CHIAMACI +39 333 8864490

Sulla sponda veronese del Lago di Garda c’è un ristorante dove si respira il vero spirito del lago e che vale una deviazione. Sto parlando del Ristorante Regio Patio, un ristorante gourmet all’interno dell’hotel Regina Adelaide.

Pubblicato in Lifestyle

Per i nostri lettori romantici che vogliono concedersi una pausa dalla routine frenetica della città suggeriamo indimenticabile weekend in uno degli hotel da sogno più belli e più antichi del Lago di Como: il Grand Hotel Tremezzo.

Un autentico palace in stile Liberty, un hotel a 5 stelle lusso dove concedersi una vacanza regale in totale sfarzo e relax.

Il panorama su Bellagio e sulle Grigne è incantevole, meraviglioso grazie alla sua posizione unica sulla sponda del lago. La posizione è strategica nel cuore del lago, a sola un'ora di distanza dall'aeroporto di Milano Malpensa.

Il Lago di Como è certamente uno dei luoghi più famosi e ricchi di fascino del mondo. Il turismo internazionale di élite lo ha eletto da sempre tra le sue destinazioni preferite. Tappa obbligata nell'immaginario dei viaggiatori e considerato dagli innamorati il luogo ideale per le loro fughe romantiche.

A contribuire al suo fascino vi sono la bellezza del paesaggio, con i piccoli borghi che si affacciano sulle sponde e ancora conservano antiche tradizioni; gli incantevoli giardini che incorniciano le storiche ville, già residenze estive delle casate aristocratiche lombarde; e la dolcezza del clima, che rende ancora più godibile lo spettacolo delle Alpi dalle cime perennemente innevate, quasi a specchio nelle acque del lago.
Cent'anni di charme divinamente portati. Era il 1910 quando l’hotel aprì i battenti. Erano i tempi del grand tour romantico, dei lunghi viaggi e dei grandi viaggiatori. Un gentiluomo di Bellagio innamorato del bello in ogni sua forma, Enea Gandola, dopo avere viaggiato in lungo e in largo per l’Europa, rientrato in Italia decise di costruire un albergo che – proprio al centro di uno dei laghi più suggestivi del mondo – potesse esprimere classe e raffinatezza. La scelta cadde sul terreno straordinario confinante con il parco di Villa Carlotta.
Negli anni ‘30, l’hotel fu acquistato dalla famiglia Sampietro. Tremezzo in quel periodo divenne una destinazione rinomata del turismo cosmopolita. Greta Garbo cita proprio Tremezzo come meta soleggiata e felice nel celebre film “Grand Hotel” (1932).
Le magnifiche Suite Storiche sono quattro splendide occasioni per vivere una vacanza di sogno nel cuore del nostro Palazzo.
Ognuna, con vista meravigliosa sul Lago di Como, è un omaggio alle “Grandi Donne” che hanno lasciato un ricordo della loro bellezza in questo angolo di paradiso.
Sono la Suite Carlotta, la Suite Greta, Suite Maria e la nuovissima Suite Aurelia inaugurata nel 2014.
A rendere uniche le suite di lusso del Grand Hotel Tremezzo è la dolcezza degli spazi, dai meravigliosi salotti alle eleganti camere da letto, alle bellissime terrazze, affacciate sul blu del cielo e del lago. A ogni ora del giorno, mille sfumature di felicità.
SUITE GRETA
Alla Divina Greta Garbo è stata dedicata la suite storica più importante del Grand Hotel Tremezzo.
Situata nel cuore del primo piano del Palace, la magnifica Suite Greta è composta da una camera da letto, due sale da bagno e un’area living, ed è tutta rivolta verso la sua immensa terrazza privata aperta sulla bellezza del Lago di Como. Un ampio ingresso rivestito di boiserie conduce al salotto, discretamente separato dalla zona notte da una parete scandita da due arcate invitanti.
La sala da bagno master, meravigliosamente rivestita di marmi preziosi, con doccia e vasca idromassaggio centrale, è ideale per godersi lo sfondo del lago immersi tra mille bollicine. Il vero plus è però la straordinaria terrazza, da sempre esclusiva della suite principale dell’hotel, che  permette di vivere la bellezza del lago in ogni momento della giornata, di fronte al meraviglioso spettacolo della punta di Bellagio che si immerge nell'acqua.
Altri magnifici servizi sono la nuovissima T SPA che propone ai suoi ospiti trattamenti di una delle più esclusive e ricercate linee di bellezza al mondo, ESPA; le immense piscine tra cui la Piscina dei Fiori, immersa nella quiete e nei colori del parco, perfetta per nuotare e rilassarsi nella natura. Infine, per gli appassionati di sport, fitness e golf, l'hotel offre un ricco ventaglio di attività: tennis, jogging, sport acquatici, trekking e mountain bike.
Per l'occasione l'hotel dispone di un'offerta speciale per un soggiorno minimo di 2 notti.
Il pacchetto include:
  • Soggiorno di due notti nella tipologia di camera preferita
  • Prima colazione a buffet nel nostro ristorante gourmet La Terrazza
  • Cocktail di Pasqua di benvenuto
  • Benvenuto in camera all’arrivo con delizie pasquali
  • Pranzo al Ristorante La Terrazza con speciale menù di Pasqua (quattro portate, bevande escluse) a cura dello Chef Osvaldo Presazzi con la straordinaria collaborazione del Maestro Gualtiero Marchesi
  • Tour fotografico di tre ore attraverso i borghi più belli d’Italia della Tremezzina
Per info e prenotazioni:
Grand Hotel Tremezzo
tel. 0344 42491
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

