CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Venerdì 25 novembre tutti gli appassionati di shopping potranno lasciarsi tentare dai tantissimi prodotti scontati durante il Black Friday.

L'estate, si sa, è la stagione dei grandi concerti e dei festival, imperdibili occasioni per vedere dal vivo artisti che, raramente, gravitano dalle nostre parti. Uno degli appuntamenti imperdibili è sicuramente Rock In Roma, organizzato ogni anno presso l'Ippodromo delle Capannelle, che promette di infiammare la già calda (cosi dicono gli esperti) estate 2014.

Benchè la lineup sia in continuo aggiornamento, Nerospinto può già fornirvi i primi nomi e le prime date; procuratevi carta e penna, si comincia:

 

Rock In Roma 2014

 

17 maggio

Giuda Special Preview + The Cyborgs

 

3 giugno

Queens Of The Stone Age

 

9 giugno

Billy Idol

 

19 giugno

Avenged Sevenfold

 

20 giugno

Thirty Seconds To Mars

 

21 giugno

The Prodigy

Die Antwoord

 

22 giugno

Special Event

Rolling Stones

 

23 giugno

Arcade Fire

 

26 giugno

Rob Zombie

Megadeth + Special guest

 

28 giugno

David Guetta

 

1 luglio

Metallica + Volbeat+ Alice In Chains

 

8 luglio

The Black Keys

 

16 luglio

The Lumineers + Passenger

 

19 luglio

Paolo Nutini

 

21 luglio

Editors

 

22 luglio

Caparezza

 

24 luglio

Placebo

 

26 luglio

Bastille

 

28 luglio

Afterhours

 

2 agosto

Franz Ferdinard

 

Per tutte le info sul Rock In Roma, biglietti e logistica, consultare il sito rockinroma.com

 

 

 

 

 

 

Una serata indimenticabile! Un evento imperdibile! Una sera per tutti gli appassionati di musica!

 

Al Circo Massimo, il fascino della Storia incontra la Storia del Rock. Il Sindaco di Roma, On. Ignazio Marino, annuncia con molto piacere il concerto della band icona della musica rock in uno dei luoghi più suggestivi al mondo.

Unica data in Italia del tour mondiale “14 on Fire”, la Città di Roma apre il luogo più prestigioso della storia per un concerto che si preannuncia imperdibile e spettacolare! Un evento che richiama il grande evento, quello storico dell’anno scorso, all’Hyde Park di Londra, con oltre 120mila persone.

I Rolling Stones hanno debuttato con il nuovo tour a febbraio esibendosi in Medio Oriente, per la prima volta e attualmente sono in tour tra Ansia, Australia e Nuova Zelanda, portando la loro musica leggendaria ed il loro palco avveniristico finalmente anche in Europa, dopo un’assenza di ben 7 anni.

 

 

I fan della grande band icona del rock sono emozionati per la pubblicazione di un innovativo documentario, intitolato “Crossfire Hurricane”; un greatest hits “GRRR”; un’esibizione indimenticabile a Glastonbury, il più grande festival musicale inglese, e, appunto, i due concerti ad Hyde Park, raccontati nel nuovo film concerto “Sweet Summer Sun - Hyde”.

 

 

Mick Jagger, Keith Richards, Ronnie Wood e Charlie Watts, nel cuore della Roma antica si esibiranno per tutti i loro fan.

I biglietti del grande evento, il loro costo è 78 + prev, saranno in vendita dal 21 marzo. 

La band proporrà brani inediti scegliendo dal proprio repertorio classici come “Gimme Shelter”, “Paint It Black”, “Jumping Jack Flash”, “Tumbling Dice”,”It’s Only Rock ‘N Roll” e più alcune inaspettate, chicche musicali della band rock più famosa al mondo.

“Sold out” in tutto il mondo per uno spettacolo straordinario realizzato per festeggiare i 50 anni della “lingua più famosa del rock”.

