CHIAMACI +39 333 8864490

|||||

Il 10 gennaio al Tunnel Club i Simian Mobile Disco presenteranno per la prima volta in Italia il loro quarto lavoro: Whorl. Acclamato dalla critica di mezzo mondo, l'album è il risultato di tre giorni di sessioni live con due modular synths, due sequencer e mixer nel sud della California.

Un disco che sembra decretare un punto di partenza nuovo per i Simian, che con questo album abbandonano le voci pop e l'estetica da dancefloor e si dedicano completamente a suggestioni cosmiche, a richiami ambient dei primi anni 90, oltre che all'immancabile partitura techno, da sempre firma stilistica del duo.

Simian Mobile Disco è un duo di produttori e musicisti inglesi, una carriera che si compone di più di 60 releases ufficiali, e diverse collaborazioni prestigiose (Damon Albarn, Gruff Rhys, Beth Ditto, Alexis Taylor…).

Una serata a cui non si può mancare quella di sabato 10 gennaio al Tunnel Club, dove al djset dei Simian seguiranno le selezioni musicali dei tradizionali resident djs de Le Cannibale per proseguire la serata fino al mattino.

Info:

Tunnel Club, Via Sammartini 30. Milano

LE CANNIBALE pres.

SIMIAN MOBILE DISCO

UABOS

ATHONAL

Francesco Briganti - Visuals

Fotodocumentazione a cura di Sette Secondi Circa

prevendite salta-coda: http://bit.ly/smd_tickets

liste, info, tavoli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 3498941305

tavoli disponibili su richiesta nell'area destra o sinistra

 

Il 21 novembre il Circolo Magnolia accoglie il ritorno di Set It Off, tour che unisce le personalità più rilevanti dell’elettronica americana. Fanno parte del cartellone di questa edizione nomi come Slow Magic, Odesza, Craft Spells, Yung Gud, Lindsay Lowend e Blue Hawaii.

 

Gli artisti presenti variano da star di portata mondiali a giovani prodigi in rampa di lancio. Slow Magic è probabilmente il progetto che è cresciuto di più negli ultimi tempi. Il disco del 2012 Triangle si è rivelato infatti un ottimo successo di critica e pubblico, seguito quest’anno da How to Run Away, record uscito sul finire dell’estate che ha dimostrato la grande crescita musicale e produttiva di Slow Magic.

Segnaliamo anche i Craft Spells, che aggiungeranno un tocco di synth-pop alla line-up. Si tratta di una band che trae ispirazione a piene mani dalla new wave anni Ottanta. La copertina del loro album d’esordio infatti strizzava più di un occhio alla cover di Power, corruption and Lies, capolavoro del 1983 dei New Order. I Craft Spells hanno recentemente pubblicato Nausea, ambizioso disco giudicato come il loro migliore lavoro finora.

Altra proposta interessante del tour itinerante è Lindsay Lowend, ventenne di Washington capace di fondere bass music, jazz fusion e… Super Nintendo, in un sound personalissimo definito dallo stesso artista “neon music”. Le sue sonorità mescolano sintetizzatori, melodie, tempi molto ritmati e spesso battiti imprevedibili.

 

Le prevendite per il carrozzone elettronico del Set It Off tour sono ancora in vendita online su Mailticket, mentre su Ticketone sono andate già esaurite, testimonianza dell’importanza e unicità dell’evento.

 

 

INFO

 

21 novembre

Set It Off European Tour

w/ Slow Magic, Odesza, Craft Spells, Yung Gud, Blue Hawaii, Lindsay Lowend

Apertura cancelli: 22.00

Inizio spettacoli: 22.30

 

Circolo Magnolia

Via Circonvallazione Idroscalo, 41

 

Ingresso:

10,00 euro + Tessera ARCI in cassa

8,00 euro in prevendita

Reduce dal tour 2013 e dal City Sound Festival 2014 con l’Orchestra Toscanini, lunedì 3 novembre, alle ore 21, Franco Battiato arriva al Teatro Nazionale di Milano per presentare il suo nuovo album.

 

Affiancato da musicisti come Guaitoli e Pischetola, presenterà il suo nuovo Joe Patti’s Experimental Group. Possiamo parlare di un vero e proprio salto temporale, in quanto il disco è un ritorno all’elettronica, stile che contraddistinse l’autore soprattutto all’inizio della sua carriera.

