CHIAMACI +39 333 8864490

Apre la settima edizione di Piccolo Grande Cinema, il festival dedicato al cinema per l'infanzia e per i ragazzi. Quest’anno l’iniziativa si svolgerà dal 21 al 30 novembre 2014 presso le tre sale della Cineteca di Milano.

 

Allo Spazio Oberdan, al MIC e all’Area Metropolis 2.0 sono previsti tanti appuntamenti atti ad avvicinare il mondo filmico agli occhi dei più piccoli. Laboratori di cinema, film in anteprima, una mostra, eventi speciali e incontri si susseguiranno per un momento che si preannuncia di svago per bambini e famiglie.

Il programma si apre con l’anteprima di Vicky il Vichingo, proiezione accompagnata da una cena in stile vichingo e dalla speciale Notte al MIC, che darà ai bambini la possibilità di passare, come Ben Stiller nel quasi omonimo film, una notte all’interno del museo del cinema con caccia al tesoro vichingo annessa.

Il MIC nei giorni di Piccolo Grande Cinema diventa una vera e propria roccaforte anti-grandi, esclusi infatti dall’ingresso al nuovo Piccolo Grande Club Vietato ai Maggiori, luogo in cui la domenica pomeriggio alle 15 è prevista una proiezione per bambini dai 5 ai 10 anni e ai cui genitori è proibito partecipare.

Anche i draghi fanno la loro parte. In occasione dell’uscita di Dragon Trainer 2 in home video, sabato 29 novembre il MIC si trasforma in una Casa dei Draghi, in cui ci si può immergere nel villaggio di Berk e incontrare i protagonisti Hiccup e Sdentato.

 

Durante il Dragon Weekend i partecipanti possono prendere parte a un vero e proprio laboratorio di paleontologia, in cui un paleontologo professionista risponde a tutte le curiosità sui draghi.

Un altro workshop è situato all’interno dell’esposizione “Cortology”, la mostra-evento allestita presso Spazio Oberdan interamente dedicata alla storia del cinema con quiz e giochi interattivi.

 

Durante l’evento di chiusura del Festival, domenica 30 novembre alle ore 17.00, sarà consegnato un premio alla società di distribuzione Satine Film per la distribuzione di Difret, film che racconta la storia vera di una ragazzina etiope che sfida le leggi della “telefa”, il rituale del rapimento e del matrimonio tramite violenza, e di una donna avvocato che l’aiuta a difendersi.

 

 

Apre Cortology – Icone che fanno cinema, una mostra targata Fondazione Cineteca Italiana e Studio H-57. Dal 15 al 23 novembre, presso Spazio Oberdan Milano, si potrà prendere parte in prima persona a installazioni interattive, locandine pazze, proiezioni multimediali, quiz, giochi e, soprattutto, ammirare le tavole realizzate secondo Shortology, format originale che rappresenta i grandi capolavori del cinema utilizzando solamente delle icone grafiche.

 

Le mini-storie sorprendono per genialità, intelligenza e immediatezza nel raccontare pezzi di storia del cinema mondiale tramite pochi ed azzeccatissimi pittogrammi. È infatti molto facile riconoscere con un solo sguardo il film protagonista.

La mostra celebra anche il lancio del libro Filmology, il seguito di Shortology, libro del 2012 basato sullo stesso meccanismo della sintesi grafica e dedicato a fatti storici e personaggi famosi.

Gli autori Matteo Civaschi e Gianmarco Milesi presenteranno il volume al pubblico martedì 18 novembre alle ore 19.

A Cortology è abbinato un concorso dedicato agli sceneggiatori in erba. In palio, la possibilità di realizzare il proprio cortometraggio supportato da una casa di produzione e da un regista professionista.

 

Cortology è anche un’occasione per coinvolgere i più giovani. Sono state coinvolte per questo motivo alcune classi scolastiche di Milano per realizzare un percorso didattico all’interno della mostra, allo scopo di stimolare la creatività e guidare alla scoperta del mondo di cellulosa.

