CHIAMACI +39 333 8864490

Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana presenta dal 22 luglio all’1 agosto 2015 THE TRIBE, un interessante lungometraggio che è apparso solo recentemente in alcune sale italiane.

La durata del film, girato in Ucraina nel 2014, è di 130 minuti. La regia e la sceneggiatura è affidata a Myroslav Slaboshpytskiy, gli interpreti sono invece Grigory Fesenko, Yana Nivikova, Rosa Babiy, Ivan Tishko, Alexander Dsiadevich.

La trama ruota attorno alle vicende di una comunità di giovani sordomuti che vivono in una scuola speciale dove la violenza è sempre dietro l'angolo. Sergey per essere accettato dai compagni deve sottoporsi ai riti selvaggi messi in atto dalla "tribù", ovvero la banda che detta legge all'interno dell'istituto. Ce la fa, ma quando si innamora di Anna, una ragazza che si prostituisce per racimolare i soldi necessari per fuggire dal Paese, si trova costretto a violare tutte le regole imposte dalla impietosa gerarchia della tribù.

Gli aspetti più significativi del film sono due: gli adolescenti sordomuti sono collocati al di fuori di ogni stereotipo sulla disabilità e senza tentazioni di psicologismo sociale; i personaggi comunicano solo attraverso il linguaggio dei segni che diventa puro linguaggio di cinema, trasmettendo emozioni e significati grazie alla loro sublime espressività senza bisogno dell'aiuto di parole e didascalie.

I giorni e gli orari in cui sarà possibile vedere il film sono: mercoledì 22 luglio (h 21), venerdì 24 luglio (h 18), sabato 25 luglio (h 17.30), lunedì 27 luglio (h 21) e sabato 1 agosto (h 21.30).

The Tribe Dal 22 luglio all’1 agosto Spazio Oberdan Milano Viale Vittorio Veneto 2 INFO: 02 87242114 www.cinetecamilano.it

MODALITÀ D’INGRESSO: Biglietto d’ingresso: intero € 7,00 Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50 Primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50 Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema - e all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

[gallery ids="45890,45892,45891"]

Pubblicato in Cultura
Giovedì, 30 Luglio 2015 18:45

LA GRANDE COMMEDIA ITALIANA

Spazio Oberdan, Fondazione cinetica italiana, presenta LA GRANDE COMMEDIA ITALIANA PER EXPO 2015, dal 30 luglio al 30 agosto.

Si tratta di una rassegna pensata per tutti i turisti che in occasone di EXPO 2015 visiteranno Milano e avranno la possibilità di godere della visione di dieci classici della commedia nazionale, presentati in lingua originale e con i sottotitoli in inglese.

LA GRANDE COMMEDIA ITALIANA PER EXPO 2015 è l’occasione di conoscere i vizi, le virtù e le contraddizioni del Bel Paese attraverso la visione dei più grandi registi italiani.

Lo Spazio Oberdan ha raccolto una selezione di dieci film degni di nota, tra i quali i due protagonisti di Luglio saranno: Una vita difficile di Dino Risi, previsto per giovedì 30 luglio alle 21:15 e Divorzio all’italiana di Pietro Germi, che andrà in onda domenica 2 agosto alle 17:00.

Di seguito gli altri imperdibili appuntamenti con il cinema italiano allo Spazio Oberdan:

Io la conoscevo bene, giovedì 6 agosto

Il federale, domenica 9 agosto

C’eravamo tanto amati, govedì 13 agosto

L’armata Brancaleone, domenica 16 agosto

La grande abbuffata, giovedì 20 agosto

Lo scopone scientifico, domenica 23 agosto

Il sorpasso, giovedì 27 agosto

Pane e cioccolata, domenica 30 agosto

 

MODALITÀ D’INGRESSO:

Biglietto d’ingresso: intero € 7,00

Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50

INFO:

Spazio Oberdan – Viale Vittorio Veneto, Milano

TEL 02.87242114

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cinetecamilano.it

 

 

[gallery ids="45711,45712,45713"]

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 13 Luglio 2015 16:46

"Forza Maggiore" allo Spazio Oberdan

Dal 28 Luglio al 2 Agosto, presso Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana presenta "Forza maggiore" (Force Majeure), un film diretto da Ruben Ostlund.

Vincitore del Premio della Giuria nella sezione "Un certain regard" lo scorso anno, al 67° Festival di Cannes, è stato selezionato per rappresentare la Svezia nella categoria "Miglior film straniero" ai Premi Oscar.

