CHIAMACI +39 333 8864490

Un incredibile appuntamento ti aspetta Sabato 15 Febbraio 2014 all’Anteo spazioCinema. Carlo Verdone diventa per un giorno insegnante e tiene una lezione di cinema.

Dopo la proiezione del film “Sotto una buona stella”, il regista romano Carlo Verdone tiene una lezione svelando i retroscena di un mondo, di un’arte e di un linguaggio nei quali lui è immerso. Il famoso attore e regista ha iniziato nel 1977 con lo spettacolo di cabaret “Tali e quali”, messo in scena al Teatro Alberichino di Roma. All’inizio degli anni Ottanta l’amico Sergio Leone si propone come produttore del suo primo lungometraggio, “Un sacco bello” (1980), la sua interpretazione nel film gli vale il David di Donatello come miglior attore esordiente. Succedono incredibili successi come “Bianco, rosso e Verdone”, “Borotalco” e “In viaggio con papà” diretto da Alberto Sordi, suo maestro dichiarato e fonte d’ispirazione. Il suo film più famoso è sicuramente “Compagni di scuola”. Nel corso della sua carriera ha vinto molti premi tra i quali il Nastro d’Argento. Il regista e attore romano conta nella sua esperienza non solo opere nel mondo cinematografico ma anche libri, partecipazioni a programmi televisivi e radiofonici ed esperienze come registra nel teatro lirico.

Il film “Sotto una buona stella” analizzato da Carlo Verdone narra la storia di una famiglia: Federico il padre di famiglia ha divorziato dalla moglie quando i figli erano ancora piccoli. Si presenta come un padre attento ai bisogni famigliari ma a causa del lavoro, presso una holding finanziaria, assente.  La morte improvvisa della ex moglie e uno scandalo finanziario sconvolgono la vita di Federico. Non potendo più permettersi l’affitto della casa dei figli, è costretto a ospitarli in casa propria. Gemma, la compagna di Federico, spaventata dai figli e dalla nuova vita affollata e caotica scappa. A portare un po’ di serenità nella vita della famiglia sarà Luisa, la vicina di casa gentile e simpatica che fa il mestiere la “risanatrice di azienda”.

La lezione di cinema è inserita nel progetto OffCine, frutto della collaborazione tra Anteo spazioCinema e Istituto Europeo di Design. L’incontro è moderato da Andrea Morandi.

Un occasione da non perdere per tutti gli appassionati di cinema e di Carlo Verdone!

 

LEZIONE DI CINEMA CON CARLO VERDONE

Anteo spazioCinema

Via Milazzo 9 Milano

INFO: 02.4391276902.43912769 www.spaziocinema.info / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sabato 15 febbraio 2014

Ore 9.15

Proiezione del film SOTTO UNA BUONA STELLA Biglietti € 5,00 in vendita presso le casse o su www.spaziocinema.info

Ore 11.00

Lezione di cinema con il regista Carlo Verdone Ingresso libero previa prenotazione al numero 0243912769 int. 3 (Orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18)

Call
Send SMS
Add to Skype
You'll need Skype CreditFree via Skype

A Como ritorna Europa in versi, la quarta edizione del festival di poesia organizzato da La Casa della Poesia di Como.