 

 

INFO

 

Spazio Oberdan – Milano

Viale Vittorio Veneto, 2

MM1 Porta Venezia

 

Ingresso libero

Tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.30

Martedì e giovedì orario prolungato sino alle 22.00

 

[gallery ids="32773,32772,32771,32770,32769,32768,32767"]

 

Fondazione Cineteca Italiana presenta la rassegna Cercando Conrad allo Spazio Oberdan. Dal 14 al 16 novembre saranno proiettate alcune tra le più significative pellicole tratte dalle opere di Joseph Conrad.

 

Cercando Conrad presenta una selezione di film che hanno saputo cogliere lo spirito avventuroso del grande scrittore inglese. Tra i nomi in cartellone segnaliamo Il Terzo Uomo, film di Carol Reed in bianco e nero. Dotato di una fotografia da urlo, ambientato in una decadente Vienna post Seconda Guerra mondiale, Il Terzo Uomo vede la partecipazione dell’istrionico Orson Welles, il cui lavoro è sempre stato influenzato da Conrad, e di Alida Valli.

Impossibile tralasciare Apocalypse Now. La pellicola di Francis Ford Coppola è infatti liberamente ispirata a Heart of Darkness, l’opera più rinomata di Joseph Conrad. Come fosse un segno del destino, la genesi del film ha acquisito alcune delle caratteristiche fondamentali dell’opera letteraria. La realizzazione fu infatti un’odissea paludosa, con la troupe semi-dispersa per un anno e mezzo nelle giungle delle Filippine, facile preda di tifoni e droghe. Da manuale l’interpretazione di Marlon Brando, nei panni del colonnello Kurtz.

Da non perdere l’anteprima del 14 novembre di Secret Sharer, tratto dal racconto conradiano Il compagno segreto. Il regista Peter Fudakowski sarà presente in sala per un incontro con il pubblico.

Da segnalare anche I Duellanti di Ridley Scott e Sabotaggio di Alfred Hitchcock.

 

L’iniziativa apre quasi in contemporanea con l’omonima mostra che avrà luogo dal 12 novembre presso l’acquario civico di Milano ed è uno degli eventi di punta dei Book City Milano 2014.

 

 

INFO

 

Venerdì 14 novembre h 21 – SPAZIO OBERDAN

Secret Sharer (Anteprima)

 

Sabato 15 novembre h 15 – MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA

Lord Jim

 

Sabato 15 novembre h 17 – SPAZIO OBERDAN

L’agente segreto di Joseph Conrad

 

Sabato 15 novembre h 18 – MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA

Gabrielle

 

Sabato 15 novembre h 19 – SPAZIO OBERDAN

Cuore di tenebra

 

Sabato 15 novembre h 21.15 – SPAZIO OBERDAN

Il terzo uomo

 

Domenica 16 novembre h 15 – MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA

Apocalypse Now

 

Domenica 16 novembre h 17 – SPAZIO OBERDAN

Lo straniero che venne dal mare

 

Domenica 16 novembre h 18 – MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA

I Duellanti

 

Domenica 16 novembre h 19 – SPAZIO OBERDAN

I Duellanti

 

Domenica 16 novembre h 21.15 – SPAZIO OBERDAN

Sabotaggio

 

[gallery ids="32703,32704,32707,32708,32711,32709,32710,32712,32705"]

 

 

Dal 22 al 26 ottobre Fondazione Cineteca Italiana presenta allo Spazio Oberdan il Vizio dell’Arte, rassegna di otto film che analizzano in profondità il teatro e il suo rapporto con il mondo.

 

“In un film l'imbecille non può fare che la parte di un imbecille, a teatro si può nascondere”. Così il grande Vittorio Gassman riassumeva la differenza che intercorre tra cinema e teatro. Aspetti che saranno ampiamente analizzati con l’iniziativa della Cineteca Italiana, in collaborazione con il teatro Elfo Puccini. Saranno proposti infatti otto film d’autore che indagano il senso, i valori e i pericoli del teatro.