 

I protagonisti sono Tomas ed Ebba, genitori sulla quarantina di due bambini. L'intera famiglia, prototipo della classe media occidentale, sceglie di partire per una settimana bianca sulle Alpi francesi. Accade, però, un imprevisto. Il primo giorno, mentre siedono per pranzare ai tavoli all'aperto di un ristorante panoramico, assistono a una slavina controllata -di quelle fatte da chi gestisce gli impianti per evitare valanghe vere-. Nella concitazione del momento, sembra, tuttavia, che la valanga sia destinata a travolgerli. L'istinto di Tomas è quello di mettersi in salvo il più in fretta possibile, l'istinto di Ebba è quello di proteggere i figli fino alla morte, se necessario. Tomas, preso dal panico, scappa senza preoccuparsi di moglie e figli. Fortunatamente la valanga si arresta prima e, rientrato il falso allarme, la famiglia prosegue la propria vacanza. Ciò nonostante, la consapevolezza del gesto istintivo di Tomas incrina la fiducia che Ebba nutre nei suoi confronti. Una crepa è ormai destinata ad aprirsi sempre più profondamente. Difatti, come una valanga inesorabilmente trascina tutto via con sé, allo stesso modo il virus che tormenta Tomas e Ebba si diffonde rapidamente fino a colpire i loro figli, amplificando ed esasperando i loro specifici non detti.

 

"Forza maggiore" è un film dedicato a una crisi familiare pura e semplice, che non ha niente a che vedere con tradimenti, grandi passioni o dolori strazianti.

Colpito dai risultati di una serie di ricerche che osservano un incremento dei divorzi nelle coppie sopravvissute ad un'esperienza fortemente drammatica (un dirottamento o uno tsunami, per esempio), Ostlund, infatti, ha scelto di affrontare l'argomento a suo modo, innescando un parallelismo tra il percorso inarrestabile di un'emozione e quello del tutto simile di una slavina.

Una ottima idea, che si traduce in una pellicola in cui è evidente la volontà di mantenere un grande equilibrio tra le posizioni. Anche la rappresentazione di uomini e donne, delle loro esigenze e dei loro punti di vista nel contesto familiare è sempre lontana da luoghi comuni. La rappresentazione efficace della normalità, senza nessun vincitore.

 

"Forza maggiore" Regia e sceneggiatura: Ruben Ostlund Con Johannes Bah Kuhnke, Lisa Loven Kongsli, Clara Wettergren, Vincent Vettegren

 

Dal 28 luglio al 2 agosto Spazio Oberdan Viale Vittorio Veneto, 2 - 20124 Milano

INFO: T 02.87242114 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.cinetecamilano.it

MODALITÀ D’INGRESSO: Biglietto d’ingresso: intero 7,00 Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50 Primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50

[gallery type="rectangular" ids="45353,45354,45356"]

 

Pubblicato in Cultura
Mercoledì, 24 Giugno 2015 11:04

"Il mondo perduto" allo Spazio Oberdan

Martedì 7 luglio alle ore 21.15 lo Spazio Oberdan ospiterà la proiezione del film "The Lost World – Il mondo perduto", lungometraggio muto di Harry Hoyt tratto dall’omonimo romanzo di Arthur Conan Doyle.

La pellicola del 1925 è il precursore di un genere che prosegue fino ai giorni nostri con la saga di "Jurassic Park", passando da "King Kong" a "Godzilla".

Il professor George Challenger, deciso a dimostrare che i dinosauri non sono del tutto estinti e che sopravvivono in uno sperduto altopiano della foresta amazzonica, cattura e trasporta a Londra un brontosauro. Ma la gloria dell'importante scoperta accademica è presto oscurata dal terrore scatenato dall'animale preistorico che, fuggito dalla prigionia, getta nel panico la metropoli.

L'accompagnamento musicale dal vivo è composto ed eseguito da Francesca Badalini  (chitarra elettrica, pianoforte) con Andrea Grumelli (basso) e Davide Martinelli (batteria).

La proiezione evento è organizzata dalla Fondazione Cineteca Italiana in occasione dell'esposizione "Spinosaurus. Il gigante perduto del Cretaceo" dedicata allo Spinosaurus aegyptiacus il più grande dinosauro predatore mai esistito.

La mostra, in corso a Milano presso Palazzo Dugnani (sala del Tiepolo) fino al 10 gennaio 2016, è promossa dal Comune di Milano e dal Museo di Storia Naturale nell'ambito delle iniziative di Expo in città ed è frutto di una collaborazione tra Museo di Storia Naturale di Milano, National Geographic Society, University of Chicago e l'azienda veneta Geo-Model.

