CHIAMACI +39 333 8864490

La camicia bianca. Un classico intramontabile. Un capo che non passa mai di moda. Un must senza tempo che la stilista lituana Indra Kaffemanaite, art director del brand Balossa White Shirt, lanciato due stagioni fa, rivisita con estro moderno, versatile e al contempo elegante. Balossa White Shirt si propone di reinventare e di portare a nuova vita questo articolo che ha tutto: semplicità, comodità, originalità, eleganza. Un capo che fa sempre tendenza! Creare una camicia bianca contemporanea che veste la donna che vive la moda in maniera decisamente innovativa.

La collezione Primavera/Estate 2016 infatti, nasce dalla voglia di sperimentare e invita a non seguire le regole, reinterpretando i canoni tradizionali con tecniche e costruzioni all'avanguardia, dando vita a infinite variazioni sul tema. Balossa, una nuova contemporaneità, un' espressione di stile caratterizzata da giochi di volumi e dettagli audaci, da linee moderne e grafiche. Formali o sportive, morbide o scolpite, e ancora, tagli a sbieco, asimmetrie, drappeggi e ruches sono solo alcuni degli elementi che caratterizzano le 26 camicie della nuova collezione. Il classico colletto e le maniche non le troverete quasi mai al loro posto, "Niente regole e abitudine"- è la filosofia che contribuisce a delineare un look forte e sensuale. La manica che diventa la cintura, la tasca o colletto, libertà di giocare, colletto nella tasca o al posto del volant o sul fondo della camicia. Camicia che diventa un abito o una canottiera, una gonna o un pantalone, o perché no, una tuta. Realizzate con pregiati cotoni italiani, soffici freschi ed estivi con trasparenze sovrapposte. Oltre al bianco anche riflessi di rosa e azzurro! *“La camicia bianca non smette mai di stupirmi. E' l'indumento più pratico, facile, sexy e rilassato che ci sia, al quale voglio dare una nuova vita e un'espressione contemporanea,” afferma Kaffamanaite. Balossa ha ricevuto il premio Inside White edizione di Settembre 2015 che è stato assegnato da Izumi Ogino, designer titolare della maison Anteprima al marchio di camice BALOSSA white shirt.

[gallery ids="47672,47674"]

La camicia bianca rimane un classico intramontabile, un capo che non passa mai di moda e che la stilista lituana Indra Kaffemanaite, art director del Balossa White Shirt, rivisita continuamente in chiave moderna, versatile ed elegante.

Balossa White Shirt, nato due stagioni fa ed oggi in forte crescita, mira a reinventare un capo così classico, dandogli una nuova espressione di contemporaneità e di tendenza. La camicia bianca è sicuramente sinonimo di semplicità, comodità, originalità ed eleganza e Indra Kaffemanaite, vuole permettere a questo capo di vestire una donna che vive la moda in modo innovativo.

Indra Kaffemanaite ha ideato una collezione Primavera/Estate 2016 in cui reinterpreta i canoni tradizionali con tecniche e costruzioni all’avanguardia, che danno vita a ventisei camicie, adatte a donne che amano osare e spiccare.

Lo stile di Balossa è caratterizzato da giochi di volumi, dettagli audaci, linee grafiche, tagli a sbieco, asimmetrie, drappeggi e ruches. In questa collezione il colletto e le maniche non saranno mai dove vi aspettate di trovarli, in linea con la filosofia di Balossa: “Niente regole e abitudine.”

La designer Indra Kaffemanaite confeziona abiti da quando aveva solo vent’anni, prima ancora del suo trasferimento in Italia, avvenuto nel 2005, che le ha permesso di studiare presso l’istituto per modellisti di Carlo Secoli a Milano e di lavorare per i più grandi nomi della moda come Iceberg, Maurizio Pecoraro, Giambattista Valli e molti altri.

Quest’anno, presenta una collezione dove la manica diventa cintura, la camicia diventa un abito o una canotta, o addirittura una tuta, espressione della libertà di giocare con pregiati e freschi cotoni italiani in un perfetto stile italo-giapponese.

Oltre al bianco, la collezione di Balossa presenta riflessi sui toni dell’azzurro e del rosa, così ogni camicia diventa un must da indossare in diverse occasioni, sopra a jeans, gonne, pantaloni morbidi, shorts o addirittura come se fossero degli abiti.

La camicia bianca non smette mai di stupirmi. E' l'indumento più pratico, facile, sexy e rilassato che ci sia, al quale voglio dare una nuova vita e un'espressione contemporanea,” afferma Kaffamanaite, che in questa collezione è riuscita appieno nel suo intento.