Tra i film in programma segnaliamo Pallottole su Broadway, di Woody Allen, un ironico apologo sull’arte e sul teatro. Film del 1994, racconta la storia di un giovane regista teatrale degli anni ’20, che giunto a New York si trova a dover fare i conti con la mancanza di contante. Il denaro si materializza con la figura di Nick Valenti, capo della mafia, che impone però la presenza nel cast della sua amante, totalmente priva di talento. Dovrà così cercare di adattare il suo spettacolo alle “abilità” della donna, trovando poi un aiuto insperato…

 

L’iniziativa della Cineteca Italiana si inserisce in un programma più ampio, che vede la messa in scena dal 21 ottobre al 16 novembre de Il Vizio dell’Arte al teatro Elfo Puccini. Lo spettacolo è tratto dalla pièce di Alan Bennet, e vede alla regia Ferdinando Bruni e Francesco Frongia. Si tratta di un testo divertente ma che sa andare in profondità, parlando di ambiti non necessariamente collegati al teatro, come poesia, musica, etica e di vita.

Prima della proiezione di Pallottole su Broadway, i registi de Il Vizio dell’Arte saranno presenti in sala per parlare del loro spettacolo e cosa è per loro il vizio dell’arte.

 

INFO

Il Vizio dell’Arte

Spazio Oberdan – Sala Alda Merini

Viale Vittorio Veneto 2, Milano

 

Tel. 02.87242114

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cinetecamilano.it

 

Film in programma

Mercoledì 22 ottobre

16.30 Eva contro Eva

21.30 Rumori fuori scena

 

Giovedì 23 ottobre

19.00 Vanya sulla 42^ strada

 

Venerdì 24 ottobre

16.00 La sera della prima

21.30 Vogliamo vivere!

 

Sabato 25 ottobre

17.00 Venere in pelliccia

19.00 Rumori fuori scena

 

Domenica 26 ottobre

15.00 Les Enfants du paradis

21.00 Pallottole su Broadway

 

Biglietti:

Intero € 7,00

Ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50

Proiezione pomeridiana feriale: intero € 5,50, ridotto € 3,50.

Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC e all’Area Metropolis 2.0

 

 

 

 

Un’anteprima italiana per tutti gli appassionati di cinema vi aspetta all’Oberdan.

Il film Samsara del 2011 firmato da Ron Fricke, sarà proiettato per la prima volta nel nostro paese dall’1 al 9 Marzo 2014 presso lo spazio milanese.

Dopo l’uscita del film cult Baraka, il regista torna con un viaggio nell’oceano dell’esistenza che stordisce per la bellezza delle immagini.

La pellicola non è da confondere con l’omonimo lungometraggio del 2001 di Pan Nalin, Samsara (termine che in sanscritto significa “costantemente in moto” e rimanda al ciclo di vita, morte e rinascita della religione buddhista) è un viaggio che tocca innumerevoli angoli del pianeta, trasformandosi in un’esperienza di stupefazione, una meditazione guidata, un distaccamento da sè e dalla vita di sempre per ritrovare il senso del sacro e il desiderio d’infinito.

Ogni inquadratura sembra animata da un’energia spirituale interna che evoca l’eternità e la precarietà delle cose, il mistero della natura e dell’esistenza umana, la straziante meravigliosa bellezza del creato e l’abbacinante perfezione della morte.

Un film mai distribuito in Italia, un distaccamento da sè e dalla vita di sempre per ritrovare il senso del sacro e il desiderio dell’infinito.

In Baraka era indagato il rapporto tra l’uomo e la natura, in Samsara è la circolarità della vita a fare da protagonista e donare una carica fortemente comunicativa alle immagini.