 

 

"The Lost World – Il mondo perduto" Martedì 7 luglio ore 21.15 Spazio Oberdan Viale Vittorio Veneto, 2 - 20124 Milano

 

 

INFO: T 02.87242114 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.cinetecamilano.it

MODALITÀ D’INGRESSO: Biglietto d’ingresso: intero 7,00 Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50 Primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50

 

lost world-gallery-nerospinto1

lost world-gallery-nerospinto2

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 22 Giugno 2015 17:42

Hong Kong Martial Arts Film

Presso lo Spazio Oberdan, dal 7 al 12 Luglio, avrà luogo la rassegna Hong Kong Martial Arts Film.
Potrete assistere ad una accurata selezione dei principali film di arti marziali -in particolare il Kung Fu- di Hong Kong degli ultimi 50 anni.
L'organizzazione della rassegna fa capo all' Hong Kong Economic and Trade Office di Bruxelles in collaborazione con Hong Kong International Film Festival Society e Fondazione Cineteca Italiana.
La retrospettiva cinematografica, coordinata dall' Hong Kong International Film Festival Society, nasce dalla volontà dell'Ufficio economico e commerciale di Hong Kong a Bruxelles di celebrare, in Europa, il cinquantesimo anniversario della sua creazione a Bruxelles.
In programma sei grandi classici del cinema di arti marziali come "The Way of the Dragon" con Bruce Lee, "Spooky Encounters" con Sammo Hung, "Duel to the Death" con Ching Siu-tung, "The Young Master" con Jackie Chan, "Righting Wrongs" con Corey Yuen e "Once Upon a Time in China II" con il noto attore e artista marziale cinese Jet Li, considerato attualmente l'erede cinematografico del celeberrimo Bruce Lee.
Da segnalare che Mercoledì 8 luglio, alle ore 19, nel foyer dello Spazio Oberdan, verrà offerto un buffet per tutti gli spettatori del film delle ore 20.15 "Once upon a Time in China II", che sarà introdotto dal Ministro per l’Ambiente di Hong Kong Mr. Wong Kam-sing.

 

Hong Kong Martial Arts Film Dal 7 al 12 Luglio Spazio Oberdan - Viale Vittorio Veneto, 2, 20124 Milano Ingresso libero fino ad esaurimento posti

 

 

INFO: T 02.87242114 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.cinetecamilano.it

 

UFFICIO STAMPA: Fondazione Cineteca Italiana / Margherita Giusti Hazon Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – M 3403543419

 

 

Di seguito vi presentiamo il calendario dei film in programma:

 

Martedì 7 Luglio ore 18: "Righting Wrongs"

R.: Corey Yuen. Sc.: Szeto Cheuk-hon, Barry Wong. Int.: Yuen Biao, Cynthia Rothrock, Melvin Wong, Corey Yuen, Wu Ma, Louis Fan, Roy Chiao. Hong Kong, 1986, 96’, v.o. cantonese/inglese, sott. It.

Mercoledì 8 Luglio ore 20.15: "Once upon a Time in China II"

R.: Tsui Hark. Sc.: Tsui Hark, Charcoal Tan, Chan Tin-suen. Int.: Jet Li, Rosamund Kwan, Max Mok, Donnie Yen, David Chiang. Hong Kong, 1992, DCP, 113’, v. o. cantonese/inglese, sott. it.

Giovedì 9 Luglio ore 18: "The Young Master"

R.: Jackie Chan. Sc.: Lau Tin-chi, Tung Lu, Tang Kin-sang. Int.: Jackie Chan, Wei Pai, Yuen Biao, Hwang In-shik, Shek Kin, Lily Li. Hong Kong, 1980, 105’, v.o. cantonese, sott. it.

Venerdì 10 Luglio ore 18: "Spooky Encounters"

R.: Sammo Hung. Sc.: Sammo Hung, Huang Ying. Int.: Sammo Hung, Chung Fat, Peter Chan Lung, Wu Ma, Lam Ching-ying, To Siu-ming. Hong Kong, 1980, 102’, v.o. cantonese, sott. it.

Sabato 11 Luglio ore 19: "The Way of the Dragon"

R. e sc.: Bruce Lee. Int: Bruce Lee, Nora Miao, Wei Ping-ao, Wang Chung-hsin, Tony Liu. Hong Kong, 1972, 98’, v.o. cantonese/inglese, sott. it.

Domenica 12 Luglio ore 17"Duel to the Death"

R.: Ching Siu-tung. Sc.: Manfred Wong, David Lai, Ching Siu-tung, Int.: Norman Tsui, Damian Lau, Flora Cheung, Eddy Ko, Paul Chang. Hong Kong, 1983, 83’, v.o. cantonese, sott. it.

 

HONG KONG MARTIAL ARTS FILM-gallery-nerospinto1

 

HONG KONG MARTIAL ARTS FILM-gallery-nerospinto2

Pubblicato in Cultura

Dal 7 all’11 giugno 2015 presso Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana ospita l’VIII EDIZIONE DEL NUOVO CINEMA ISRAELIANO.

 

NUOVO CINEMA ISRAELIANO è uno degli eventi cittadini che fanno da cornice all’esposizione universale 2015 e offre a una platea in cerca di novità le ultime proposte cinematografiche israeliane: film di qualità, ma non solo. A cura di Paola Mortara e Nanette Hayon.

