CHIAMACI +39 333 8864490

Per descrivere il prossimo progetto che sarà presentato alla Nerospinto Borderline Design Week di sabato 13 aprile, ho deciso di non cercare parole migliori di quelle che, la stessa ideatrice Silvia Erba, utilizza sul suo blog per spiegare la sua attività. “Sono quella che prende i vostri vecchi vestiti e, invece di buttarli, li fa tornare nuovi, rinnovandoli e rendendoli unici - sono quella che, se volete, vi dimostra come essere al passo con le novità della moda senza scialacquare i soldi destinati all’affitto. E siccome fare vestiti mi riempie di gioia, realizzo anche dei capi che potete indossare così come sono o, ovviamente, decidere con me di personalizzare e modellare sulle vostre esigenze. Io metto a vostra disposizione la mia creatività … se ne avete anche voi, uniamole!!” Distaccata dal mondo della moda di consumo, tanto prêt-à-porter quanto usa e getta, lontana dall’universo del  Critical Fashion e degli abiti fatti con improbabili materiali di riciclo, (tra cui, come lei stessa ironizza, i “tappi delle bic”), Silvia si specializza in Comunicazione della Moda. Tuttavia non si può certo dire che la sua creatività in questo campo sia nata negli anni universitari; sin da bambina reinventava gli abiti delle sue Barbie e creava sfavillanti collezioni di moda con il chi-non-lo-ha-avuto Gira La Moda.

 

Di questa passione ora è riuscita, reinventandosi Fashion Transformer, a farne un vero e proprio lavoro, in barba a tutti quelli che dicono che i giovani d’oggi non hanno inventiva e voglia di fare. Il suo progetto è fatto di tanto amore per i vestiti, amore che non può essere sacrificato per seguire un trend che passa veloce quanto un battito d’ali, ma anche da una coscienza del riciclo e dell’anti spreco che la porta a cercare il bello in tutto ciò che giace abbandonato nell’armadio ormai da troppo tempo. Silvia si pone come obbiettivo la sensibilizzazione delle donne di oggi che, purtroppo trovatesi a vivere in una congiuntura economica non facile, potrebbero ottenere grandi soddisfazioni dal riuscire a dare nuova vita a vecchi acquisti che, grazie al suo occhio innamorato e alla sua innata creatività, rinascono in capi d’abbigliamento unici e originali. Sempre utilizzando materiali e stoffe recuperate, Silvia Erba crea anche modelli ex novo, da lei stessa disegnati, dal sapore vintage molto raffinato. Per conoscere meglio questo progetto, e magari proporre a Silvia qualche vostro abito da reinventare, non dovete fare altro che partecipare al nostro evento. Nersopinto Borderline Design Week Sabato 13 aprile, dalle ore 19,00 allo Spazio Giulio Romano 8

Pubblicato in Lifestyle
Lunedì, 08 Aprile 2013 15:00

We love, we laugh, we create: Airam

Un altro giorno, un altro piccolo step verso la Nerospinto Borderline Design Week, un altro designer da presentarvi. Oggi vi parliamo di Airam, il progetto di Fabio e Carlo, nato negli anni ’90 a Torino, che unisce due passioni  all’apparenza distanti anni luce: la moda e lo sky dive.

Inizialmente prodotti con materiali ordinari, gli accessori Airam si evolvono presto verso qualcosa di più ricercato ed originale.

Durante un progetto “ad alta quota” infatti, trovandosi a dover realizzare particolari in fibra di carbonio per delle riprese aeree, i due designer trovano fonte di ispirazione per creare un'intera linea di accessori proprio prodotti con quel materiale.

Inizia da qui la sperimentazione del duo che ricerca, per le sue produzioni, materiali sempre originali e di ottima qualità, dal carbonio appunto, al platino, ai diamanti, passando per le pelli più pregiate.

 

Il marchio torinese lavora esclusivamente appoggiandosi a professionisti dell’artigianato italiano e questo ne garantisce unicità e qualità dei prodotti riconosciuta in tutto il mondo. Tra le creazioni più pregiate ed originali della collezione compaiono sicuramente le cinture.

Le pelli sono lavorate interamente in Toscana con il metodo della concia vegetale; quaranta giorni di lavorazione assicurano un risultato d’eccellenza, tanto da meritarsi il certificato di garanzia del Consorzio Vera Pelle Italiana, con tanto di numero di serie.