Per la sua creatività e per il grande spirito innovativo, Balossa ha vinto il premio Inside White nell’edizione di Settembre 2015, che gli è stato assegnato da Izumi Ogino, designer della Maison Anteprima, conquistato dai tagli e volumi in perfetto stile italo-giapponese.

[gallery ids="47047,47048"]

Info: Indra Kaffemanaite per Balossa White Shirts www.balossashirt.com

Martedì 22 settembre Milano ospita la tanto attesa "Vogue Fashion's Night Out", preceduta da quella di Firenze del 17 settembre. La manifestazione serale dedicata allo shopping, alla sua settima edizione, si prefigge l'obiettivo di festeggiare la moda e di dare impulso all'economia del settore, avvicinando il mondo del fashion al grande pubblico.

L'edizione 2015 "Vogue Fashion’s Night Out", inserita nel calendario di Expoincittà, vede coinvolte anche questa volta centinaia di negozi del centro milanese intorno al quadrilatero della moda, da via Montenapoleone a via Manzoni, da Corso Vittorio Emanuele a Corso Genova, da via della Spiga a corso Venezia, all'intero quartiere di Brera e Corso Como. Si include Piazza Gae Aulenti e il quartiere di Porta Nuova. Fino alle 23.00 avranno dunque luogo centinaia di eventi cui aderiscono le più note griffe internazionali, negozi storici cittadini e gli store dei giovani brand, tra cocktail, live, celebrity e dj set.

«Un appuntamento che celebra il profondo legame tra Milano e la Moda facendo partecipe di questa festa tutta la città e i suoi abitanti» spiega l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Moda e Design Cristina Tajani, la quale seguita «La 'Vogue Fashion’s Night Out', è insieme l’occasione per valorizzare un settore produttivo trainante per il nostro territorio e per connettere il mondo della moda con la città senza dimenticare l'importanza della ricerca.». In alcuni negozi infatti, sarà possibile acquistare le limited edition, Il cui ricavato sarà devoluto alla ricerca dell'Istituto Monzino sulla malattie cardiovascolari, prima causa di infermità per le donne dopo il tumore al seno.

|||

La struttura, realizzata in legno, acciaio e vetro, ha le sembianze di un gigantesco seme e può ospitare fino a 700 persone.

In occasione della Fiera White Trade Show, il team di Chapeau Shoes arriva a Milano ed è lieto di invitarvi sabato 20 giugno al Caffè Pascucci, alla presentazione della nuova collezione delle scarpe più cool del momento!

L’azienda Chapeau, è una piccola startup artigiana che ha la sua sede legale nella provincia di Bologna, è gestita da da tre ragazzi: Matteo Minezzi, Giacomo Bencivenni ed Alessandro Cappi.

I giovani imprenditori hanno seguito e monitorato l’evoluzione delle tendenze in modo da creare calzature competitive, unisex per tutti. La cura dei particolari e l’attenzione per la qualità delle materie prime è fondamentale e questi tre ragazzi hanno un solo obiettivo: vestire milioni di piedi con una scarpa unica, talmente speciale che chi l’ammira si toglie il cappello esclamando: CHAPEAU!

Nella meravigliosa cornice del nuovo Caffè Pascucci di Piazza San Babila, i ragazzi di Chapeau vi accoglieranno con un gustosissimo buffet e diversi drink pensati per voi dal Bartender Fabrizio Marangi, grande chimico e cultore dei cocktail LAB derivati da sistemi di miscelazione futuristici.

Per festeggiare questi primi mesi di attività, Chapeau ha deciso di offrire l’aperitivo ai primi 100 ospiti che varcheranno la porta del Caffè Pascucci!

Durante la serata il Fashion Show verrà accompagnato da DJ Patrick Barbieri, originario della Riviera Romagnola, vi farà ballare tutta sera nella stupenda location su tre piani che ospiterà l’evento.

La serata è così suddivisa: 19.30 APERITIF 21.30 FASHION SHOW 22.30 LET’S START TO DANCE

Chapeau Shoes - Dress to Impress Sabato 20 giugno a partire dalle ore 19.30 presso Caffè Pascucci (Corso Europa 22 ang Piazza San Babila, Milano)

 

[gallery type="rectangular" ids="44367,44368,44369,44370,44371,44372,44373"]

Da qualche anno a questa parte, una delle idee regalo che va per la maggiore all’interno dei negozi di qualsiasi genere è proprio la “gift box”: quel cofanetto regalo che al suo interno contiene una vasta gamma di prodotti, o di locations nel caso dei  travel gift boxes, inerenti al tema del regalo che si è scelto di acquistare.