La pellicola, legata alle tradizioni religiose orientali, incanta con il fluire d’immagini dal sapore zen.

Ron Fricke vuole sottolineare come l’essere umano abbia preso una direzione errata nell’evoluzione delle specie. L’essere umano però non è composto solo da questa componente, il regista infatti porta all’attenzione quelle società non ancora totalmente corrotte da questo virus di onnipotenza che scarnifica l’essere umano.

I temi esplorati nel film sono quelli della nascita, della morte e della rinascita attraverso una grafica molto particolare e una musica mozzafiato. Nel naturale fluire delle cose si trasmette una forte sacralità.

 

Il regista e direttore della fotografia statunitense è considerato da sempre un maestro della fotografia con la tecnica time-lapse. Fricke dice del suo lavoro: «Sento che il mio lavoro si è evoluto attraverso Koyaanisqatsi, Chronos e Baraka. Sia tecnicamente che filosoficamente sono pronto ad approfondire sempre di più quello che per me è il tema più importante: la relazione umana con l'eterno».

 

Nerospinto consiglia la visione di questa pellicola, spirituale e sacrale, che vi lascerà senza parole.

 

 

Spazio Oberdan

Sala Alda Merini

Viale Vittorio Veneto 2, Milano

 

Orari

Sabato 1 marzo h 17 e h 21.30 / Domenica 2 marzo h 19 / Mercoledì 5 marzo h 21.15 / Giovedì 6 marzo h 19 / Sabato 8 marzo h 19 / Domenica 9 marzo h 15 MODALITÀ D’INGRESSO

Biglietto d’ingresso: intero € 7,00

Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera: € 5,50

Spettacoli delle ore 15 e 17 dei giorni feriali: intero € 5,50, ridotto per i possessori di Cinetessera € 3,50

Siete degli appassionati di Roman Polanski? Fondazione Cineteca Italiana propone la rassegna del regista polacco.

 

Una selezione di tre film di Polanski, che testimoniano la grandezza nell’esplorare i meandri più sotterranei e minacciosi dell’animo umano, sarà proiettata allo Spazio Oberdan nella Sala Alda Merini.

 

Venere in pelliccia, in concorso all’ultimo Festival di Cannes e interpretato dalla straordinaria Emmanuelle Seigner, moglie del regista, attrice dal grande fascino, un fascino misterioso e inquietante. Il film si interroga sul gioco della seduzione evidenziando luci e ombre, messe a nudo anche dal rapporto tra cinema e teatro, naturale sfondo della pellicola. Il lungometraggio, dall’omonima pièce teatrale di David Ives tratta dal romanzo di Leopold Von Sacher-Masoch, narra la storia di Thomas. In un piccolo teatro parigino, dopo una giornata di provini alle attrici per la pièce che sta per essere rappresentata, Thomas si lamenta al telefono per lo scarso rendimento delle candidate. Mentre si prepara a uscire si presenta Vanda, una candidata in estremo ritardo. La donna incarna tutto ciò che Thomas odia: è volgare, impertinente e non si ferma davanti a nulla pur di ottenere il ruolo. Il regista decide di darle una chanche e, con sommo stupore, assiste alla sua metamorfosi. Vanda non solo conoscere perfettamente la parte ma mostra di aver compreso in profondità il personaggio e di essere un’attrice molto qualificata. Thomas, sempre più attratto da lei, finirà per esserne completamente soggiogato.

 

La bellissima Emmanuelle, sarà interprete anche in Luna in fiele, ambientato in una nave da crociera che diventa la proiezione fisica delle nevrosi, delle paure, della follia dei personaggi. I due giovani inglesi che hanno intrapreso il viaggio in mare stringono amicizia con una coppia: lui scrittore americano di poco successo costretto sulla sedia a rotelle, lei una francese bella e ambigua, entrambi hanno accese fantasie sessuali sadomaso nelle quali ben presto coinvolgeranno i due inglese. Dal romanzo omonimo di Pascal Bruckner, il cast comprende molto attori importanti: Emanuelle Seignier, Peter Coyote, Hugh Grant, Kristin Scott Thomas, Victor Banjeree.