 

I biglietti sono ancora disponibili, i prezzi sul circuito online Ticketone variano da 23 a 57,70 euro.

 

 

Ritorna in Italia il 22 novembre Fedde Le Grand, uno dei dj più importanti sulla scena mondiale, ospite del Fabrique, neonato club milanese che grazie alle sue caratteristiche è già riuscito a ritagliarsi uno spazio importante nel panorama cittadino.

 

Nomen omen. Fedde Le Grand è nell’olimpo dei grandi nomi fin dagli inizi del millennio. Dj e producer, proprietario di un’etichetta, la Flamingo Recording, autore di tracce entrate nella storia del clubbing, come “Put Your Hands For Detroit” e “Let Me Think About It”, può vantare collaborazioni con artisti dello spessore di Madonna, Coldplay, Michael Jackson, Fatboy Slim, Robbie Williams, Underworld, Mariah Carey e molti altri.

Anche la sua lista di presenze ai festival è decisamente lunga e invidabile. Ha partecipato infatti a eventi rinomati e frequentati come l’Ultra Music Festival Miami, EDC Las Vegas, Tomorrowland, Street Parade Zurigo, Sensation White Amsterdam e del Coachella.

 

I biglietti sono acquistabili online sul portale Mailticket, oppure si può tentare la fortuna al contest gratuito promosso da Electro Italia, che mette in palio ticket omaggio e bracciale vip con accesso all'area tavoli.

Per i nuovi iscritti all’app Uber c’è la possibilità di inserire durante la registrazione il codice FEDDELEGRAND, per ottenere 15 euro di credito promozionale per la prima corsa e sbarcare al Fabrique freschi e riposati, oppure tornare a casa in sicurezza, soprattutto se si è scelto di prosciugare le riserve alcoliche del locale.

 

FEDDE LE GRAND

Sabato, 22/11/2014

Fabrique - Via Fantoli , 9

20138, Milano (MI)

 

[gallery type="rectangular" ids="33308,33309,33306"]

 

 

I Liars sbarcano a Milano per l’ultima data italiana del loro tour. Il trio di Brooklyn farà risuonare le sue note all’interno del Tunnel Club domenica 19 ottobre, dalle ore 21.00 in poi.

 

I Liars sono un raro esempio di band americana che ricorda complessi anglosassoni, come gli A Certain Ratio, protagonisti della Mad-chester di fine anni Ottanta. Nonostante ciò, sono un gruppo di difficile definizione musicale, perché sono continua evoluzione fin dagli esordi.

I Liars hanno percorso infatti un sentiero musicale molto personale. Il punto di partenza è il primo amore, il punk. In seguito si sono fatti avvolgere dalle nebbie oscure della musica dark, introducendo così sintetizzatori e vocoder all’interno delle loro composizioni. La meta finale – per ora – è il sound costituito da elementi rock ed elettronici che contraddistingue Mess, settimo album in quasi quindici anni di attività, uscito a marzo di quest’anno.

Come molte band degli anni Duemila, riservano grande attenzione allo stile e agli artwork dei dischi, che risultano sempre molto particolari e originali.

 

I Liars sono famosi anche per le performance live esplosive, imprevedibili e anche – parola del frontman Angus Andrew – schizofreniche. D’altronde non ci si può aspettare di meno da un gruppo che ha dedicato un concept-disc sperimentale alla caccia alle streghe.

 

Il Tunnel Club si preannuncia bollente. I biglietti disponibili online sono andati esauriti, mentre alla cassa sarà ancora possibile trovarli, a patto di fare in fretta.

 

INFO

Liars Live

@Tunnel Club

Tel. 331 809 9952

Via Sammartini, 30, 20125 Milano

 

 

 

Una New York anni '80, fra pop ed elettronica, nel nuovo Rocket

 

Come ogni venerdi sera vi aspettiamo all' Alphabet Rocket, evento imperdibile sulle sponde del Naviglio Grande a Milano. La serata targata Luca Crescenzi proporrà un'atmosfera che ricorda un po' i club newyorkesi degli anni '80, con una miscela di leggerezza e trasgressione. In console sarà presente la strepitosa Enza Van De Kamp,che offrità chicche '70 e '80 style, impreziosite da contaminazioni electro e contemporanee.