Dalla passione per l’arte e per l’arredamento di Giulia Brusio, designer di interni formatasi all’Accademia di Brera con diploma di Master in Interior Design presso il Politecnico di Milano, nasce oggi un nuovo tipo di “gift box”, che renderà felici tutti coloro che desiderano rinnovare, ristrutturare o ri-arredare la propria casa: il GIULIA BRUSIO GIFT BOX, il nuovo concept legato al mondo del Design.

Questa inziativa, promossa con entusiasmo da Crisalide Press, che ha addirittura indetto un concorso tramite newsletter CHI E CHI, lo scorso 23 aprile 2015, offre due tipologie di scelta il Gift Box restyle, per rinnovare e la Gift Box rebuild, per ricostruire. L’idea è quella di una consulenza a 360 gradi, rivolta al cliente sia per quanto riguarda la riorganizzazione e il rinnovo degli spazi, sia per la ricostruzione nel caso di ristrutturazione totale. Inoltre, per tutti coloro che entreranno a far parte di questo nuovo concept artistico, è riservata una vasta gamma di sconti sui mobili di arredo nelle più prestigiose aziende del settore.

Insomma, Giulia Brusio, una professionista dell’Interior Design e Stylist, cercherà di valorizzare al meglio il vostro spazio, realizzando la casa che avete sempre sognato.

Un’idea originale, creata su misura per tutti coloro che desiderano cambiare  o che debbano ristrutturare la propria casa, un regalo utile e innovativo, pensato per chi ama realizzare  sogni o per chi voglia donarli.

È possibile ricevere i cofanetti ad un prezzo lancio, collegandosi direttamente al sito giftbox.giuliabusio.com, e quindi iniziare subito questo viaggio tra gli arredi e i mobili, che renderà la vostra casa come l’avete sempre sognata.

[gallery type="rectangular" ids="44197,44232,44234,44256,44258"]

Alma Gemelli sarà presente con un nuovo Temporary Store in Piazza Wagner 13 a Milano da lunedì 22 giugno a sabato 18 luglio 2015.

L'artista ha ideato un giovane brand di abbigliamento e accessori che porta il suo nome. Fil rouge della linea di abbigliamento grintosa ed originale è la creatività nella scelta di soggetti accattivanti ed insoliti che indossano motivi floreali intrecciati a sezioni anatomiche del corpo umano.

Presso il Temporary Store sarà possibile scoprire la collezione P/E 2015, come le t-shirt in raso e quelle dalla linea stilizzata Alma Gemelli Sketch, ritrovare alcuni capi della stagione passata e acquistare con sconti del 20% gli articoli nel corner speciale.

Alma Gemelli vive a Pavia. Classe 1989, sin da bambina ha nutrito una vera e propria passione per l'arte. Ha frequentato il liceo artistico e l'Accademia di Belle Arti di Brera. Figura dallo spirito ammaliante e dalla personalità coinvolgente, non le basta la tela, la sua arte si indossa.

Le sue opere hanno un forte impatto visivo ed emotivo, seguono la strada delle emozioni e sono figlie di quell'antico binomio che vede contrapposta la vita alla morte, due protagoniste a cui la storia di ognuno di noi è indissolubilmente legata.

Nei suoi disegni comunica il profondo mistero che avvolge questi due universi contrapposti. Nella collezione questo si traduce in ossa, organi vivi o morti a cui affianca un fiore o un colore: cuori, cervelli, ossi sacri, calle, papaveri, ciliegi.

La collezione comprende t-shirt, canotte e abiti ma anche accessori come borse di ecopelle in varia misura. I materiali sono scelti con grande cura e attenzione.

Indira Fassioni

 

Temporary Store Alma Gemelli lunedì 22 giugno – sabato 18 luglio 2015 Piazza Wagner 13, Milano aperto tutti i giorni 10.30-19.00 www.almagemelli.com

 

 

[gallery type="rectangular" ids="44146,44147,44148"]

Claudia e Francesca, designer e creative del giovanissimo brand AH-OK, un marchio indipendente con base tra Como e Milano. Claudia e Francesca presentano la loro prima collezione: kimono e accessori in seta, stampe bold, spirito un po’ orientale e un po’ nordico. Capi di abbigliamento ed accessori disegnati, progettati e confezionati in Italia.

La loro prima collezione è istinto, spontaneità e gioco. Le stampe sono frutto di sperimentazione: le designer hanno utilizzato rulli, carta strappata e pennelli di varie forme e tipo, per realizzare i disegni. Hanno “giocato” tracciando segni, ritagliando, accostando forme.

Il risultato ottenuto è stato quello che volevano. Nasce così il loro kimono. Un capo senza taglia, quasi un accessorio che si può indossare in modi diversi. Un brand emergente che fa del made in Italy la sua filosofia!