 

L’inquilino del terzo piano è la terza pellicola della rassegna dove è lo stesso Polanski a mettersi in scena in una sorta di confessione per interposto personaggio delle sue più ricorrenti ossessioni. Il film, dal romanzo “Le locatarie chimerique” di R. Topor, narra la storia di un impiegato polacco, da poco naturalizato francese, prende in affitto un appartamento in una vecchia casa di Parigi. L’inquilina precedente si è suicidata buttandosi dalla finestra. L’uomo ne assume l’identità fino a ripetere la tragica fine.

 

Non perdetevi questa rassegna d’autore, avete l’occasione di entrare nel mondo di uno dei più famosi e talentuosi registi del mondo del cinema.

 

ROMAN POLANSKI, O DEI LUOGHI OSCURI

Spazio Oberdan viale Vittorio Veneto 2, angolo piazza Oberdan Milano

SABATO 15 FEBBRAIO

h 21.15 Venere in pelliccia (R. Polanski, 2013, 96')

MERCOLEDÌ 19 FEBBRAIO

h 16.30 Luna di fiele (R. Polanski, 1992, 138')

h 21.00 L'inquilino del terzo piano (R. Polanski, 1976, 125')

VENERDÌ 21 FEBBRAIO

h 17.00 L'inquilino del terzo piano (R. Polanski, 1976, 125')

h 19.15 Venere in pelliccia (R. Polanski, 2013, 96')

SABATO 22 FEBBRAIO

h 15.00 Luna di fiele (R. Polanski, 1992, 138')

h 18.00 Venere in pelliccia (R. Polanski, 2013, 96')

 

 

MODALITÀ D’INGRESSO

Biglietto d’ingresso:intero € 7,00

Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera: € 5,50

Spettacoli delle ore 15 e 17 dei giorni feriali: intero € 5,50, ridotto per i possessori di Cinetessera € 3,50

 

Fondazione Cineteca Italiana, grazie alla collaborazione con Museo Poldi Pezzoli e Gallerie d’Italia, è lieta di valorizzare l’esposizione “Wunderkammer. Arte, Natura, Meraviglia ieri e oggi”, organizzando, dal 5 gennaio al 6 febbraio 2014, una rassegna cinematografica a tema presso Spazio Oberdan e MIC – Museo Interattivo del Cinema di Milano.

La Cineteca di Milano ha scelto di interpretare il tema seguendo due anime della Wunderkammer, una che si orienta nel fantastico e sconfina nella magia, nella sorpresa, l’altra legata all’aspetto più meccanico, a quell'orwelliana visione del rapporto uomo-macchina che riproduce la meraviglia del ricreare la realtà, la cui massima espressione è l’automa.

Il filone del “meraviglioso al cinema” sarà scandagliato presso Spazio Oberdan e sarà composto da vari film tra cui spicca Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il Diavolo del maestro Terry Gilliam, strabiliante inventore di immagini. Il film è un inno alla fantasia che Gilliam inonda con il suo cinema eccessivo ed estremo, ironico e colorato. Non manca il più recente Mood Indigo – La schiuma dei giorni, fiaba surreale che solo tramite il talento visionario di Michel Gondry avrebbe potuto trovare una degna trasposizione cinematografica.

Il MIC subirà invece il “fascino degli automi” e vedrà alternarsi capolavori come Metropolis di Fritz Lang, che con i suoi congegni retro-futuribili sarà uno degli autori con la più straordinaria capacità visionaria, il cult movie Blade Runner di Ridley Scott e Hugo Cabret di Martin Scorsese,una meraviglia per gli occhi con un cuore meccanico.