Sabato 22 Marzo, a partire dalle 14.15 si terrà a Villa del Grumello a Como l’attesa “Europa in versi. Il suono e il senso: un’origine comune”.
La quarta edizione di questo festival è caratterizzata dall’unione di poesia e musica in un insieme armonico di parole e suoni. Ritmo, armonia e suono sono gli elementi che legano questi due linguaggi.
Al pubblico è fornita la possibilità di recuperare, capire e apprezzare le analogie e le differenze che caratterizzano questi due ambiti dell’arte.
Come nelle edizioni precedenti saranno invitati a leggere le loro poesie alcuni tra i più famosi poeti contemporanei italiani, come Giuseppe Conte, Ida Travi e Mario Santagostini. Ma non solo, ci saranno ospiti internazionali: Luisa Castro, Josè Marìa Micò, con il recital “Caleidoscopio” (poesie musicate dall’autore e interpretate dalla cantante Marta Boldù), Juan Vicente Piqueras che reciterà le sue poesie accompagnato dal violino del famoso musicista Jamal Ouassini e il poeta João Carlos Nunes Abreu dalla Penisola Iberica; Doris Kareva dall’Estonia; Tuğrul Tanyol dalla Turchia; Andrey Alyakin e il grande poeta, traduttore e critico letterario Evgenij Solonovich dalla Russia. Nella sezione dedicata ai giovani poeti saranno presenti Anna Belozorovich e Laura Di Corcia.
A introdurre il festival ci saranno personaggi di spicco del mondo della cultura italiana tra cui Giovanni Tesio, filologo e critico letterario e Maurizio Cucchi, poeta. Interverrà inoltre Vincenzo Guarracino, critico letterario.
Mario Santagostini come nelle edizioni passate terrà una “Bottega di poesia” per tutti quelli che desiderano un parere gratuito e preziosi consigli sui loro versi. Per partecipare alla bottega di poesia è necessario iscriversi telefonando al numero 344.0309088344.0309088, alle 14.30 e dalle 20.30 alle 22.00 dal lunedì al venerdì, oppure via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Per avvicinare anche il pubblico dei più giovani, “Europa in versi” farà leva sulla sensibilità nei confronti di due linguaggi che per i giovani suscitano emozioni e stimolano curiosità intellettuale. Questa edizione del festival coinvolgerà anche i Docenti e gli allievi del Conservatorio “G.Verdi” di Como: gli studenti del Dipartimento di Musica Elettronica riprodurranno brani acusmatici composti sul timbro della voce di ciascun poeta, mentre quelli dei corsi di Musica Classica eseguiranno brani liederistici. Il coro diretto dal giovane Direttore d’Orchestra e compositore Alessandro Cadario interverrà all’evento e saranno cantati brani di musica lirica interpretati dal soprano Consuelo Gilardoni.
A completare l’evento ci saranno cicli di lezioni sulla poesia e sulla musica dedicati agli alunni delle scuole superiori della città, che termineranno con il tradizionale incontro tra gli studenti e i poeti che partecipano al festival.
Saranno coinvolti nell’organizzazione del festival gli studenti dell’Università dell’Insubria che avranno il compito di accogliere i poeti e il pubblico. L’organizzazione dell’evento è a cura di Laura Garavaglia e Camilla Malfanti.L’ingresso all’evento è gratuito.
Il 22 Marzo 2014 vi aspetta un festival ricco di spunti e iniziative, non mancate!

 
Europa in versi
IV edizione
 
22 marzo 2014
Villa del Grumello, Como
INFORMAZIONI E CONTATTI:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. +39 344.0309088 +39 344.0309088 (dal lunedì al venerdì dalle 13.30 alle 14.30 e dalle 20.30 alle 22)
Indira Fassioni
Arriva a Milano l’ultima parte della trilogia di Neil LaBute. Reasons to be pretty segue infatti altri due spettacoli dell’autore americano: The Shape of Things (La forma delle cose) del 2001 e Fat Pig (Grasso come un maiale) del 2004.

Una feroce ed esilarante commedia sull’amore e sull’importanza di avere fiducia in amore è in scena al Teatro Menotti di Milano dall’11 al 23 Febbraio 2014.  “Pretty – un modo per essere carini” è una produzione della compagnia Gli Ipocriti, la regia è di Fabrizio Arcuri, a vestire i panni del protagonista è il bravissimo Filippo Nigro, in scena con Fabrizia Sacchi, Giulio Forges Davanzati, Dajana Roncione.
Il tema dello spettacolo è l’ossessione per la bellezza nei rapporti personali e amorosi. Il testo pone l’accento sugli impulsi più oscuri dell’uomo con crudeltà e risate, tra chiacchere e incomprensioni.
Sul palco due coppie di amici: Greg e Steph, Kent e Carly. Lo spettacolo inizia con un furioso litigio tra la prima coppia. Il motivo del litigio è la conversazione che Greg ha avuto con il suo amico e collega Kent, una conversazione nella quale confessa che la sua fidanza è “normale” ma che non la cambierebbe per nessun motivo al mondo. Ad ascoltare la conversazione tra i due amici c’è Carly che non riesce a resistere a non dire niente alla sua amica Steph. Ne conseguono gravi incomprensioni e malumori; Steph, personaggio irascibile e polemico, non riesce a sopportare di stare con un uomo che non la considera bella e chiude la sua relazione con Greg.
Questo è l’inizio di una serie di tradimenti, litigi, incomprensioni, segreti e intrighi.
LaBute con la sua capacità di leggere e comprendere le sfaccettature dell’animo umano mette in scena il mondo di oggi. Attraverso dialoghi naturali e conversazioni leggere rileva la natura individualista dei rapporti personali, l’egoismo dei personaggi e la superficialità delle relazioni umane. L’apparenza, fondamentale nel mondo d’oggi per il successo ed utilizzata come metro di giudizio, diventa anche importante e dominante nella vita di coppia.