 

"Non vedo l'ora che il tour arrivi in Europa. E' un bel periodo dell'anno per suonare e il tour è un bel mix tra festival, stadi ed arene. Ci vediamo li !" dice Jagger. "Continuiamo a tenere questo show on the road! La band è al top della forma e non vedo davvero l'ora di tornare in Europa" aggiunge Richards.

 

I Rolling Stones si esibiranno in altri importanti show in Europa nei mesi di maggio, giugno e luglio le date verranno annunciate nelle prossime settimane. L’evento è patrocinato da Roma Capitale, presentato in Italia da D’Alessandro e Galli in accordo con Rock in Roma. "Siamo orgogliosi di ospitare a Roma, in uno dei luoghi più suggestivi, un evento davvero unico. I Rolling Stones rappresentano un inestimabile patrimonio culturale mondiale e siamo felici che abbiano scelto Roma come tappa del loro tour europeo. Con questo evento vogliamo trasformare il Circo Massimo in un luogo di riferimento per i grandi eventi culturali. A Roma a giugno brilleranno le stelle della grande musica internazionale. Welcome Mick, Keith, Ronnie and Charlie". Ignazio Marino, Sindaco di Roma.

 

 

Il 22 Giungo al Circo Massimo un evento, un concerto, una serata che rimarrà nella storia!!

Un'ultima ora che sa già di evento: i Rolling Stones, la band più famosa della storia, i paladini del rock, tornano in Italia in estate per un'unica e imperdibile data, il 22 giugno al Circo Massimo.

La notizia girava già dal 22 febbraio e , tra smentite e cambiamenti repentini, è stata confermata solo nelle ultime ore.

La data italiana si inserisce nel tour europeo della band "14 On Fire", che ha già scatenato numerose polemiche per il prezzo, non esattamente popolare, dei biglietti.

Ma si sa, al cuor non si comanda, soprattutto quando si parla di musica. La location e soprattutto la band, varranno il prezzo del biglietto, soprattutto se si considera che Mick Jagger e soci non sono proprio dei giovincelli e che, prima o poi, dovranno appendere l'asta del microfono al chiodo.

Innumerevoli figli, cadute dall'albero, bottiglie scolate e fiumi di droga dopo, la compagine britannica è pronta a ruggire nuovamente, finchè morte non ci separi.

Per maggiori informazioni sui biglietti, consultare il circuito ticketone www.ticketone.it

Recensione Diaframma – Preso nel vortice (Diaframma Records, 2013)

 

Federico Fiumani è davvero inarrestabile, non c'è che dire; dopo solo un anno dall'ottimo precedente disco 'Niente di serio' (Miglior album autoprodotto ai Pimi 2012), il relativo tour e la ristampa della pietra miliare dei Diaframma, ovvero il grandissimo 'Siberia', ha sfornato un album nuovo di zecca contente quattordici brani: 'Preso nel vortice'.

 

Probabilmente non ve lo aspettavate ma questa volta ci sono diversi ospiti, a partire dal prezzemolino e bravissimo Enrico Gabrielli (sax, piano e tastiere), le voci di Alex Spalck e Marcello Michelotti (rispettivamente Pankow e Neon, se non vi dicono nulla andate a ripescarli), Max Collini degli OfflagaDiscoPax in 'Ho fondato un gruppo' e last but not least Gianluca de Rubertiis de Il Genio (piano e tastiere). Per non lasciare indietro nessuno vi dirò che la formazione è completa con Lorenzo Moretto alla batteria, Luca Cantasano al basso ed Edoardo Daldone come seconda chitarra.

 

'Claudia mi dice' è una bella ballade ricca di sentimenti e si inizia bene anche con le citazioni, in questo caso Il Teatro degli Orrori, poi verranno i Rolling Stones di Altamont e Allen Ginsberg in 'Hell's Angels' così come i Television nella nostalgica 'Il suono che non c'è più'. 'Ottovolante' è addirittura dedicata a Piero Pelù, compagno di avventura negli anni '80 e destinatario di una gran bella visione: “Io te sopra l'ottovolante, amico mio che bella la terra da quassù, amico mio il mondo sorride assieme a te, peccato che l'effetto svanisce e se ne va ma spero che, che presto anche lui ritornerà, da me”.