[gallery type="rectangular" ids="40985,40983,40982,40980,40976,40971,40970,40969,40968,40966,40967"]

Pubblicato in Lifestyle

Essere bambini e vivere a Milano? per molti è un paradosso! Bene, che si ricredano facendo un salto al Villaggio delle Meraviglie, un angolo magico ricreato per i più piccoli nei Giardini Montanelli.

Una iniziativa organizzata da Ambra Orfei Entertainment e Orizzonte, per portare a Milano la magica atmosfera del Natale nordico.

Il Villaggio delle Meraviglie si compone di tante attrazioni: la pista di pattinaggio, il mini ottovolante bruco mela,il boogie woogie,la rotonda della pesca,il teatrino di babbo natale, lo scivolo discesa libera, l'acro jump,il treno fantasma,il treno fantasma e le mini car.

Mille attività e laboratori didattici, nonchè il mercatino degli elfi, dove poter assaggiare infinite golosità e fare del bene, grazie alla presenza della SOS Bambini onlus che si occupa di proteggere i più piccoli:

LE  FRITTELLE DEL VILLAGGIO - Frittelle di zucchero

LA PASTICCERIA DI BABBO NATALE – Zucchero filato, pop corn, frittelle

LE  GOLOSITA’DI BABBO NATALE – Churros dulche de leche

LA CUCINA DELLA BEFANA - Cucina tipica natalizia

Un luogo fatato, dove trascorrere piacevoli momenti in famiglia, per attendere al meglio l'imminente Natale!

 

Per maggiori informazioni su eventi in programma e orari del villaggio:http://www.villaggiodellemeraviglie.com/index.php

 

Il Villaggio delle Meraviglie

Giardini Pubblici Indro Montanelli

MM Palestro

 

 

Pubblicato in Clubbing
Lunedì, 09 Settembre 2013 17:46

Il vademecum del buon rientro

A parte pochissimi fortunati, ormai l'estate è giunta al termine per tutti e gradualmente si torna ai ritmi prestabiliti da lavoro, studio e impegni vari.

Concluse le vacanze e reduci di alcune (o troppe) concessioni è il momento di ripristinare i nostri equilibri.

 

L'argomento è però delicato: spesso si tende ad essere molto drastici nell'imporsi una nuova disciplina sia dal punto di vista fisico-motorio che da quello alimentare.

Sforzi brevi ma intensi, diete improvvisate e minimali spesso possono essere controproducenti, se non dannosi.