Come potrebbe mancare in una serata tanto ricercata una novità assoluta? Una sala del poliedrico club sarà tutta dedicata a Barbarella, figura iconica della nightlife milanese con una proposta musicale che spazierà dall'electro-pop all'indie-rock. Ad accompagnarla Thomas Constantin.

 

La location sarà così predisposta: ROOM 1: Enza Van de Kamp (Nu-disco, Electrodance, Big Beat, Dirty Disco and world’s top-charted tracks); ROOM 2: Djette Barbarella e Thomas Constantin (Indie Rock, Electropop). Ingresso permesso solo in GUEST LIST per venerdì 6 Giugno 2014 senza un dress code richiesto. Entro l' 1.00am il costo sarà di 13€ in GUEST LIST with drink. Tra l' 1.00am e le 2.00am in GUEST LIST il costo sarà di 15€ with drink. Il locale è dotato di un parcheggio auto gratuito. Un evento IMPERDIBILE che rimarrà senza dubbio nei vosti ricordi migliori. NON MANCATE!

Info@ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Rocket Club, Alzaia Naviglio Grande 98, Porta Genova, Milan. From 11:30 PM till late.

 

Un ponte festivo con i fiocchi, quello di Le Cannibale: mettete da parte gite fuoriporta e pranzi luculliani e preparatevi ad una serata imperdibile.

Cosa c'è di meglio che smaltire le calorie in eccesso, accumulate su tavole imbandite, con una buona dose di sana elettronica sparata alla massima potenza?

Il 24 aprile è giunto infatti in città Breach, genietto inglese esordito nel 2007, in grado di parlare, con la sua musica, a tutti gli amanti della house, da quelli amanti delle sonorità morbide sino agli adepti delle sperimentazioni.

Breach è stato anche autore di inni mainstream, come"Something for the weekend", nonchè di pietre miliari della dancefloor come "Jack".

Per il 30, invece, il Tunnel si regalerà un'atmosfera più visionaria, con il dj set di Boddika: forte del suo background drum'n'bass (poi virato su territori crudemente techno), il nostro eroe è pronto a travolgervi con deviazioni impossibili, alchimie sonore spaziali e affilate cavalcate digitali.

 

Le Cannibale

Tunnel Club

Via Sammartini, 30

Milano

 

Mercoledi 30 aprile

Boddika

13 euro in lista entro le 01.00

tavoli disponibili su entrambi i privè

 

Per mettersi in lista:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono: 349 8941305

 

Dopo la performance Sanremese in compagnia di Arisa, il terzetto danese dei WhoMadeWho torna in Italia per un'imperdibile data, domenica 30 marzo al Tunnel.

Il concerto si inserisce nel tour di presentazione del nuovo disco della compagine di Copenaghen, uscito il 4 marzo con il titolo "Dreams", caratterizzato da un sound acustico e rilassato, come affermano gli stessi musicisti.

A detta loro, l'intento è stato quello di trasmettere la stessa energia di un live, ma in chiave più soft, in modo che le loro canzoni possano essere ascoltate anche nella vita di tutti i giorni, senza dover, necessariamente, andare ad una festa.

Lo stile dei WhoMadeWho resta comunque ben chiaro e definito: mixare dance, funk, rock, chitarre e voce, fino a creare un vortice di note ed emozioni, che il pubblico italiano ha avuto modo di conoscere sul palco dell'Ariston.

L'album è stato anticipato dal singolo "The Morning", per cui è stato realizzato un Instagram video, tramite le foto inviate dai fans usando l'hashtag #wmwthemorning.

Ma chi sono gli WhoMadeWho?

Il trio nasce dall'unione tra il bassista Tomas Hoffding, membro della scena underground danese, il chitarrista e cantante Jeppe Kjellberg e il batterista  Tomas Barford (Tomboy), astro nascente della musica elettronica mondiale.

Nel 2005 viene pubblicato l'album d'esordio omonimo, con cui il gruppo si impone sulla scena musicale mondiale.

 

 

WHOMADEWHO

Domenica 30 marzo

Tunnel Club – Via Sammartini

Biglietti: 12 euro in prevendita + d.d.p.