 

'Infelicità' invece è dark e carica del pensiero dell'artista, si perché qui oltre alla nostalgia canaglia, ai sentimenti contrastanti, all'essere orgogliosi di quello che si possiede ('Ho fondato un gruppo') e alla filosofia del Fiumani, non c'è molto altro. I testi però sono mastodontici, nel senso che la capacità lirica di Fiumani è davvero notevole, rimane assai ispirata anche quando si parla di questioni comuni, se così si possono definire.

 

I Diaframma sono un gruppo importantissimo del panorama new wave italiano, che si è risollevato dopo alcuni dischi non all'altezza. 'Preso nel Vortice' però rimane, se non allo stesso livello, nella scia del predecessore, pur essendo arrangiato e curato assai meglio.

 

 

Andrea Facchinetti

 

Nel giugno del 2013 Lou Reed subì un operazione importante che l'aveva salvato dalla morte. Laurie Anderson, musicista avant-garde e sua moglie, con voce roca raccontò il fatto al Times dicendo che avrebbe ripreso le sue attività in pochi mesi ma che la sua vita non sarebbe più stata come prima: “A liver transplant. It's as serious as it gets. He was dying. You don't get it for fun”.

 

Lou Reed stesso pubblicò su Facebook poco tempo dopo questa dichiarazione: “Sono un trionfo della medicina moderna, della fisica e della chimica. Sono più grande e forte che mai. Il mio regime di Chen Taiji e di salute mi ha fatto bene negli anni, grazie al Master Ren Guang-yi. Non vedo l’ora di tornare a suonare sul palco, e di scrivere altre canzoni per connettermi con i vostri cuori e spiriti e tutto l’universo, in futuro”.

 

Rolling Stones ha annunciato la sua morte, oggi, domenica 27 ottobre ma senza dichiarare quale sia la causa del decesso. Muore sicuramente un grande del rock, uno dei pilastri fondamentali della musica e uno degli artisti più influenti di sempre. Non bisogna parlare dei tentativi passati del grande trasformista di sbarazzarsi della droga e di cercare di smettere di bere, ora Lou Reed starà sicuramente camminando ancora nel lato selvaggio di chissà quale posto, canticchiando e suonando le sue canzoni. Personalmente scrissi questo articolo - sempre per Nerospinto - proprio per l'amore che provo verso questo artista e mi sembrava doveroso salutarlo:

 

Ciao Lewis Allan Reed.

 

Ascolto: Lou Reed – Sad Song

 

 

Andrea Facchinetti

 

Bob Dylan è una delle figure più influenti della cultura del ventesimo secolo. Nel corso degli ultimi 48 anni ha pubblicato più di 45 album e scritto più di 500 canzoni alcune delle quali si sono aggiudicate un posto nel nostro immaginario collettivo come "Blowing in the Wind", "All Along the Watchtower", " Knocking on Heaven's Door " e innumerevoli altre. I suoi successi sono stati riconosciuti in tutto il mondo e hanno fruttato vendite di oltre 110 milioni di dischi e le sue canzoni sono state cantate da più di 3.000 artisti dai Duke Ellington ai Rolling Stones, dai Guns N 'Roses a Stevie Wonder. Anche se Bob Dylan è meglio conosciuto come cantante e cantautore, è anche un autore, regista, attore e conduttore radiofonico. La sua collezione sperimentale di scritti, Tarantula, è stata pubblicata nel 1970 e le sue memorie, Chronicles: Volume One ,uscite nel 2004 , sono diventate un bestseller internazionale. Ma pochi sanno che uno dei piú famosi luminari della storia della musica americana è anche pittore. Da artista visivo, inedita veste che lo vede impegnato giá da tempo, Bob Dylan ha infatti iniziato solo di recente ad esporre le sue opere al pubblico. Risale all’autunno 2007  The Drawn Blank Series , una raccolta di acquerelli e gouaches esposta in Germania al Kunstsammlungen Chemnitz, e al 2010 la serie di opere su tela e acrilico dedicate al Brasile in mostra alla Galleria Nazionale di Copenhagen.