Per evitare questo e permettervi di prendervi cura di voi stessi, Nerospinto ha pensato di richiedere pochi ma essenziali consigli alla Dott.ssa Arianna Rossoni (http://www.alimentazioneinequilibrio.it/), la dietista che ci accompagna nel nostro percorso, per ottenere alcune linee guida generali utili al reinserimento più fluido nei propri ritmi usuali, lasciandosi alle spalle gli eccessi estivi.

 

Ecco il decalogo di suggerimenti elaborato per voi:

 

- ricominciate a fare attività fisica gradualmente: l'eccesso di sport dopo un lungo periodo di calma può nuocere alle articolazioni. Inoltre uno slancio di entusiasmo verso un'attività intensa (ad esempio in palestra) si spegne più velocemente, rispetto ad un piccolo impegno continuativo;

 

- un buon inizio è concedersi una camminata tutti i giorni, o jogging a giorni alterni per circa 40 minuti;

 

- se siete delle persone dallo stile di vita sedentario è consigliabile praticare il nuoto, in quanto più idoneo al passaggio tra l'assenza di attività e un impegno fisico più continuativo;

 

- alternativa utile alla classica passeggiata è il nordic walking (camminare con le racchette da trekking) poiché muove armonicamente il nostro corpo, favorendo il ricircolo del sangue;

 

- evitate le diete drastiche: funzionano sull'immediato, ma hanno un effetto solo temporaneo. Sono sconsigliate le diete a base di sole frutta e verdura: vengono meno le proteine utili al buon funzionamento del nostro fisico e si rischia di perdere massa magra (ovvero quella che brucia le calorie);

 

- se gli eccessi estivi sono stati considerevoli è possibile seguire una dieta "detossinante", volta alla diminuzione di ritenzione idrica (attenzione: serve ad eliminare liquidi in eccesso, non a perdere grassi).

Abbondate le porzioni di verdura drenante (finocchio, sedano, cetrioli, ravanelli) e frutta fluidificante (ananas, melograno, kiwi), privilegiate pasti proteici, ma mantenente un buon apporto di carboidrati per quanto riguarda la colazione (muesli, pane e marmellata, fette biscottate, qualche noce).

Questa dieta non va protratta a lungo, serve semplicemente a porre un rimedio sull'immediato in vista della ripresa del proprio stile di vita;

 

- nella prima settimana dopo il rientro può essere utile limitare il glutine, prediligendo riso, avena, grano saraceno, miglio;

 

- non eliminate i grassi: 2/3 cucchiaio di olio extravergine d'oliva al giorno evitano che il metabolismo si restringa e quindi che non si brucino abbastanza kcal;

 

- limitate snack, dolci, prodotti confezionati fuori pasto. La sola esclusione di questi alimenti contribuisce a gran parte del lavoro al fine dell'eliminazione dei kg di ritenzione;

 

- per favorire il drenaggio di liquidi è bene evitare di assumere in dosi consistenti: caffè e bevande energetiche, verdure ricche di ossalati (pomodori, melanzane), zuccheri semplici e farine (pane, pizza, grissini, crackers), formaggi, carne/pesce cotti in umido.

Preferite cotture alla piastra, carni bianche e pesce fresco e uova a cottura breve. Potete abbondare con frutta e verdura -con le dovute precauzioni sopra descritte-, e consumare preferibilmente cereali senza glutine, come riso, orzo, farro e grano saraceno, senza per questo evitare di concedervi una pasta qualche volta (meglio di formato lungo in quanto ha un miglior controllo glicemico).

Sono utilissime le spezie: oltre a contribuire al gusto invitante delle pietanze, sono antiossidanti e accelerano il metabolismo. Consigliati zenzero, curcuma, curry, pepe e peperoncino.

Non dimenticate mai di bere tanta acqua, pura o come infuso.

 

 

Senza rinunce improponibili o sforzi sovrumani (soprattutto per chi non è abituato all'attività fisica e si impone un regime serrato) è possibile recuperare la forma e la normalità, guadagnando inoltre qualche sana abitudine in più.

Preferite un piccolo cambiamento costante agli stravolgimenti drastici che spesso rischiano di essere più che altro controproducenti.

