CHIAMACI +39 333 8864490

||||||

The Cleaner: la vita e l'arte di Marina Abramović

A Palazzo Strozzi di Firenze, l’esposizione-evento che ripercorre l’attività della pioniera della performance art.

C'è tutto, di Marina, nella retrospettiva in corso fino al 20 gennaio a Palazzo Strozzi. The Cleaner, prima rassegna in Italia dedicata alla controversa artista di origine jugoslava, curata da Arturo Galansino e Lena Essling con Tine Colstrup e Susanne Kleine, ripropone le tappe fondamentali del percorso che ha reso la Abramović artista-simbolo della performance art, celebre ben oltre il circuito elitario dell'arte contemporanea. La settimana dell'inaugurazione, presenziata in varie occasioni dalla stessa artista, ha registrato l'affluenza delle grandissime occasioni.

L’arte e la vita di Marina vita confluiscono, per lunghi tratti, in una linea indistinta, che corre spingendosi oltre i limiti delle convenzioni comuni. Non è mai semplice valutare l'opera d'arte senza lasciarsi influenzare dal giudizio sulla persona del suo autore; nel caso della Abramović è praticamente impossibile. Basti pensare a quando, nel 2002, presso la galleria Sean Kelly di New York, con The House with the Ocean View Marina vive 12 giorni su una struttura sospesa, senza mangiare né potersi nascondere allo sguardo dei visitatori. O, ancora, al rapporto con Ulay, incontrato negli anni '70 e divenuto per lungo tempo compagno di vita e di arte. Con lui Marina viaggia in giro per l'Europa a bordo del van Citroën esposto nel cortile di Palazzo Strozzi (Relation in movement. The Van – 1975-80). Con lui idea e mette in atto esperienze artistiche che si nutrono del loro legame per farsi più intense e originali.

Dagli oli su tela della seconda metà degli anni '60 si arriva alle performance più intimistiche dell’ultimo periodo (come Counting the Rice, un invito a dedicarsi al presente sedendosi a un tavolo e contando i chicchi di riso che ne cospargono la superficie). Si potrà discutere dell'opportunità di far rivivere le performance servendosi dei corpi di altri. La firma di Marina, tuttavia, rimane inconfondibile, anche in coppia con Ulay, e persino nella carne dei performer che ripropongono a turno le sue idee più memorabili. Ad esempio, in piedi, nudi l’uno di fronte all’altro tra gli stipiti di una porta in Imponderabilia (1977, Bologna); oppure riversi su un lurido scheletro d’uomo, nel vano tentativo di ripulirne le ossa, in Cleaning the Mirror (1995).

È una e inconfondibile, Marina, quando penetra gli occhi del visitatore e ne ipnotizza la mente per condurlo oltre, là dov’è il suo terreno di gioco abituale, in uno slancio dello spirito verso ciò che ancora non è stato e che rende tale l'opera d'arte. The artist is present - anche quando non si vede. 

 

MARINA ABRAMOVIĆ. THE CLEANER
PALAZZO STROZZI - FIRENZE
A CURA DI ARTURO GALANSINO, LENA ESSLING
CON TINE COLSTRUP E SUSANNE KLEINE
www.palazzostrozzi.org/mostre/marina-abramovic

 

Isabella Michetti

 

 

 

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.