15 euro alla porta

 

Circuito Ticketone

 

 

Due concerti a Bologna e Roma in febbraio

 

C'è chi si nutre di cliché (musicali): elettronica, rock, pop e così via. Poi è arrivato il crossover:  andare oltre, sfondare i muri e le barriere di genere. Alcuni di voi rabbrividiscono nel sentire associare il nome di Trentmoller al crossover. E' naturalmente una provocazione. Di sicuro T è nel novero degli artisti che travalicano i generi mostrandosi per quello che sono: alchimisti della musica.

 

Indubbiamente i suoi primi passi significativi nascono nell'alveo della house-trance, cassa in 4/4, suoni ipnotici e rave culture, figlia degli anni '90, tanto psicotropa. Al contrario di molti suoi colleghi dj e producer che iniziano la loro carriera nei dancefloor e lì restano, l'artista scandinavo da ormai quasi un decennio porta avanti un percorso assai personale nella (re)interpretazione degli stilemi digitali.

 

Non solo la raffinatezza della architetture ritmiche, ma anche la sensibilità nel calibrare arrangiamenti e pennellate melodiche, a comporre strutture musicali lontane dai luoghi comuni della musica elettronica con la cassa in quattro, lo rendono subito un fenomeno a sé, raccogliendo i favori di un pubblico assai trasversale.

 

I suoi tre album (“The Last Resort”, 2006; “Into The Great Wide Yonder”, 2010; “Lost”, 2013) disegnano una progressiva ascesa verso un microcosmo sonoro personalissimo, dove ogni particolare è cesellato con cura assoluta e dove l'equilibrio dinamico diventa quasi un esercizio zen, il tutto con una ricchezza espressiva ed emozionale davvero rara. Anche il regista Pedro Almodovar ne è rimasto sedotto, come testimonia l'uso della traccia “Shades Of Marble” nel trailer e nella colonna sonora del film “La pelle che abito”; così come ne sono rimasti sedotti i Depeche Mode, che hanno voluto il live set dell'artista danese in apertura alle date europee del loro “Delta Machine Tour”.

 

Un live set, quello di  Trentemøller, che rende alla perfezione la ricchezza del suo universo sonoro, aggiungendo anche – com'è giusto che sia – ulteriore impatto “fisico” alle sue creazioni. Il tutto evitando rigidamente soluzioni scontate o luoghi comuni, e utilizzando i linguaggi di house, techno e post rock non come riferimenti rigidi ma come piattaforme da cui lanciarsi verso territori onirici e rari da esplorare.

 

24 febbraio 2014– Bologna – Estragon

Biglietto: 15 + d.p.

 

25 febbraio 2014 –Roma –Atlantico

Biglietto: 15 + d.p.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdi 24 gennaio grande appuntamento in musica presso l'Arci Biko di via Ettore Ponti a Milano.

Il circolo ospita infatti, direttamente dagli Stati Uniti, James Pants, produttore e polistrumentista.

Ma chi è James Pants? Nato negli USA e ora residente in Germania, James riceve il “battesimo artistico” nel 2001 in Texas, quando si avvicina al boss di un’etichetta di culto come la “Stones Throw”, per fargli ascoltare un demo. Di li a poco, Pants viene messo sotto contratto e diventa la “next best thing” della sua etichetta discografica.

Nel 2008 Pants pubblica l’album “Welcome”, a cui fanno seguito due altri progetti, entrambi ispirati da letture mistiche e viaggi psichedelici.

Il successo di James Pants (certificato anche da riviste quali Dazed & Confused) sta nel mixare colori e stili: new wave, rap, groove ed electro boogie.

Quella del 24 gennaio al Biko si preannuncia una serata all’insegna della contaminazione più pura e dell’eclettismo più sfaccettato!

Non perdetela!

Prima e dopo l’esibizione di James Pants,  dj set a cura di Turbojazz (Futureground) e DNN (Wellfounded).

 

Venerdì 24 gennaio dalle 22.30 @ Biko

Via Ettore Ponti, 40 - Milano

Ingresso 10 euro + tessera Arci obbligatoria

http://www.bikoclub.net/

https://www.facebook.com/pages/James-Pants/22118677931

 

Pagina 2 di 5

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.