 

Durante i cinque giorni di programmazione sono previsti incontri e presentazioni di libri: La dieta Kasher a cura di Rossella Tercatin e Svita di Luciano Bassani. Il popolo del libro diventa poi anche il popolo del libro digitale: dai rotoli ai file il passo è breve. Verrà, infatti, presentata la nuova casa editrice digitale Tiqqun - di letteratura esclusivamente ebraica ed israeliana - con le sue due proposte Ladri nella notte di Arthur Koestler e Life on Mars di Fiammetta Martegani.

 

Come di consueto, la rassegna filmica prevede lungometraggi, documentari e una sezione dedicata a percorsi ebraici familiari italiani.

 

Si apre con Life as a Rumor di Adi Arbel e Moish Goldberg, che narra la storia di Assi Dayan, figlio di Moshe Dayan, regista, attore e protagonista di vicende di ogni genere, scomparso di recente. Fra i lungometraggi, segnaliamo Bethlehem di Yuval Adler, storia di un ragazzo palestinese reclutato per collaborare con i servizi segreti israeliani. Sempre tra i lungometraggi, Big Bad Wolves di Aharon Keshales e Navot Papushado, un thriller dai toni un po’ pulp con protagonista un poliziotto in pensione che si fa giustizia da solo. The Good Son di Shirly Berkovitz, invece, affronta il difficile argomento dell’identità sessuale in toni delicati e intimi.

 

Ricordiamo ancora: Magic Man di Guy Nattiv e Erez Tadmor, la storia di un ebreo greco che torna a Salonicco e Santorini sulle tracce di colui che salvò il padre durante la Shoah; Next to Her di Asaf Korman, in cui si racconta la vicenda di Heli e della sorella Gaby, portatrice di handicap; Matzor di Gilberto Tofano, noto sceneggiatore italiano, bellissimo film realizzato in Israele nel 1969 e qui proposto anche perché segna il lancio del progetto di restauro di questa pellicola di altissimo valore. Matzor è la storia di Tamar, vedova di guerra, e del suo percorso per uscire dal dolore della perdita del marito.

 

Vengono poi presentati due episodi originali della serie televisiva israeliana Betipul di Hagai Levi, grande successo in Israele e adattata per la televisione in vari paesi, tra cui l’Italia, col titolo In Treatment, incentrata sugli incontri di uno psicologo con i suoi pazienti.

 

A conclusione, per la sezione dedicata alle vicende familiari nel nostro paese, tre pellicole da non perdere: il prezioso film di Claudio Della Seta, La memoria che ritorna girato negli anni Venti; un divertente cortometraggio, Felice nel Box, con attori che vi sorprenderanno, della giovane regista Ghila Valabrega, su un curioso ritrovamento; e infine The Tree of Life di Hava Volterra, il viaggio di un’arzilla ottantaduenne alla ricerca dei propri antenati ebrei.

 

Per consultare gli orari delle proiezioni, cliccare qui.

 

INFO:

Spazio Oberdan

via Vittorio Veneto 2 T 02.87242114 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.cinetecamilano.it

 

MODALITÀ D’INGRESSO:

Biglietto d’ingresso: intero 7,00 Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50 Primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50 Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema - e all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

[gallery type="rectangular" ids="43463,43462,43460"]

 

Pubblicato in Cultura
Mercoledì, 27 Maggio 2015 21:27

I BOREALI NORDIC FESTIVAL all'Oberdan

Il 3, 4 e 5 giugno presso lo Spazio Oberdan di Milano avrà luogo il primo festival italiano dedicato alla cultura del Nord Europa: I BOREALI - NORDIC FESTIVAL.
Un imperdibile appuntamento ideato da Iperborea che, a partire dal 20 maggio fino al 5 giugno, toccherà i più prestigiosi musei e teatri della città proponendo interessanti incontri con registi e scrittori, concerti di musica nordica, corsi di lingua, rassegne di cinema, teatro, workshop e seminari. 
Fiore all'occhiello di questa manifestazione è la rassegna sul cinema contemporaneo del Nord Europa che, grazie alla collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana, Nordic Film Festival di Roma, NABA e Milano Film Festival, propone innumerevoli titoli davvero da non perdere. Pioneer, thriller norvegese di Erik Skjoldbjærg; The Hour of the Lynx del regista e musicista danese Søren Kragh-Jacobsen, oltre che uno dei principali fondatori di Dogma 95; The Grump di Dome Karukoski; The Salvation di Kristian Levring, western con Mads Mikkelsen ed Eva Green; The Disciple di Ulrika Bengts, pellicola finlandese premiata come Miglior Film per la sezione Alice nelle Città al Festival del Cinema di Roma del 2013.

Giovedì 4 giugno, inoltre, alle ore 21.15 ci sarà un omaggio all’artista e filmaker finlandese Mika Taanila firmato Lorenza Pignatti. Taanila crea pellicole importanti, al confine tra documentario e sperimentazione artistica, impreziosite da riflessioni sul cambiamento che i nuovi dispositivi tecnologici stanno portando in tutti gli ambiti della vita. L'artista sarà presente in sala per presentare in anteprima italiana i suoi capolavori.