Una commedia audace e attuale vi aspetta al Teatro Menotti di Milano!

 
PRETTY - UN MOTIVO PER ESSERE CARINI
Teatro Menotti – Via Ciro Menotti 11, Milano
Orari spettacolo: martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 21.00 – mercoledì ore 19.30 - domenica ore 17.00 Orari biglietteria: dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00 – sabato dalle 16.00 alle 19.00
BIGLIETTERIA
Teatro Menotti, via Ciro Menotti 11 - Milano tel. 02 3659254402 36592544Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.tieffeteatro.it
PREZZI
Intero: 25,00 €*
Ridotto >65 anni: 12,50 €* (residenti a Milano)
Ridotto <25 anni: 15,00 € * (residenti a Milano)
Ridotto <14 anni: 12,50 €
*prevendita 1,50 euro
ABBONAMENTO PRIME: 11 prime a 100 € con posto fisso
ABBONAMENTO POMERIGGIO: 6 spettacoli a 60 euro, vale sulle repliche di mercoledì e domenica.
Una novità assoluta, sfornata nel territorio campano, sta affacciandosi nel mondo Indie-Rock/A-Punk: i The Burlesque.

L’anteprima del loro primo video singolo “Young Love” è l’occasione per conoscere questa nuova band.
I tre ragazzi di Portici si ispirano alle tendenze di oltreoceano, a band come Strokes, Franz Ferdinand, i primi Killers, i Kings of Leon, i Cribs e i Virgins.
Il gruppo esordiente, formato da Fabio Atteo alla voce e chitarra, Peppe Casciano alla batteria e Dario Menna al basso, nonostante i soli due anni di vita ha già importanti uscite sul palco (hanno aperto il concerto dei 99 Posse ad Ercolano, hanno condiviso il pubblico con Linea 77 e sono arrivati finalisti al Nano Contest 2011 e al Pummarock Festival Contest dell’anno scorso) e un’esperienza di serate unplugged nei locali.
Dal 5 febbraio 2014 è on line “Young Love”, il primo video singolo del trio Indie-Rock.
Il free-download è in esclusiva su Freakoutmagazine.it a questo indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=eIKv69O-5EU
Il videoclip è stato scritto e diretto da Luigi Reccia, Alessandro Oricchio, Giovanni Muzio, Dario Menna, Fabio Atteo.
Il singolo anticipa il debut album “Cheap and Kool”.
Il gruppo ha scelto di comunicare direttamente con la lingua madre dei gruppi che gli hanno ispirati al contrario di band nazionali come Le Strisce che nello stesso panorama indie-rock prediligono la lingua italiana.

Per gli appassionati del genere, per chi vuole scoprire qualcosa di nuovo, per chi vuole ascoltare un suono fresco ed energico non resta che scaricare gratuitamente il singolo Young Love.

Dal 20 Marzo al 31 Agosto 2014 una doppia temporanea sulla pittrice messicana Frida Kahlo attende tutti gli appassionati d'arte alle Scuderie del Quirinale di Roma e al Palazzo Ducale di Genova.