Otterrete di sicuro maggiori vantaggi e un benessere più duraturo...ma soprattutto l'energia necessaria ad affrontare il rientro con maggior vigore ed entusiasmo.

Buon inizio settembre a tutti!

 

Pubblicato in in[sano]
Sabato, 10 Agosto 2013 14:00

Vacanze arrivate: AAA relax cercasi

Siamo arrivati al fatidico momento in cui andiamo più o meno tutti in vacanza. E quindi ricerchiamo con tanta foga il relax.

Ma cos'è il relax? relax voce ingl.; in it. s.m. inv., più freq. pr. adatt. • Rilassamento fisico e psichico, stato di riposo SINdistensione Distendere il fisico e la psiche, continuamente sottoposti allo stress quotidiano del lavoro e della vita di tutti i giorni, non è un'impresa facile. Tra i difetti di fabbrica dell'uomo contemporaneo uno di questi è sicuramente quello del non riuscire a rilassarsi completamente. Ed ecco che la mente macina pensieri, qualche muscolo è in tensione senza godersi il presente e magari si pensa, dopo solo una settimana do vacanza, che tra qualche giorno si deve tornare al lavoro. E il relax dov'è in tutto ciò? Il nostro presente dov'è?

Lo yoga parte da un grande presupposto che è il presente, il trovarsi qui e ora senza lasciare la mente a piede libero come un cavallo senza briglie: anche perché, pensateci, il passato non c'è più e il futuro non esiste ancora quindi la dimensione reale in cui trovarsi è il presente. Ma continuiamo a rovinarlo con pensieri del passato e di un futuro non ancora accaduto. Allenare la mente a trovarsi qui in questo luogo e ora, mediante la pratica dello yoga, dona alla propria testa il dono di vivere qualsiasi esperienza, bella o brutta che sia, per quel che è; in modo autentico...nonchè facendo dimenticare, quasi per magia, che domani si deve tornare a lavoro. Ma perché farsi prendere dalla nostalgia quando un'esperienza deve ancora concludersi? La malinconia non è una caratteristica della psiche ma un accessorio che noi le facciamo indossare per forza.

Tutte le esperienze, per belle o brutte che siano, hanno una fine e un proprio trascorso. Lo yoga aiuta ad allenare e a far meditate su questo importante concetto.

Yoga e muscoli: la distensione del proprio corpo e il piacere di abbandonarlo completamente ci fa assaporare il relax in un modo più vero e reale. Come possiamo pensare di rilassarci senza sapere come lasciare il nostro corpo a riposo e senza quelle fastidiose tensioni ( magari alla pancia o nei trapezi) che ci assalgono dopo un intero anno di lavoro?

Yoga è piacere: un punto fondamentale che la mia maestra, Manuela Leoni, ha sempre sottolineato. Lo yoga è piacere, godimento mentale e fisico poiché se si usa consapevolmente il proprio corpo allora il piacere e il piacersi aumenta man mano. Abbiamo tante barriere che non permettono di godere anche di una piccola gioia che ci capita durante il giorno: lo yoga aiuta ad apprezzare ed esser grati alle gioie che ci capitano partendo proprio dal proprio io/mente/corpo.

Non è vero che il relax esiste solo in vacanza. Il relax esiste anche in quell'ora di pratica una o più volte a settimana: quando, ad esempio, nella posizione di shalabasana (distesi a terra completamente adagiati al suolo) avviene la magia del raccoglimento e del raccolto della magnifica esperienza che ti fa vivere lo yoga. Il relax è una qualità che va coltivata: un po' come quando durante l'anno andiamo in palestra per la fatidica prova costume o facciamo una dieta per sembrar più belli in vacanza. Ebbene: siate bellissimi durante tutto l'anno!

Namaste Vittorio Pascale Studioso e praticante di Yoga Integrale presso il centro Parsifal di Milano, viale Gorizia 6, Milano Studioso e praticante di Buddismo tibetano Fondatore della pagina Fb Yogamando Hai domande? Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pubblicato in in[sano]
Martedì, 09 Luglio 2013 12:10

Benessere sotto il sole

Anche in vacanza è bene prendersi cura di se con poche e semplici regole e gesti quotidiani, senza l'ansia di diete e disciplina, insomma benessere in relax.