SCHEDE FILM E CALENDARIO:

Mercoledì 3 giugno ore 17.00 The Disciple

R.: Ulrika Bengts. Sc.: Jimmy Karlsson, Roland Fauser. Int: Niklas Groundstroem, Patrik Kumpulainen, Erik Lönngren, Amanda Ooms, Sampo Sarkola, Ping Mon Wallén Finlandia, 2013, 93’ v.o. sott. it.

The Disciple è ambientato nell’estate del 1939, quando il 13enne Karl arriva su una remota isola del Mar Baltico per lavorare come assistente del custode del faro, Hasselbond. Hasselbond, però, lo rifiuta a causa della sua giovane età. Karl cerca disperatamente di tenere duro e fare amicizia con l’oppresso figlio di Hasselbond, Gustaf, ma la loro amicizia diventa rivalità e odio quando Hasselbond inizia a preferire Karl a suo figlio.

ore 19.00 They Have Escaped

R.: J.-P. Valkeapää. Sc.: Pilvi Peltola, J.-P. Valkeapää. Int.: Roosa Söderholm, Teppo Manner, Pelle Heikkilä, Petteri Pennilä, Finlandia, 2014, 102’ v.o. sott. it.

Un ragazzo e una ragazza si incontrano in un centro di custodia per giovani problematici. Il ragazzo deve prestare servizio civile obbligatorio. La ragazza è una di quelle sempre nei guai, con un fuoco dentro e una voglia di vivere che non può essere sottomessa o controllata. Il ragazzo si infatua della ragazza. È un tipo tranquillo. Ma anche lui ha un fuoco dentro di sé. Regole, leggi, punizioni, sono catene che possono essere spezzate. Un giorno rubano una macchina e scappano insieme. Inizia così un viaggio che è una fuga senza fine.

ore 21.15 The Salvation

R.: Kristian Levring. Sc.: Anders Thomas Jensen, Kristian Levring. Int.: Mads Mikkelsen, Eva Green, Jeffrey Dean Morgan, Eric Cantona, Mikael Persbrandt. Danimarca, 2014, 90’.

Siamo negli 1870 in America. Quando l’emigrato danese Jon uccide l’assassino della sua famiglia, scatena la rabbia del noto capobanda Delarue. Tradito dalla comunità corrotta e vigliacca, il pacifico pioniere è obbligato a diventare un cacciatore vendicativo per cercare di uccidere i banditi e ripulire il cuore nero della cittadina.

Giovedì 4 giugno ore 17.00 The Reunion

  1. e sc.: Anna Odell. Int.: Sandra Andreis, Kamila Benhamza, Anders Berg. Svezia, 2013, 90’ v.o. sott. it.
The Reunion, l’attesissimo lungometraggio di debutto di Anna Odell, vi invita a una nervosa riunione di classe. 20 anni sono passati da quando gli studenti della classe 9c si sono separati, e ora si incontrano di nuovo. Ma l’atmosfera di festa finisce presto quando vecchi conflitti vengono a galla e vecchie verità sono messe in discussione.

ore 19.00 Stockholm Stories

R.: Karin Fahlén. Sc.: Erik Ahrnbom, Jonas Karlsson, Mikael Södersten. Int: Martin Wallström, Cecilia Frode, Jonas Karlsson Svezia, 2013, 97’ v.o. sott. it.

Un dramma comico a più trame che racconta la vita di cinque persone, le cui strade si incrociano durante alcune giornate di pioggia nel mese di novembre. Il giovane metropolitano Johan è ossessionato dalla sua teoria sulla luce urbana e le tenebre. Il sofisticato Douglas si scopre innamorato di Anna, ragazza appena mollata e attualmente senza casa. Alla pubblicitaria professionista Jessica viene negata l’adozione perché non ha amici. Lo stacanovista Thomas è distratto dal suo lavoro al ministero per una lettera d’amore casualmente inviata.

ore 21.15 Omaggio a Mika Taanila – Antologia corti e mediometraggi

TITOLI IN PROGRAMMA:

Futuro – A New Stance for Tomorrow, 1998, 29’, v.o. sott. ing.

Un viaggio in un passato futuribile. Il film (composto da interviste, filmati amatoriali e materiali d’archivio) ripercorre la storia delle “Futuro House”, unità abitative mobili in plastica progettate nel 1968 dall’architetto Matti Suuronen e distribuite in 24 paesi. L’estetica Space Age delle “Futuro House” testimonia la seduzione e la fiducia, tipica di quegli anni, della conquista dello spazio.

Rococup99, 2000, 35’, ,v.o. sott. ing.

Il film fu girato durante il campionato mondiale di robot- calciatori organizzato a Stoccolma nel 1999. La finale tra Italia e Iran ha visto un appassionato pubblico di ricercatori e scienziati interrogarsi sulle straordinarie potenzialità, calcistiche e non solo, degli umanoidi.