I capolavori di una della più famose artista del Novecento provenienti dai principali collezionisti, le opere chiave appartenenti a raccolte pubbliche e private in Messico, Stati Uniti, Europa arrivano nelle due sedi espositive italiane per mostrare il talento e la straordinaria vita della pittrice messicana e del marito Diego Rivera, anch'egli pittore moralista.
Oltre ai favolosi dipinti la mostra permetterà di ammirare una sezione di ritratti fotografici realizzati negli anni Trenta e Quaranta, tra cui quelli realizzati da Nickolas Muray negli anni quaranta.
La mostra romana, alle Scuderie del Quirinale, indaga sulla figura della pittrice e il suo rapporto con i movimenti artistici dell'epoca, dal Modernismo messicano al Surrealismo internazionale, analizzandone le influenze sulle sue opere.
La mostra genovese, Frida Kahlo e Diego Rivera, a Palazzo Ducale, analizza l'universo privato di Frida, un universo di grande sofferenze. La mostra sottolinea come l'amore per il marito e le sue esperienze biografiche hanno lasciato delle tracce importanti nella sua produzione artistica.
Le sue opere oltre a raccontare la sua vita contengono tracce della storia e dello spirito del mondo a lei contemporaneo, sottolineano importanti trasformazioni sociali e culturali precedenti alla Rivoluzione messicana.
La sua figura è diventa un'icona a livello mondiale, un'icona della femminilità, della passionalità, della forza e della determinazione di cambiare il corso della storia.
La mostra intende presentare e approfondire la produzione artistica di Frida Kahlo nella sua evoluzione, dagli esordi della Nuova Oggettività e del Realismo magico alla riproposizione dell'arte folklorica e ancestrale, dai riflessi del realismo americano degli anni venti e trenta alle componenti ideologico-politiche ispirate dal murassimo messicano. Il grande numero di autoritratti suggerisce l'importanza del tema dell'autorappresentazione in questa mostra.
Come il catalogo ragionato dell'artista del 1988, anche il catalogo di questa mostra e la sua progettazione sono affidati alla cura di Helga Prignitz-Poda, specialista di Frida Kahlo.
Una mostra unica che unisce l'arte e la vita personale di una artista eclettica, una mostra da non perdere vi aspetta a Roma e Genova!

 

Mostra di Frida Kahlo

Scuderie del Quirinale, Roma
Roma, Via XXIV Maggio 16 Bus: n.40, 64, 640, 70, 170, H fermata Nazionale/ Quirinale Metro: Linea A fermata Barberini Metro: Linea A fermata Repubblica

Costi del biglietto: intero € 12.00, ridotto € 9.50

Ridotto valido per giovani fino a 26 anni, adulti oltre i 65 anni, insegnanti in attività (esclusi professori universitari), gruppi convenzionati, forze dell'ordine e militari con tessera di riconoscimento.

Biglietto on-line: diritto prevendita: € 2.00

La biglietteria chiude un'ora prima della chiusura delle scuderie del Quirinale.

Numero di telefono: 06 399 67 50006 399 67 500
Palazzo Ducale, Genova
Piazza Matteotti 9, Genova Tel. +39 010 5574000+39 010 5574000
Biglietteria e accoglienza: tel. 010 5574065010 5574065
Call
Send SMS
Add to Skype
You'll need Skype CreditFree via Skype

Prima Milanese dello spettacolo Eros e Thanatos di Serena Sinigaglia, tra le registe più apprezzate della scena italiana, al Teatro Ringhiera.

 

Da Giovedì 27 Febbraio a domenica 9 Marzo sarà in scena uno spettacolo unico con un cast talentuoso che comprende Sax Nicosia, Serena Sinigaglia e Sandra Zoccolan.

Eros e Thanatos racconta la passione della regista per i classici del teatro greco, per quelle parole antiche che non accaddero mai ma furono sempre.

Sinigaglia racconta, traduce, collega, suggerisce, cerca; gli attori che sono con lei sul palco agiscono, recitano, per restituire la forza irresistibile di quelle parole antiche.

I classici per l’autrice, che si descrivere ferocemente bisognosa di “fare esperienza” di cultura, ristabiliscono il giusto rapporto tra l’umano e l’eterno.

 

Con la rappresentazione il pubblico potrà viaggiare dentro le vicende di Baccanti di Euripide, uno spettacolo che l’autrice mise in scena quasi vent’anni fa.

Lei ci racconta la sua esperienza e come questo viaggio l’ha portata a creare Eros e Thanatos: “Fu un’esperienza straordinaria, che mi ha segnato come artista e come persona. Niente è stato più come prima dopo quel viaggio. Sentivo da tempo il bisogno di ripercorrerlo e di condividerlo. L’occasione si è presentata qualche mese fà, quando l’università di lettere antiche di Verona mi ha chiesto di preparare qualcosa sui classici, “a modo mio”. “A modo mio” perché non è la prima volta che mi confronto con questo genere ibrido che non è una conferenza, non è uno spettacolo, è qualcosa di diverso, particolare, sempre molto bello e intenso, almeno per me. Da anni, infatti, giro per i teatri con una conferenza-spettacolo su Shakespeare (l’altro mio autore preferito) e l’anno scorso ne ho preparata un’altra sui temi del nazional-popolare e della televisione.”