Le fibbie sono realizzate completamente in fibra di carbonio con tecnologia aeronautica.

 

Altro elemento fondamentale della collezione, i bracciali. Realizzati con la sovrapposizione di 14 strati di fibra di carbonio, impreziosito da texture effetto seta o pitone, risultano leggerissimi e resistentissimi. Tra gli altri gioielli disponibili anche anelli e ciondoli, stile piastrine militari o a forma di croce con inserti in argento. L’intraprendenza dei due soci non pone limiti alla creatività e dunque sono disponibili anche alla realizzazione di collezioni personalizzate.

 

Venite a conoscere questo marchio, le coordinate sono sempre le stesse: Nerospinto Boderline Design Week, sabato 13 aprile dalle ore 19.00 allo spazio Giulio Romano 8.

Pubblicato in Lifestyle
Venerdì, 05 Aprile 2013 16:15

Il venerdì notte è Alphabet

Il Venerdì notte, ormai da qualche mese a questa parte, tira un vento di novità.

In pieno centro, in Via Larga, zona adiacente agli uffici comunali e alla sede universitaria, Alphabet propone una full immersion nell’elettropop e dirty dancing per tenere i piedi impegnati tutta la notte.

 

Peculiarità dell’evento è la door selection: differente dalle solite pretenziose door selection fashioniste.

A chi importa di quanto fashionable tu sia, l’essenziale è che tu abbia mentalità aperta, fuori dagli schemi: Strict door selection. Dressing fashionably can't help. It’s not like going to a club with a dress code, wewant open minded and chilledpeople.

 

Ergo: mettetevi in lista, siate eccentrici e muovete verso il G-Lounge.

Ingresso Gratuito, che non fa mai male.

 

La redazione consiglia: Chi meglio di Divine negli anni ’70, morta per insufficienza respiratoria, affogata nel suo stesso grasso, rappresenta l’emblema di “open minded”?

 

 

Alphabet

Ogni venerdì Dalle 23:00/4:00 Free entry (solo in lista) 8€ un drink

Dj Enza Van de Kamp, musica: pop, elettropop, disco music

 

G Lounge, via larga 8, Milano

Pubblicato in Clubbing
Mercoledì, 16 Gennaio 2013 02:49

ZUSHII, follow the ears stickers!

Colore, fashion, vintage, stile, divertimento, improvvisazione, sogni… Ma cos’è Zushii? Un logo a forma di orecchio che ha ormai invaso tutta Milano celebra il mantra ‘Follow The Ears Stickers’ che stuzzica, incuriosisce, decora i manifesti pubblicitari, trasforma le locandine del centro, ma rimane avvolto nel mistero. Nerospinto svela per voi il suburbano arcano che sta dietro il brand Zushii attraverso l’intervista ai suoi due creatori Davide e Francesca Micheli.