Six Days Run, 2012, 15’, ,v.o. sott. ing.

Sport e spiritualità. Per Pekka Aalto correre è un modo per meditare e dimenticare il mondo circostante. Aalto, specializzato nell’ultra maratona è stato più volte vincitore della Self-Transcendence 3100 Mile Race, che si tiene a Flushing Meadows, New York. Taanila ha seguito Aalto, discepolo del guru indiano Sri Chinmoy, durante la maratona del 2012.

A Physical Ring, 2002, 5’, ,v.o. sott. ing.

Il ritrovamento al Finish Film Archive di un film amatoriale che mostra la realizzazione di un test di fisica è il punto di partenza per questo film. Delle finalità del test, realizzato nel 1940, non sono rimaste tracce, ma poco importa visto che è stato trasformato da Taanila in un’opera d’arte cinetica.  A Physical Ring può essere presentato anche come video installazione.

The Future Is Not What It Used To Be, 2002, 52’, ,v.o. sott. ing.

Taanila ripercorre la storia del techno visionario Erkki Kurenniemi. Pioniere della musica elettronica e della media art, cineasta sperimentale, programmatore, designer, ed esperto di robotica, Erkki Kurenniemi è tutto questo e molto altro. Già negli anni ’70, teorizzava l’avvento di un computer quantistico che avrebbe permesso di conservare la memoria del suo vissuto (che ossessivamente registrava), e di creare un suo avatar virtuale.

Optical Sound, 2005, 6’, ,v.o. sott. ing.

Viviamo in una realtà connotata dalla presenza delle tecnologie. Quelle obsolete, come le stampanti ad aghi possono essere trasformate in strumenti musicali in un futuro lowtech. Attraverso sofisticate e complesse tecniche di ripresa e registrazione Optical Sound esplora le qualità estetiche e sonore delle stampanti ad aghi.

Incontro con il geniale filmaker finlandese Mika Taanila che sarà presente in sala. Introducono Lorenza Pignatti e Alessandro Beretta

Venerdì 5 giugno ore 17.00 Pioneer

R.: Erik Skjoldbjærg. Sc.: Hans Gunnarsson, Kathrine Valen Zeimer, Cathinka Nicolaysen, Nikolaj Frobenius, Erik Skjoldbjærg. Int.: Aksel Hennie, Wes Bentley, Stephanie Sigman, Stephen Lang, Andreas Eriksen, Jonathan Lapaglia, Ane Dahl Torp, Jørgen Langhelle, Erik Stubø, David A. Jørgensen Norvegia, 2013, 111’ v.o. sott. it.

Sono gli anni 80, gli inizi del boom petrolifero norvegese. In questo periodo si ha l’obbiettivo di realizzare degli impianti sottomarini, a una profondità di 500 metri, per portare sulla terra ferma i preziosi prodotti di trivellazione. Inizia così una cooperazione tra Norvegia e Stati Uniti. I protagonisti del film sono due fratelli norvegesi Knut e Petter, due esperti di sub, che hanno il compito di posare i primi tubi. Durante la prima missione però, accade un incidente terribile. Petter cerca di scoprire quali siano le cause dell’incidente ma la sua indagine viene ostacolata da forze politiche superiori.

ore 19.00 The Grump

R.e sc.: Dome Karukoski. Int.: Antti Litja, Mikko Neuvonen, Alina Tomnikov, Mari Perankoski, Kari Ketonen, Janne Reinikainen, Iikka Forss, Petra Frey , Finlandia, 2014, 104’ v.o. sott. it.

La testardaggine di un uomo, anziano e irascibile, viene messa a dura prova dalla improvvisa coesistenza con la nuora, una donna dalla mentalità moderna. Inizialmente i due si scontrano duramente ma, col trascorrere dei giorni, scoprono di avere molto da imparare l’uno dall’altra. Così, quello che era iniziato come un tragicomico disastro si rivela essere una storia toccante a lieto fine.

ore 21.15 The Hour of the Lynx

R.: Søren Kragh-Jacobsen. Sc.: Søren Kragh-Jacobsen, Tobias Lindholm, Jonas T. Bengtsson. Int.: Sofie Gråbøl, Signe Egholm Olsen, Frederik Johansen, Pelle Falk Krusbæk Danimarca, 2013, 100’ v.o. sott. it.

In un ospedale psichiatrico giudiziario, un adolescente tenta il suicidio, seguendo “la volontà di Dio”. Incarcerato per il brutale duplice omicidio di una coppia di anziani, il ragazzo stava rispondendo bene al progetto della psichiatra Lisbeth che cercava di aiutare i pazienti detenuti, assegnandogli animali domestici di cui prendersi cura. Ma una serie di eventi lo ha cambiato significativamente e ciò induce Lisbeth, preoccupata per un nuovo tentativo di suicidio, a coinvolgere il prete Helen perché la aiuti a comprendere le motivazioni del giovane. In una corsa contro il tempo, le due donne iniziano un viaggio sconvolgente nella mente di un giovane uomo profondamente disturbato. E ciò che emerge le cambierà per sempre.