In tutti i suoi lavori intreccia fatti “personali” a fatti “storici” e a testi “classici”. Tutto si svolge su un piano di analogie continue, rimandi, collegamenti possibili, a volte del tutto casuali, che però si rivelano illuminanti.

 

Cosa cerca di raccontare la regista nel suo spettacolo?

“In “Eros e thanatos” parto dalla tragica morte del mio migliore amico per arrivare all’urlo terribile di Achille di fronte alla morte di Patroclo. Questo il prologo. Poi, attraverso la rievocazione del mio esame di greco alla maturità, arrivo alle agognate vacanze in Grecia, all’incontro casuale con i profughi albanesi che, proprio in quel momento, primi anni ’90, scappavano a migliaia dal proprio paese. A quel punto l’incontro con “Baccanti”, la possibilità davvero fortunata di metterlo in scena per il Festival dell’Olimpico di Vicenza, la decisione di andare in Albania per trovare il coro, tutta l’incredibile avventura mia e della compagnia nell’Albania di allora, il ritorno in Italia, lo spettacolo al festival, e naturalmente il mio impatto con due figure straordinarie quali Dioniso e Penteo nel testo di Euripide. Baccanti è l’ultimo testo della tragedia attica, con esso si chiude per sempre il grande ciclo della cultura ateniese. E’ un testo che non finisce di illuminarci e di porci nel cuore delle contraddizioni dell’uomo e delle sue società. Il finale l’ho affidato ai miei due attori e ad Euripide: vediamo Agave con la testa mozzata del figlio Penteo arrivare alle porte di Tebe e chiamare il padre, Cadmo, perché gioisca di quella che, nella sua follia, considera una grande impresa di caccia. Nell’urlo di dolore di Agave, quando il padre riesce a farla rinsavire, c’è l’urlo di un’intera civiltà, che, senza accorgersene, finì per autodistruggersi. Come a dire: se solo aprissimo i nostri occhi prima dell’irreparabile, sapremo evitare lutti e dolori. Invece, troppo spesso accecati dalle nostre meschinità, non vediamo la rovina che si abbatte su di noi, inesorabile. Un monito lanciato 2500 anni fa per tutti noi. Un monito, che, non so voi, ma io vorrei cercare di ascoltare. Per ora, intanto, cerco di raccontarlo.”

 

 

Eros e Thanatos

Dal 27/02 al 9/03

 

Teatro Ringhiera

Piazza Fabio Chiesa Via Pietro Boifava 17 / Milano MM2 Abbiategrasso / Tram 3 - 15 / Bus 79

 

Orari: da giovedì a sabato ore 20.45 / domenica ore 16.00

Prezzi: € 15, under 26 € 10, over 60 € 7.50, convenzioni € 12

 

Telefono Biglietteria 02 84892195 mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (aperta un'ora e mezza prima degli spettacoli)

 

Il trend di questo periodo, il cibo, arriva anche al Museo Interattivo del Cinema con una rassegna cinematografica dal tema culinario.

 

Dal 14 al 24 Marzo presso MIC ci sarà “Lo spazio dell’anima in cucina”, una serie di proiezioni dedicate all’arte culinaria come espressione della complessità e creatività umana, e al cibo, il tema protagonista dell’Expo 2015 a Milano.

La rassegna inizierà con Big Night, opera prima di due attori passati alla regia dove i paradisiaci piatti del menù sono i veri protagonisti. Seguirà il documentario El Bulli: cottura in progress, focalizzato sul processo di creazione del menù del ristorante stellato El Bulli e Roses (Spagna), dove lo chef spagnolo Ferran Adrià si concentra sulla ricerca e sulla sperimentazione d’avanguardia in cucina.

La giornata di Venerdì 14 inizierà con la prima proiezione alle 16, la seconda alle 18. Terminate le proiezioni sarà servito un happy hour agli ospiti.

Molti sono i titoli della rassegna. Domenica 16 Marzo sarà proiettato “Jiro e l’arte del sushi”, dedicato alla vita di Jiro Ono, stilista ed esteta nell’arte del sushi, di cui è considerato il più grande cuoco del mondo. Il film narra la vita privata e professionale dell‘85enee titolare dello “Sukiyabashi Jiro” un sushi-bar di soli 10 posti, situato in una stazione della metropolitana di Tokyo. Nonostante le sue umili apparenze, Sukiyabashi Jiro è il primo ristorante del suo genere a cui sono state assegnate tre stelle dalla prestigiosa Guida Michelin: gli amanti del sushi, infatti, arrivano qui in pellegrinaggio da tutto il mondo, chiamando con mesi di anticipo e pagando consistenti somme pur di ottenere un posto nel locale di Jiro.