Uno dei piú grandi poeti e cantautori della musica americana che ha fatto la storia di quella mondiale, ha scatenato diverse polemiche nel mondo dell’arte con l’esposizione di dipinti presso la galleria Gagosian di New York che hanno messo in forte dubbio la sua immagine parallela di artista visivo. La collezione, chiamata The Asia Series, è un excursus personale dell’artista che lo ha visto cimentarsi con visioni varie tra cui scene di strada, architettura e paesaggi, ritratti dalla sua vita quotidiana. Ció che è stato fortemente criticato e che ha suscitato scalpore, iniziando dal blog Arts Beat del New York Times,  è stato il fatto che molti dei dipinti originali di Dylan possiedono sorprendenti analogie, alcune sono state addirittura definite riproduzioni, con fotografie di artisti del calibro di Busy Leon e Henri Cartier-Bresson scatenando il dibattito sugli standard dell’arte, sull’importanza dell’originalità nelle esposizioni e l’originalitá stessa di quella di Dylan.

"Dipingo per lo più dalla vita reale", ha detto l’artista, "devo iniziare da questo: persone reali, vere e proprie scene di strada, il dietro le quinte, modelle dal vivo, dipinti, fotografie, installazioni, architettura, graphic design. Tutto ciò che serve per far funzionare la rappresentazione visiva. " A sostenere la tesi, Dylan tira in ballo il discorso musicale dimostrando come "Whistle Duquesne", la canzone di apertura dal suo trentacinquesimo album, Tempest, prenda elementi della melodia, il coro e la struttura stessa del pezzo da una canzone del 1929 di Memphis Jug Band, KC Moan. Ma allo stesso tempo per non creare fraintendimenti aggiunge: "Ho fatto disegni per la maggior parte della mia vita. Nel notebook, sui tovaglioli, su carta ruvida o cartone, piatti e tazzine da caffé. . . con qualsiasi cosa si possa rappresentare qualcosa, quindi disegnare non è una novitá per me" spiegando come i suoi dipinti possano soddisfare le carenze espressive che si possono riscontrare con la musica. "Se invece avessi potuto esprimere le stesse cose con una canzone lo avrei fatto’’.

Descritto come il neo espressionista dello stile beat, dal 5 febbraio Palazzo Reale ospita la personale di Bob Dylan. L’esposizione presenta una serie di 22 dipinti, New Orleans Series, che rendono omaggio alla città americana del cantante e cantautore. Le opere raccontano la storia di questa affascinante città e propongono alcune scene decadenti, atmosfere sospese, tensioni di amore e violenza fissate sulla tela e ambientate tra il 1940 e il 1850. Dylan è stato una figura influente nella musica e nella cultura per più di cinque decenni. Durante la sua carriera ha saputo esplorare con maestria molte tradizioni musicali, tra cui folk, blues, country, gospel, rock and roll, jazz e swing e ora torna a far parlare di sé affrontando un campo artistico per lui inconsueto. Noi di Nerospinto, che amiamo la sua musica,  non vediamo l’ora di riscoprirlo sotto questa sua nuova veste di pittore controverso che osa sfidare la critica piú sfrontata..e voi?

Bob Dylan - New Orleans Series

Palazzo Reale piazza Duomo 12

Dal 5 febbraio al 10 marzo

Lunedì dalle 14.30 alle 19.30 Martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30 Giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30

(free entry)

SANREMO LIVE

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.