 

Innanzitutto il sole.

Tutti non vedono l'ora di stendersi sotto i caldi raggi solari per ore dopo i freddi inverni e primavere non molto calorose.

Il sole è un grande e prezioso amico.

Il corpo umano viene riscaldato, le contratture ne beneficiano, i pori della pelle si aprono e favoriscono la fuoriuscita delle tossine e le ossa accumulano grandi quantità di calore che fanno come da dispensa per i mesi più freddi.

A questo si aggiunge anche una notevole scorta di vitamina D che si ottiene con una esposizione minima ai raggi solari di almeno 20 minuti sulle braccia ( molti vegetariani che necessitano di questo tipo di vitamina che è più presente nella dieta carnivora tengano a mente questo consiglio).

 

Gli effetti negativi di una prolungata ed eccessiva esposizione al sole sono diversi ma con una giusta metodologia si possono evitare disturbi a volte anche grossi.

La tanto bramata abbronzatura, se eccessiva è sempre e comunque una ustione anche se lieve e non catastrofica.

Se la pelle si scurisce e il corpo spella questo fa pensare proprio al fatto che viene bruciato qualcosa e quel qualcosa è proprio l'epidermide.

Necessaria quindi una protezione solare adeguata che deve essere ripetuta più volte durante il giorno anche se non si è in spiaggia.

L'uso di protezioni solari filtra i raggi UVA dannosi per l'organismo e l'abbronzatura che ne deriva è più dolce.

In questo modo le scottature, la pelle che si stacca dal corpo e soprattutto lo scudo contro l'insorgere di malattie anche tumorali dovute ai raggi solari è molto più alta.

Colpi di calore, eritemi, allergie sono altri esempi di disturbi legati ad una esposizione troppo lunga e forte al sole.

Dopo ogni bagno, che sia al mare o in piscina la protezione deve essere rimessa sulla pelle.

In erboristeria esistono eccellenti prodotti e l'erborista saprà consigliarvi al meglio.

Questo consiglio vale anche per gli adulti e non solo per i bambini.

 

Molto utile ripararsi all'ombra ogni tanto al fine di dare sollievo al corpo troppo accaldato internamente. Un cappellino, un ombrellone o un albero sono di grande aiuto.

 

Fondamentale bere molto durante tutto il giorno al fine di porre rimedio all'eccessiva sudorazione causata dal caldo. E' una dispersione di liquidi. Bevendo molto si prevengono svenimenti, colpi di calore, etc.

mangiare cibi freschi, frutta è un'ottima risorsa di introduzione di liquidi nel corpo.

 

Dopo la doccia post bagno ideale è mettere sul corpo dell'olio naturale (economico, ricco di vitamine) al fine di reidratare la pelle ed evitare l'antiestetico problema dello spellamento.

 

Vestire con abiti chiari, possibilmente bianchi, aiuta a non attirare su di se i raggi del sole.

A questo proposito ricordiamo che rimanere stesi sulla spiaggia vicino al mare o addirittura sulla sdraio dentro l'acqua provoca l'effetto specchio, ossia i raggi solari sono riflessi sulla pelle in maniera esponenziale e i danni quali vere e proprie scottature sono molto facili.

 

Evitate le fantomatiche massaggiatrici cinesi e non da spiaggia. Non solo non si sa chi ci sta massaggiando e come ma la pulizia in questi casi è fondamentale e questi personaggi passano da persona a persona senza nemmeno lavarsi le mani causando spesso trasmissione di noiosissime malattie della pelle.

Oltre questo va detto che un olio qualsiasi usato sulla pelle durante un massaggio in spiaggia entra poi in contatto con il sole. Ustione garantita!

 

Ancora una volta poche e semplici regole per godersi una sana vacanza senza rovinarsela.

 

WWW.MASSAGGIMILANO.IT

Pubblicato in in[sano]

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.