Per tutta la durata della rassegna sarà eccezionalmente esposto presso il MIC l’automa presente nel film La migliore offerta di Giuseppe Tornatore, pellicola che inaugura il programma e che ben rappresenta il tema. Il pluripremiato capolavoro di Tornatore sembra un gioco di specchi sul cinema, sul confine tra arte e vita, tra vero e falso, verità ed artificio, e ben si inserisce la meravigliosa riproduzione dell'automa che dovrà, insieme ai personaggi, fare i conti con il rapporto tra la realtà e la sua riproduzione.

Ecco il programma dettagliato:

IL MERAVIGLIOSO AL CINEMA

-       Domenica 5 gennaio ore 15 (proiezione per bambini)

Mr. Magorium e la bottega delle meraviglie (Z. Helm, USA, 2007, 96’)

-       Domenica 12 gennaio ore 18.30

Presentazione della mostra “Wunderkammer. Arte, natura, Meraviglia ieri e oggi” con Lavinia Galli (curatore della mostra) e Gabriele Mazzotta.

A seguire Mood Indigo – La schiuma dei giorni (M. Gondry, Francia, 2013, 125’)

-       Domenica 19 gennaio ore 18.30

Il fauno (F. Mari, Italia, 1917, 70’, muto) Proiezione con accompagnamento dal vivo al pianoforte

A seguire Finalmente il cinema (J. Prieur, Francia, 2011, 52’)

-       Domenica 26 gennaio ore 18.30

Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo (T. Gilliam, USA, 2009, 122’)

MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA

IL FASCINO DEGLI AUTOMI

-       Domenica 5 gennaio ore 17

La migliore offerta (Giuseppe Tornatore, Italia, 2013, col., 124')

-       Lunedì 6 gennaio ore 21

Metropolis (Fritz Lang, Germania, 1927, b/n, 117' ed. restaurata)

Proiezione con musica dal vivo di Francesca Badalini

-       Domenica 12 gennaio ore 17

Hugo Cabret (Martin Scorsese, USA, 2011, col., 127')

-       Domenica 19 gennaio ore 15

L'uomo bicentenario (Chris Columbus, USA, Germania, 1999, 131’)

-       Domenica 26 gennaio ore 17

Il mondo dei robot (Michael Crichton, USA, 1973, col., 88')

-       Domenica 6 febbraio ore 21

Blade Runner (Ridley Scott, USA, 1982, col., 117')

SPECIALE PROMOZIONE:

I possessori del biglietto della mostra “Wunderkammer. Arte, natura, Meraviglia ieri e oggi”” potranno accedere alle proiezioni della rassegna Wunderkammer e Cinema presso Spazio Oberdan al prezzo ridotto di € 5,50 invece di € 7, e presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema al prezzo ridotto di € 3 invece di € 5. Viceversa, i possessori di Cinetessera 2014 potranno accedere alla mostra al prezzo scontato di € 6 invece di € 9.

MODALITÀ D’INGRESSO SPAZIO OBERDAN:

Biglietto d’ingresso: intero € 7,00

Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o con il biglietto della mostra “Wunderkammer. Arte, natura, Meraviglia ieri e oggi”: € 5,50

MODALITÀ D’INGRESSO AL MIC:

Biglietto d’ingresso: intero € 5,00

Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o con il biglietto della mostra “Wunderkammer. Arte, natura, Meraviglia ieri e oggi”: € 3,00

Dal 5 gennaio al 6 febbraio presso il MIC-Museo Interattivo del Cinema di Milano sarà esposto l’automa presente nel film di Giuseppe Tornatore La Migliore Offerta. Un pannello multimediale descriverà le caratteristiche di questo prezioso manufatto.

