CHIAMACI +39 333 8864490

|||||

Da quasi dieci anni Blue Ginger è il punto di riferimento a Milano per tutti gli amanti della cucina asiatica e dei dim sum.

|||||||||

Il neo ristorante Ghe Sem conquista il cuore di Milano (e dei milanesi) con uno dei piatti più prelibati della cucina cinese: i Dim Sum.

|||

Giovedì 16 luglio fa il suo debutto al Festival di Villa Arconati, uno dei talenti più intriganti della nuova canzone italiana: Brunori Sas.

Il cantautore cosentino Dario Brunori, conosciuto come Brunori Sas, porta in scena lo spettacolo "Brunori Srl: una società a responsabilità limitata", un connubio perfetto di teatro, cabaret e canzone.

Reduce dal suo ultimo tour europeo "Il Cammino di Santiago in Interrail" dedicato all'ultimo album "Il Cammino di Santiago in taxi", Brunori Sas, nel suo nuovo spettacolo, si ispira alle stand up comedy americane per raccontare la nostra epoca con canzoni ironiche e monologhi con qualche tonalità amara.

Il titolo dello spettacolo gioca sul suo nome d'arte, trasformando Brunori Sas da società di persone a società di capitali (Srl) per descrivere le mutazioni di una realtà fatta di luoghi non fisici, come la Rete, dove la responsabilità degli uomini è sempre più limitata.

Lo spettacolo è già stato apprezzato dal pubblico e dalla critica, attraverso aneddoti, ricordi e storie personali Dario Brunori ironizza sulla società odierna e sull’abitudine di delegare, soprattutto le proprie responsabilità.

Festival di Villa Arconati Brunori Sas 16 luglio, ore 21.00 20€ + prevendita Via Madonna Fametta, Bollate MI

 

 

Lo scorso 7 dicembre 2012 è uscito in tutta Italia il settimo disco dei Tre allegri ragazzi morti: “Nel giardino dei fantasmi”, edito per “La tempesta dischi”, l'etichetta indipendente creata nel 2000 dal bassista della band Enrico Molteni.

 

Negli scorsi mesi, in contemporanea alla pubblicazione dell'album, il trio di Pordenone ha da subito annunciato le date del nuovo tour che ha toccato e toccherà moltissime città italiane, tra cui Mezzago il prossimo venerdì 8 marzo.

 

Confermando live dopo live quello che fino adesso si è rivelato un lavoro ricco di novità, la band ha cercato in ogni data di creare un’ architettura visiva e musicale capace di far incontrare la poesia dei testi e le scenografie del palco per dare origine ad un leitmotiv dove le immagini dei sogni sono protagoniste.

 

L'ultimo lavoro del gruppetto mascherato, che da ormai quasi venti anni svetta tra le band alternative rock più ascoltate in Italia, prosegue il cammino intrapreso con “Primitivi del futuro” (“La tempesta dischi”, 2010), sottolineando la svolta musicale reggae-dub, che ha caratterizzato il precedente lavoro, e dona ancora una volta un'affascinante colonna sonora ai paesaggi onirici che vivono dentro e fuori di noi.

 

L'album trascina gli ascoltatori all'interno di un mondo altro, popolato da strani personaggi che grazie alle illustrazioni del leader della band, il famoso fumettista Davide Tuffolo, riescono a prendere vita creando un immaginario fantastico dove i fantasmi divengono i protagonisti delle canzoni, giocano con gli errori del passato, si trasformano nei mostri che vivono il presente e cercano risposte disilluse ai dubbi del futuro.

 

“Nel giardino dei fantasmi”, con le sue undici tracks dal sapore caraibico e le sue sfumature etniche, guarda verso mondi lontani, caldi e assolati, dove non vengono dimenticate  le coinvolgenti influenze blues e i graffianti riff punk-rock che da sempre hanno caratterizzato il gruppo, regalando come sempre al pubblico dei live un “incredibile spettaculo de la vida/(un) incredibile spettaculo de la muerte”.

 

Dunque per chi ancora pensa che i Tre allegri ragazzi morti sono realmente deceduti per lasciare spazio ad un qualcosa di nuovo, ancora scomodo da digerire dopo il primo ascolto da parte di un orecchio ormai abituato ai cupi mondi naif del passato, si potrebbe rispondere: si, qualcosa è cambiato, forse qualcosa si è evoluto. Come suggerisce “La fine del giorno”, sesta canzone dell'album: ”Non voglio fingere che sia così, non dirmi che non l'hai ancora capito, anche il colore del cielo lo dice, si rincomincia da qui.”

 

Il primo febbraio 2013 il tour che, come data zero, ha toccato la città di Cortemaggiore esibendosi presso l'ex teatro Fillmore, arriva nei pressi di Milano a Mezzago questo venerdì, e proseguirà in tutta Italia fino alla fine di maggio per poi riprendere dopo una breve pausa nei mesi estivi.

 

Qui di sotto le tutte le prossime date del tour:

 

08 Marzo 2013

BLOOM LIVE

Mezzago, MB

 

 

09 Marzo 2013

URBAN CLUB

Sant’Andrea delle Fratte, PG

 

22 Marzo 2013

MERCATI GENERALI

Catania

 

23 Marzo 2013

CANDELAI

Palermo

 

28 Marzo 2013

BLACK OUT ROCKCLUB

Roma

 

29 Marzo 2013

TIPOGRAFIA

Pescara

 

31 Marzo 2013

VIDIA CLUB

Cesena, FC

 

06 Aprile 2013

ETNOBLOG

Trieste

 

12 Aprile 2013

SONAR

Colle di Val d'Elsa, SI

 

13 Aprile 2013

AUDITORIUM COMUNALE

Salerno

 

19 Aprile 2013

LOCOMOTIV CLUB

Bologna

 

|||

Cindy Lauper, da ispiratrice e icona dello stile punk rock, oggi sembra più la testimonial di un concentrato di pomodoro.

Lontani i tempi in cui cantava con voce roca e struggente “true colors” raccontando la storia di un ragazzo che voleva farla finita e che lei invitava a mostrarle il suo sorriso.

Se quel ragazzo potesse vederla ora, forse morirebbe ugualmente, ripensando a come la vita, a volte, sia davvero crudele.

 

Funeral Party

Muore Etta James, cantante jazz statunitense e riferimento musicale di moltissime pop star.

La sempiterna ugola d'oro Christina Aguilera canta di fronte alla salma e a numerose altre salme ancora non trapassate uno dei pezzi più celebri della defunta.

Tutto molto commovente, se non fosse per un dettaglio:

“Ma chè ci si presenta con tutte le zizze di fuori a un funerale?"

 

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.