Mercoledì 19 Marzo alle ore 15 si potrà assistere alla visione di “Oma & Bella”, intimo ritratto di due donne anziane, accomunate dall’esperienza dell’olocausto, ma soprattutto dall’amore per la cucina tradizionale ebraica. Alle 17 seguirà “Soul Kitchen”, una strepitosa commedia multietnica speziata dal regista turco-tedesco Fatih Akin.

Venerdì 21, Domenica 23 e Lunedì 24 per chi si è perso le prime visioni ci saranno le repliche di questi gustosi film.

 

Un’appuntamento per gli appassionati di cinema ma non solo, per i golosi, per chi ama la cucina e il cibo, per chi è incuriosito e per chi vuole apprendere nuove informazioni sull’argomento che farà da protagonista dell’Expo 2015.

Nerospinto consiglia di non perdersi la rassegna “Lo spazio dell’anima in cucina”.

 

 

 

MIC – MUSEO INTERATTIVO DEL CINEMA

Viale Fulvio Testi 121, Milano

LO SPAZIO DELL’ANIMA IN CUCINA

 

Info

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cinetecamilano.it

T 02 8724211402 87242114

 

MODALITÀ D’INGRESSO ALLE PROIEZIONI

Biglietto d’ingresso intero: € 5,50

Biglietto d’ingresso ridotto: € 4,00

Biglietto d’ingresso adulto + bambino: € 6,o0

Call
Send SMS
Add to Skype
You'll need Skype CreditFree via Skype

Torna in Italia, dal vivo, Peter Hook con i The Light e celebreranno il trentennale di una della band più famose e importanti nello scenario musicale Wave anni '80: i New Order! Gli avevamo già visti in Italia presentare i primi due album dei Joy Division, prendere il manto di Ian Curtis e riproporre brani ormai immortali.

Ora il fondatore e bassista dei Joy Division e fondatore, cantante e bassista dei New Order presenta i primi due album dei New Order che hanno definito il sound di tutte le band che si sono confrontate con synth ed elettronica nei successivi 30 anni. "Movement" e "Power, Corruption & Lies" definiscono un momento chiave della musica British. Grazie a questi due album i New Order di Peter Hook entrano nell'Olimpo delle New Wave assieme a Duran Duran e Spandau Ballet, rappresentando il lato art rock contrapposto al pop da MTV delle due sopraccitate band.

Peter Hook è rimasto fedele alla musica, al rock and roll e ai vecchi tempi, anche con la sua nuova band, The Light, facendo il DJ per il mondo con la FAC 51 The Hacienda e anche come autore di due libri sulle sue esperienze all'Hacienda e con la sua prima band, i Joy Division. A prescindere dall'influenza dei New Order, i Joy Division e la Factory Records, Peter Hook continua ad essere citato come fonte di ispirazione da innumerevoli band contemporanee, come The Killers, The Chemical Brothers e Hot Chip.

L'artista ha permesso il download gratuito 'Peter Hook & The Light - Heart & Soul - Live at Christ Church Macclesfield su http://peterhook.get-ctrl.com/#/music/tracks/the-light-heart-sould.

In apertura di ogni show italiano Peter Hook e i The Light presenteranno anche 'Slaves of Pleasure', un personale tributo ai Joy Division, suonando i brani più noti della band di Ian Curtis e dello stesso Peter Hook.

Un concerto imperdibile che racconta la storia della musica Wave riportata dal suo principale interprete.

 

 

PETER HOOK & THE LIGHT

Lunedì 17 Febbraio 2014

Circolo Arci Magnolia, via Circonvallazione Idroscalo, 41 - Segrate (MI)

Info: www.circolomagnolia.it

 

Mezzi pubblici: Autolinea N. 73 San Babila M1-Linate Aerop.-S.Felicino

 

Apertura cancelli: 21:00

Inizio spettacoli: 21:30

Ingresso: 20,00 euro + Tessera ARCI

Prevendite "riservate ai soci ARCI" disponibili su: www.ticketone.it | www.mailticket.it

 

 

Nerospinto vi segnala i concerti imperdibili di febbraio, gli appuntamenti musicali ai quali sarebbe un peccato mortale mancare e che riscalderanno le vostre giornate più fredde.

