CHIAMACI +39 333 8864490

||||

Sorelle Materassi, fino a domenica al Franco Parenti di Milano

Fino a domenica, al Teatro Franco Parenti di Milano va in scena la nuova stagione di “Sorelle Materassi”, adattata da Ugo Chiti dal romanzo di Palazzeschi. Sul palco le tre splendide e amate attrici Milena Vukotic, Lucia Poli e Marilù Prati, dirette da Geppy Gleijeses.

Ha debuttato nell’estate del 2016, la nuova edizione di Sorelle Materassi, libero adattamento di Ugo Chiti, uno dei più importanti drammaturghi italiani, e diretta da Geppy Gleijeses. Circa 150 repliche in due anni di tournée e un terzo “in costruzione”.

Nella campagna fiorentina di inizio ‘900 tre zie nubili, vivono accecate da un amore senile per il nipote, viveur e fannullone, che le porterà sul lastrico e finirà per abbandonarle. Dal capolavoro di intelligenza e ironia di Aldo Palazzeschi, una parodia un po’ grottesca del mondo aristocratico fatta anche di nonsense e giochi di parole.
Le sorelle Teresa e Carolina Materassi sono due ricamatrici cinquantenni che, grazie a una vita di rinunce, hanno acquisito una posizione di prestigio presso la buona società fiorentina. Con loro vive la sorella minore, Giselda, riaccolta in casa dopo un fallito matrimonio con un nobile dissoluto. L'equilibrio familiare viene sconvolto dall'arrivo di Remo, figlio di una quarta sorella morta ad Ancona: bello, spiritoso e pieno di vita, il giovane approfitta dell'affetto e delle cure delle zie più anziane per soddisfare tutti i suoi capricci, spendendo più di quanto le zie guadagnino. Giselda è l'unica a rendersi conto della situazione, ma i suoi avvertimenti rimangono inascoltati.

Tutti ricorderanno il celebre sceneggiato televisivo del 1972 con Ave Ninchi e Giuseppe Pambieri. Ma non era certo scontato trovare una chiave per catturare l’attenzione del pubblico con una storia ambientata nella campagna fiorentina di inizio Novecento. Il segreto risiede in un cast davvero azzeccato, guidato da due attrici di razza, Lucia Poli e Milena Vukotic, che hanno incrociato sul loro cammino teatrale maestri e compagni di strada importanti: per Lucia, su tutti l’amatissimo fratello Paolo, per Milena, Giorgio Strehler e i suoi spettacoli, benché la sua strada fosse già stata segnata, nel cinema, dall’incontro con Fellini, Buñuel e tanti altri, prima di trasformarsi nell’icona popolare della signora Pina Fantozzi accanto a Paolo Villaggio.

Sorelle Materassi è una piccola tragicommedia dove convivono leggiadra ma crepuscolare ironia e crudeltà tipicamente toscana, rispolverate dalle mani sapienti di Chiti. E che cosa ci può essere di attuale nella storia di tre sorelle zitelle, benestanti in virtù del loro lavoro di ricamatrici, accecate da un amore senile per il nipote viveur e fannullone che le porterà sul lastrico e finirà per abbandonarle, andando a sposare un’ereditiera americana? “I sentimenti umani che non hanno tempo, aldilà della forma e del contesto storico”, spiega la Vukotic.
L’appuntamento è al Teatro Franco Parenti, fino a domenica 21.

 

Sorelle Materassi
Sala Grande 9 - 21 gennaio 2018

Teatro Franco Parenti
via Pier Lombardo, 14
Tel. 02 59995206
Mob. 346 4179136
www.teatrofrancoparenti.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Martina Zito

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Immobili Sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.