Come avete iniziato, com’è nato il progetto Zushii? D.: i creatori di Zushii siamo io e mia sorella Francesca, non siamo milanesi, veniamo dalla non contaminata Aprica, io mi occupo della parte più creativa, gestendo anche il sito e i social, mia sorella gestisce la parte organizzativa e commerciale e di pr. Questo brand di accessori non convenzionali e irriverenti è nato nel 2009 dalla nostra agenzia di comunicazione non ordinaria che si chiama Korrokontro. Siamo una realtà piccola, abbiamo alcuni collaboratori, promuoviamo le collezioni negli eventi in giro per Milano, facendo anche un marketing direttamente sulle strade. Abbiamo lanciato il marchio con una campagna di guerrilla marketing con degli stickers on the road, il nostro logo è l’orecchio (un punto di domanda per l'orecchio destro e uno per quello sinistro), crediamo infatti che il mistero sia ciò che fa andare avanti tutto, quindi anche per le nostre collezioni manteniamo sempre il mistero su quale sarà la prossima, cerchiamo sempre di spiazzare i nostri affezionati clienti. Qual è dello stile dei vostri accessori? D: Vogliamo fornire al cliente una scelta molto ampia, dall’animale, passando alla recentissima collezione che abbiamo fatto di ispirazione medievale con croci, angeli, riproduzioni di vetrate. La prima collezione è stata quella delle caramelle resinate, che tra l’altro quest’anno abbiamo riprodotto in un’edizione limitata. Abbiamo sempre indagato il mondo del gioco, dell’ironia, dell’infanzia perché noi crediamo che il mondo della moda non debba essere qualcosa di grigio e di comunque limitante per la persona, ma invece di possibilità, di grande espressione e con i colori dei nostri accessori riusciamo a esprimere la personalità di ciascuno. Un’altra collezione che ha spopolato è stata la collezione Wild Wild Zoo composta da animaletti un po’ sezionati e poi trasformati in anelli fashion e collane, questa collezione ha avuto tanto successo tant’è che Vladimir Luxuria ha indossato in tutte le puntate dell’Isola dei famosi i nostri accessori. La terza collezione, Zushiiland, è un po’ il riassunto delle prime due collezioni. Da dove nasce il nome, come vi è venuto in mente di chiamarvi così? D: In realtà il nome è ispirato un po’ al Giappone, un po’ a Madonna, agli anni Ottanta e vuole rappresentare la stranezza. Poi, in seguito ad un consulto con una nostra risorsa che ha studiato lingue orientali, abbiamo scoperto che la parola zushii può avere tantissime accezioni ed una di queste è, neanche a farlo apposta, i ‘disegni del pensiero’ e quindi il libero sfogo all’immaginazione. Come reperite dei materiali così singolari? D: Abbiamo diversi fornitori che sono top-secret per consentirci la replicabilità, tutti i nostri accessori, salvo alcuni casi che sono pezzi unici, sono riproducibili e quindi siamo un vero e proprio brand che ha una vera e propria collezione con un ordinativo. I nostri produttori sono variegati e diversificati perché le nostre collezioni sono anch’esse molto eterogenee. Ovviamente poi abbiamo anche un laboratorio che assembla i pezzi secondo la nostra direzione creativa. Qual è la vostra fonte di ispirazione? D: In realtà sono io principalmente il motore delle idee creative e non ho una particolare ispirazione, queste idee malsane o comunque fulminanti mi vengono così… Magari sono per strada e mi viene l’idea… poi sicuramente conoscere nuove persone, girare, io sono stato per tanti anni a Berlino e ho viaggiato molto, sono appassionato di fotografia, produco centinaia di scatti, web designer e grafica, sicuramente influisce… Credo che in parte la mia storia personale mi abbia portato ad avere queste idee un po’ frutto di elementi passati che si ricombinano nel nuovo. I vostri accessori sono anche apparsi in tv… Sì abbiamo fornito gli accessori per alcune trasmissioni tv tra cui X-Factor: l’anno scorso li ha indossati Arisa, quest’anno un po’ tutti i concorrenti, Chixi ha indossato il nostro anello panda. Abbiamo dato gli accessori al nuovo programma School of Glam in onda su Sky e in una puntata una nostra maglietta è stata l’outfit vincente, perché abbiamo fatto anche una flash collection di magliette e pochette per il Fuori Salone 2011 nell'ambito del progetto espositivo di COOL HUNTER Italy, che abbiamo stra-venduto. L’ anticipazione-mega è che Vladi (Vladimir Luxuria) torna in tv con un programma su La7 che si chiama Fuori di gusto che andrà in onda tutti i sabati e, siccome abbiamo ormai un rapporto di amicizia, ci ha chiesto di fornirgli tutti gli accessori per le venti puntate che saranno a tema alimentare perché sarà un programma di cucina. Zushii ci piace, stimola la nostra fantasia e ci fa sognare… Dove possiamo trovare i vostri accessori? Ci stiamo espandendo sul territorio e abbiamo alcuni punti vendita a Milano: Pretty in corso San Gottardo, DB Living a Repubblica, Fiorucci in San Babila; poi abbiamo un punto vendita a Padova, Mon Toutou, uno a Como, Angela Pozzuoli, un punto vendita a Torino, Sayang Ku di Serena Ciliberti, e ad Aprica Foto Ottica Micheli. Tra poco metteremo anche lo shopping online.

Noi di Nerospinto amiamo il mondo fantasioso e colorato di Zushii e le sue creazioni shabby chic perché attraverso questi accessori rievochiamo la nostra sfera giocosa e fanciullesca.

http://www.zushii.com twitter facebook

www.korrokontro.com

Pubblicato in Lifestyle
Pagina 4 di 4

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.