Sara Biondi

[gallery type="rectangular" ids="43548,43543,43544,43547,43546,43545,43542"]

BRICCOLA, giovanissimo brand italiano, nato nel 2012 dall’idea di alcuni amici di Padova, presenta il bracciale dell’estate 2015.

Briccola: un bracciale creato assemblando cima (corda) nautica colorata ad un “grillo”, questo il termine del gancio utilizzato sulle imbarcazioni per tenere le vele in tensione. Briccola racconta una storia. Una storia fatta di legami, di amicizia e di rispetto. Briccola unisce, rafforza legami già esistenti e ne crea di nuovi. Briccola è arrivo in un porto sicuro ma è anche partenza alla scoperta di mondi lontani. “Sono un bracciale semplice, fatto di corda nautica legata ad un grillo, questo il termine tecnico ad indicare il gancio utilizzato sulle imbarcazioni per tenere le vele in tensione. Sono colorato, di quei colori che ti conquistano perché ti ci riconosci subito come allo specchio. Riesco a catturare tutti, non mi indossa mai una persona sola.”

Il brand italiano, nella settimana più esclusiva di Firenze, quando la città diventa “capitale” internazionale dell’abbigliamento ed accessori uomo, con Pitti Uomo 88, sarà lanciato ufficialmente con un BRICCOLA FASHION PARTY, mercoledì 17 Giugno, nell’esclusiva cornice de Lo Spumantino al Pontevecchio, la Lounge del Castello di Verrazzano, azienda storica del Chianti Classico.

Sul Lungarno di Firenze, sarà presentata la collezione Spring-Summer 2015: 11 bracciali, ciascuno con il nome di un vento...11 bracciali Made in Italy e fatti rigorosamente a mano. Per l’occasione, sarà presentata, al pubblico, in anteprima la prima Briccola Bag. Una borsa in sacco di juta, ideale per la spiaggia ma anche per la città…Seguendo il mood dei bracciali, la bag , è impreziosita da bellissime corde colorate e dall'immancabile "Grillo".

Sara Biondi

[gallery type="rectangular" ids="42994,42995,42996"]

Sabato 9 maggio, dalle 10.30 alle 18.30, presso lo show-room di via Primaticcio 160, il gruppo Scia's è lieta di presentare la nuova collezione Primavera-Estate delle borse, made in Italy, MARSI.

Durante l'evento sarà possibile creare e prenotare la propria borsa personalizzata, scegliendo tra decine di combinazioni possibili e approfittando di sconti esclusivi

 

La borsa, si sa, è l’accessorio femminile per eccellenza. Ed è dalla passione per le borse che nasce l’idea di MARSI, il cui nome deriva dall’unione delle due protagoniste, Martina e Silvia, due ragazze giovani di Milano che si definiscono le due facce della stessa medaglia: il buon carattere le lega, le loro personalità le spingono ai lati opposti degli schemi.

Da questo progetto, in cui tanto credono, le due vogliono far emergere sia le loro caratteristiche distintive sia far trasparire ciò che le unisce.

 

La folgorazione arriva tramite la collaborazione con Scia's, azienda di tessuti italiana, e con la scoperta del bottalato. Il tessuto infatti lega una base naturale ad una lavorazione chimica. Nasce cotone al 100% e diventa canvas nel momento in cui viene lavorato sul telaio. Viene poi spalmato con del poliuretano, che rende il tutto idroreppellente e conseguentemente lavabile. La ceratura gli conferisce l'aspetto per così dire vintage e rende questo materiale praticamente indistruttibile. Il bottalato con l'usura si modifica e non si rovina. È un materiale sportivo molto resistente, che può diventare elemento fondamentale per una borsa dalle linee eleganti, così come far trasparire tutta la sua qualità da una borsa per tutti i giorni.

Il concetto di unione evolve nella ricercatezza continua di unicità.

 

Le stoffe e le pelli usate sono interamente made in Italy e vengono trattate da un artigiano che “crea” le MARSI una ad una con grande attenzione ai minimi particolari.

 

Martina e Silvia vogliono che ogni ragazza abbia la possibilità di giocare e divertirsi con le stoffe, le pelli e i colori, imparando a conoscere nuovi materiali. Progettando così una borsa unica che non sarà mai uguale a quella di un’altra donna.

 

MARSI attualmente si appoggia allo Show-Room di Via Primaticcio 160 a Milano, dove ha sede Scia's, l'azienda che ha commercializzato e ideato il bottalato.

 

Tempo d’attesa per ogni borsa: circa 2 settimane.

 

Per Info e prenotazioni

366.3388032

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

[gallery type="rectangular" ids="40892,40891,40890,40889,40888"]

Pagina 1 di 6

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.