MODALITÀ D’INGRESSO:

Biglietto d’ingresso intero 7,00 / ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50 / primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50

Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema e all'Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

INFO:

Spazio Oberdan Milano - viale Vittorio Veneto 2, Milano

tel. 02.87242114

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cinetecamilano.it

 

[gallery type="rectangular" ids="43365,43364,43366,43367,43368"]

 

 

 

Pubblicato in Cultura

Sabato 6 giugno 2015 presso Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana presenta UNA GIORNATA PER ABDERRAHMANE SISSAKO uno dei maestri del cinema africano. Due i film che saranno proiettati. Uno è il recente e bellissimo Timbuktu, candidato nel 2015 all’Oscar come miglior film straniero, vincitore dei premi César (gli Oscar francesi) per la miglior regia e sceneggiatura, una pellicola in cui Sissako racconta i drammi che quella piaga chiamata jihad islamica infligge a più popoli. L'altro titolo è Aspettando la felicità, opera fatta di silenzi, rabbia, rimpianti, ironia e mistero.

SCHEDE DEI FILM E CALENDARIO:

Sabato 6 giugno (h 17 e h 21.15) Timbuktu R.: Abderrahmane Sissako. Sc.: A. Sissako, Kessen Tall. Int.: Ibrahim Ahmed, Abel Jafri, Hichem Yacoubi, Toulou Kiki, Kettly Noel. Francia/Mauritania, 2014, 97’.

 

Non lontano da Timbuktu, ora governata dai fondamentalisti islamici, Kidane vive pacificamente tra le dune con la moglie Satima, la figlia Toya e il pastore 12enne Issan. In città tutto è stato bandito: la musica, le risate, le sigarette, persino il gioco del calcio. Ogni giorno, nei nuovi, improvvisati tribunali vengono emesse tragiche e assurde sentenze. A Kidane e alla sua famiglia tutto questo finora è stato risparmiato, ma il loro destino cambia quando lui uccide accidentalmente Amadou, il pescatore che ha macellato "GPS", la sua amata mucca. Kidane, infatti, dovrà vedersela con le nuove leggi degli occupanti stranieri.

 

Sabato 6 giugno (h 15 e h 19) Aspettando la felicità R. e sc.: Abderrahmane Sissako. Int.: Khatra Ould Abder Kader, Mohamed Mahmoud Ould Mohamed, Nana Diakite, Makafing dabo. Francia/Mauritania, 2002, 95’.

A Nouhadhibou, piccolo villaggio sulle coste della Mauritania, il diciassettenne Abdallah si reca a far visita alla madre prima di partire per l'Europa. Nonostante non riesca a comprendere il dialetto locale, Abdallah resta, poco alla volta, affascinato da questo mondo, dalle sue tradizioni e consuetudini.

INFO: T 02.87242114 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.cinetecamilano.it

MODALITÀ D’INGRESSO: Biglietto d’ingresso: intero € 7,00 Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50 Primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50 Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema - e all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

[gallery type="rectangular" ids="43746,43747,43748,43750,43751,43752,43753,43754,43755,43757"]

Pubblicato in Cultura

Dal 27 al 31 maggio Fondazione Cineteca Italiana presenta SGARBISTAN, importante documentario dedicato al famoso critico e storico d'arte Vittorio Sgarbi. Realizzato in 3 mesi dalla regista milanese Maria Elisabetta Marelli verrà presentato in anteprima assoluta allo Spazio Oberdan di Milano.

Un vero e proprio reality che punta a rendere noto anche il lato più nascosto di Sgarbi. Un uomo che ha dedicato la vita a difendere e salvaguardare le innumerevoli bellezze che popolano il Bel Paese con tenacia e grande umanità. L'occhio della telecamera accompagnerà il critico in un viaggio tra interviste, mostre, conferenze e incontri con i lavori prodotti da giovani artisti.

SCHEDA FILM E CALENDARIO:

Mercoledì 27 maggio ore 21.15 / Giovedì 28 maggio ore 18.30 / Venerdì 29 maggio ore 17.00 / Domenica 31 maggio ore 19.00

Sgarbistan

R. e riprese: Maria Elisabetta Marelli. Da un’idea di.: Diego Bernardi, Maria Elisabetta Marelli, Michela Moreno. Mont.: Adalberto Lombardo, Federica Intelisano, Diego Ronzio. Int.: Vittorio Sgarbi. Produz.: Maria Elisabetta Marelli. Italia, 2015, 75’.

