seguito dai giovani. Sul target 15-24 è stata la finale più vista degli ultimi 20 anni con il 65,3% share (+5,3 punti rispetto al 2018). Un dato molto positivo per il futuro della kermesse canora. È stato anche il festival più social di sempre con 15 milioni di interazioni totali (+ 9% rispetto al 2018).

Su RaiPlay la diretta della serata finale ha generato 844.700 visualizzazioni, registrando un aumento rispetto al 2018 pari al +45%. Si tratta dell’evento televisivo più seguito in diretta streaming su RaiPlay (escludi gli eventi sportivi). Il consumo di contenuti on demand del Festival di Sanremo ha generato 6,1 milioni di visualizzazioni tra il 5 e il 9 febbraio, registrando un aumento del 22% vs 2018.

 

Un’edizione, nel complesso, vincente che ha saputo regalare buona musica. Hanno lasciato un po' a desiderare la conduzione e la costruzione autorale. Claudio Bisio, il migliore del trio, è sembrato troppo trattenuto e politically correct. È stato un errore imbrigliare Virginia Raffaele nel ruolo della brava presentatrice. Solo nella serata finale con la performance in cui ha imitato famose interpreti della musica italiana ha mostrato tutto il suo talento, meritandosi una standing ovation.

Claudio Baglioni non è riuscito a bissare il successo dello scorso anno ma il livello delle canzoni si è dimostrato più alto. Il mio auspicio della vigilia era che Sanremo 2019 potesse regalare qualche canzone capace di restare nel tempo. Credo che alcuni brani avranno un grande successo e non dureranno una sola stagione.

Si dice che Sanremo sia da sempre lo specchio del Paese. La vittoria di Mahmood cosa ci indica? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Luca Forlani

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.