INFOLINE 0287242114   -   EMAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   -   WEB www.cinetecamilano.it

SPAZIO OBERDAN Viale Vittorio Veneto 2 MM1 Porta Venezia

MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA Viale Fulvio Testi 121 MM5 Bicocca

 

Quattro appuntamenti con altrettanti grandi film (tra cui due in copie restaurate da materiali unici ritrovati dalla Cineteca Italiana) girati tra la fine degli anni Venti e l’inizio dei Trenta del ‘900, dove la bellezza e il fascino di tre “divine” dello schermo hanno modo di rifulgere incontrastati. Sono storie di amori e tradimenti, onore e irresponsabilità, illusioni spezzate. Le tre le regine di questo omaggio: un’innocente e sensuale Louise Brooks nell’ultima grande interpretazione della sua breve carriera; Greta Garbo, qui in coppia con John Gilbert prima e dopo la loro liaison, che riesce a illuminare due melodrammi firmati da Clarence Brown con la sua presenza magnetica e sfuggente, carica di mistero; e la meno nota ma non per questo meno notevole Anna Sten, star del cinema muto sovietico. Più carnale e terrena delle due icone citate, a chi voleva proporla come la nuova Garbo o Dietrich la Sten seppe resistere con la forza del suo talento genuino e spontaneo di vera attrice, che le valse l’apprezzamento di importanti registi europei.

Ecco il calendario della rassegna:

DESTINO

R.: Clarence Brown muto, v.o. sott. it. Int.: Greta Garbo, John Gilbert, Douglas Fairbanks Jr. USA, 1928, b/n, 90’ 
Diana e Neville si amano fin da quando erano bambini. Con il passare del tempo Diana si fa sempre più introversa ed enigmatica. La depressione per aver dovuto rinunciare a Neville la condurrà in una casa di cura. Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Francesca Badalini.Ringraziamo Photoplay Productions and Warner Bros. per la concessione del film Destino. Courtesy of Photoplay Productions © 2002 Photoplay Productions
1 febbraio 2013, ore 21.30
TEMPESTE DI PASSIONE - COPIA RESTAURATA

R.: Robert Siodmak Sc.: Robert Liebmann, Hans Müller Int.: Emil Jannings, Anna Sten Germania, 1932, b/n, 101’, muto con musica registrata.
Il destino di Bumke, un piccolo delinquente che entra ed esce di prigione, è segnato quando la gelosia per la bella e infedele Anya gli fa compiere l’ultima pazzia.
10 febbraio 2013, ore 19:00 - 16 febbraio 2013, ore 17:00

 

LA CARNE E IL DIAVOLO

R.: Clarence Brown, dal romanzo di Herman Sudermann , v.o. sott. it. Int.: Greta Garbo, John Gilbert, Lars Hanson USA, 1926, b/n, 110’, muto
Dopo aver spinto l’amante a uccidere il marito in duello, la protagonista (Felicitas), sposa un altro uomo. Pagherà il suo tradimento con una fine tragica sui ghiacci.Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Antonio Zambrini. 
13 febbraio 2013, ore 21:00

 

MISS EUROPA (PRIX DE BEAUTE') - COPIA RESTAURATA

R.: Augusto Genina Sc.: René Clair, Georg W. Pabst Int.: Louise Brooks, Georges Charlia, Jean Bradin, Augusto Bandini, André Nicolle, Yves Glad, Gaston Jacquet. Francia, 1930, b/n, 109’, muto.
Louise Brooks nei panni di una semplice impiegata, Lucienne, che si ritrova proiettata nel dorato mondo dello spettacolo dopo essere stata eletta Miss Europa. Il suo fidanzato è all’oscuro di tutto, ma all’inizio Lucienne resiste alle lusinghe della notorietà, si sposa e accetta di dedicarsi alla casa. Solo che quella vita è troppo dura, e un giorno Lucienne se ne va, torna dal principe che l’aveva corteggiata e grazie al suo aiuto inizia una carriera cinematografica. Il marito, disperato, non smetterà di cercarla e quando alla fine la ritroverà tutto finirà in tragedia. Accompagnamento dal vivo al pianoforte di Antonio Zambrini.
22 febbraio 2013, ore 21:15     

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.