Una mattina qualunque Vittorio Sgarbi esce da un albergo di Milano, accanto a lui un collaboratore e una guardia del corpo. Ad aspettarlo una telecamera che da quel momento indagherà la vita, senza interruzioni, dell’uomo dagli slanci impetuosi ma ancor più dalla raffinata intelligenza, in una quotidianità di assoluta autenticità. La telecamera registra la profondità dell’uomo Sgarbi e attraverso lui dell’Italia tutta, nella complessità e nella magnificenza.

Alla proiezione di mercoledì 27 maggio sarà presente in sala la regista Maria Elisabetta Marelli.

MODALITÀ D’INGRESSO:

biglietto intero € 7,00 / ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari € 5,50 / primo spettacolo pomeridiano (giorni feriali): intero € 5,50, ridotto € 3,50 / Cinetessera annuale € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema - e all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

INFO:

Spazio Oberdan Milano - viale Vittorio Veneto 2

tel. 02.87242114

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cinetecamilano.it

[gallery type="rectangular" ids="43068,43069"]

Pubblicato in Cultura

Si rinnova dunque la ormai consolidata collaborazione tra Fondazione Cineteca Italiana e Trento Film Festival, grazie alla quale torna per il sesto anno l’appuntamento a Milano con l’appena conclusosi Trento Film Festival 2015. Un gemellaggio che ha portato anche quest’anno, sul fronte del cinema per ragazzi, alla presentazione, durante la 63esima edizione del Festival a Trento, di una selezione di titoli per l’infanzia scelti tra i maggiori successi del Festival Piccolo Grande Cinema, organizzato annualmente dalla Cineteca di Milano, e dai classici conservati dalla Cineteca.

La rassegna in programma a Spazio Oberdan è frutto di una selezione dei film presentati alla sessantatreesima edizione del Festival, realizzata in accordo con il Direttore Luana Bisesti e il Responsabile del Programma Cinematografico Sergio Fant. Tante opere provenienti da ogni parte del mondo, quasi tutte in anteprima per Milano.

 

Tra i titoli proposti, con i registi che saranno presenti in sala, il documentario Qui di Daniele Gaglianone, sul rapporto tra gli abitanti della Val Susa e gli attivisti No Tav; Alberi che camminano di Mattia Colombo, da un’idea di Erri De Luca, che indaga il rapporto tra gli alberi e l’uomo, distribuito da Feltrinelli Real Cinema; Ninì, di Gigi Giustiniani e Raffaele Rezzonico, storia della devozione per l’alpinismo di Ninì Pietrasanta e dei filmati da lei girati; Grimpeurs di Andrea Federico, ricostruzione di una delle pagine più drammatiche dell’alpinismo, la tragedia del Pilone Centrale del Freney sul Monte Bianco. Per finire, il grande documentarista Folco Quilici presenterà il suo ultimo lavoro, Animali nella Grande Guerra, tragico resoconto dello sfruttamento degli animali nel corso di azioni militari durante la Prima guerra mondiale, e Alfredo Covelli racconterà la sua lotta contro la paralisi in With Real Stars Above My Head.

 

Tra i film internazionale più interessanti troviamo Valley Uprising, uno dei più bei documentari sull’arrampicata, ambientato nello scenario mozzafiato della Yosemite Valley. Ma c’è anche lo spettacolare L’ultimo lupo del regista de Il nome della rosa Jean-Jacques Annaud, straordinario e spettacolare racconto del rapporto tra un insegnante nella Cina contadina e un cucciolo di lupo da lui salvato dal massacro della specie ordinato dal governo. In programma anche, in anteprima a Trento e successivamente a Milano, il film Senza sole né luna (Luciano Ricci, 1963), dedicato all’impresa del traforo del Monte Bianco che fu presentato proprio al Festival di Trento nel 1964 e che sarà riproposto in edizione restaurata dalla Cineteca Italiana.

 

E per gli appassionati di alpinismo è da non perdere l’incontro con Nives Meroi, autentica leggenda dello sport italiano, che presenterà il suo libro Non ti farò aspettare, edito da Rizzoli. Un’occasione per ascoltare direttamente dalla voce della propria protagonista i racconti di una vita spettacolare, interamente passata tra le vette sempre alla ricerca di nuove straordinarie imprese.

 

 

VI edizione

TRENTO FILM FESTIVAL A MILANO

DAL 18 AL 24 MAGGIO

Spazio Oberdan

Viale Vittorio Veneto 2, Milano

  

INFO:

02.87242114 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.cinetecamilano.it

 

MODALITÀ D’INGRESSO:

Biglietto d’ingresso: intero € 7,00 Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera, possessori di tessera CAI e studenti universitari: € 5,50 Proiezione pomeridiana feriale: intero € 5,50, ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari € 3,50. Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema - e all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

 

[gallery type="rectangular" ids="42419,42418,42417,42416,42415,42414"]

Pubblicato in Cultura
Pagina 2 di 9

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.