Prendere carta e penna  o segnateli sull'agenda, pronti? Partiamo!

 

 

Febbraio 2014- Concerti

 

Depeche Mode

18: Torino (Palaolimpico)

20: Milano (Forum di Assago)

22: Bologna (Unipol Arena)

 

Peter Hook & The Light

17: Milano (Arci Magnolia)

18: Roma (Atlantico Live)

19: Roncade -TV (New Age Club)

 

Anna Calvi

21: Torino (Hiroshima Mon Amour)

22: Bologna (Estragon)

24: Roma (Auditorium Parco della Musica)

25: Brescia (Teatro Grande)

 

Moderat 

22: Milano (Alcatraz)

 

Simple Minds

25: Milano (Alcatraz)

 

Babyshambles

27: Milano (Alcatraz)

 

Editors

28: Bologna (Unipol Arena)

 

All Time Low

28: Milano (Magazzini Generali)

La band pop punk statunitense si esibirà in Italia anche il 1 marzo (Bologna, Zona Roveri) e il 2 presso il Club Orion di Ciampino (Roma)

 

Bloody Beetroots Dj Set

28: Roma (Spazio 900)

Sir Bob Cornelius Rifo si esibirà anche il 1 marzo a Bergamo (Bolgia) e l'8 al Muretto di Jesolo (Ve)

 

Restate sintonizzati per essere informati sui concerti del mese di marzo!

 

Per maggiori informazioni:

www.ticketone.it

www.circolomagnolia.it

www.magazzinigenerali.it

www.spazionovecento.it

www.bolgia.info

www.ilmuretto.net

www.hiroshimamonamour.org

 

Due concerti a Bologna e Roma in febbraio

 

C'è chi si nutre di cliché (musicali): elettronica, rock, pop e così via. Poi è arrivato il crossover:  andare oltre, sfondare i muri e le barriere di genere. Alcuni di voi rabbrividiscono nel sentire associare il nome di Trentmoller al crossover. E' naturalmente una provocazione. Di sicuro T è nel novero degli artisti che travalicano i generi mostrandosi per quello che sono: alchimisti della musica.

 

Indubbiamente i suoi primi passi significativi nascono nell'alveo della house-trance, cassa in 4/4, suoni ipnotici e rave culture, figlia degli anni '90, tanto psicotropa. Al contrario di molti suoi colleghi dj e producer che iniziano la loro carriera nei dancefloor e lì restano, l'artista scandinavo da ormai quasi un decennio porta avanti un percorso assai personale nella (re)interpretazione degli stilemi digitali.

 

Non solo la raffinatezza della architetture ritmiche, ma anche la sensibilità nel calibrare arrangiamenti e pennellate melodiche, a comporre strutture musicali lontane dai luoghi comuni della musica elettronica con la cassa in quattro, lo rendono subito un fenomeno a sé, raccogliendo i favori di un pubblico assai trasversale.

 

I suoi tre album (“The Last Resort”, 2006; “Into The Great Wide Yonder”, 2010; “Lost”, 2013) disegnano una progressiva ascesa verso un microcosmo sonoro personalissimo, dove ogni particolare è cesellato con cura assoluta e dove l'equilibrio dinamico diventa quasi un esercizio zen, il tutto con una ricchezza espressiva ed emozionale davvero rara. Anche il regista Pedro Almodovar ne è rimasto sedotto, come testimonia l'uso della traccia “Shades Of Marble” nel trailer e nella colonna sonora del film “La pelle che abito”; così come ne sono rimasti sedotti i Depeche Mode, che hanno voluto il live set dell'artista danese in apertura alle date europee del loro “Delta Machine Tour”.

 

Un live set, quello di  Trentemøller, che rende alla perfezione la ricchezza del suo universo sonoro, aggiungendo anche – com'è giusto che sia – ulteriore impatto “fisico” alle sue creazioni. Il tutto evitando rigidamente soluzioni scontate o luoghi comuni, e utilizzando i linguaggi di house, techno e post rock non come riferimenti rigidi ma come piattaforme da cui lanciarsi verso territori onirici e rari da esplorare.

 

24 febbraio 2014– Bologna – Estragon

Biglietto: 15 + d.p.

 

25 febbraio 2014 –Roma –Atlantico

Biglietto: 15 + d.p.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagina 7 di 12

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.