CHIAMACI +39 333 8864490

|||

Weekend a Firenze: cosa fare e dove mangiare in 48 ore

 Avete 48 ore di fuga dalla routine che vi intrappola nella monotonia invernale milanese? Avete già girato tutta la Lombardia e non ne potete più di mangiare pizzoccheri sul Lago di Como? Non sapete sciare? Niente panico! Prendete il primo treno e recatevi – per un weekend da shogno (cit) – nella oramai vicinissima Firenze, capoluogo toscano e città d’arte e di sapori per eccellenza.

La città dei poeti è infatti distante poco più di un’ora e mezza muovendosi con il treno ad alta velocità, che per altro, se siete viaggiatori abituali, potrebbe avere un costo veramente ridotto. Vediamo una serie di piccoli consigli ed accorgimenti per godere al meglio della città ottimizzando i tempi e i costi.

{loadoposition g1}

Cosa fare il primo giorno   Cercate di arrivare in città verso le dieci di mattina, non più tardi, al fine di poter godere al meglio delle poche ore di luce che l’inverno ci concede. Dalla stazione di Santa Maria Novella, in circa 20 minuti sarete presso il b&b/ albergo/ hotel che avete scelto per il pernottamento. Noi consigliamo vivamente il b&b Corte dei Neri, al numero 6 nero di via dei Neri: in pieno centro storico e dai costi, in questo periodo, veramente ridotti per la posizione e la bontà del luogo (meno di 80 euro per una matrimoniale). Lasciati i bagagli e iniziate ad andare a zonzo per la città, magari facendo tappa al mercato centrale, dove troverete di tutto e di più per deliziare il vostro palato con specialità toscane di ogni tipo (andate di hamburger di chianina o di panino al lampredotto, non ve ne pentirete).

 

  Dopo aver fatto un primo giro, vi consigliamo di recarvi all’Accademia degli Uffizi per godere di uno splendido tour guidato della durata di circa 3 ore. La visita è ovviamente da prenotare qualche giorno prima dell’arrivo a Firenze e ha un costo più alto del semplice biglietto; tuttavia, a meno che non siate esperti di storia dell’arte, avere una guida appassionata che vi racconta passo passo le meraviglie del museo non ha prezzo. Vi consigliamo di rivolgermi a Slow Tour Tuscany (anche tramite Musement) e di chiedere della visita guidata agli Uffizi con Camilla: una giovanissima studentessa di belle arti che saprà accompagnarvi con passione nella vostra visita. Il costo della visita si aggira sui 40 euro variabili a persona.

 

  Dove cenare   Per cena, non fatevi sfuggire un tavolo in uno dei locali più rinomati di Firenze: l’Antica Osteria da Tito. Cibo veramente eccezionale, con nota di merito assoluta per la qualità della carne e del vino. I camerieri sono simpaticissimi, esuberanti al punto giusto e “casinisti”: gente che ama mangiare, bere e stare in compagnia (anche durante il servizio). Il locale non è elegante, ma è giovane – nonostante abbia più di cento anni – caratteristico e particolare: le scritte sui muri infatti vi strapperanno sicuramente una risata. Altra nota positiva il conto: nel nostro caso 60 euro in due mangiando carne e bevendo, con un po’ di sconto. Consigliato per chi cerca una serata fuori dagli schemi, divertente, non eccessivamente dispendiosa e all’insegna della goliardia toscana.

 

Cosa fare il secondo giorno   Continuate a gironzolare per la città, oltrepassando l’Arno su Ponte Vecchio e andando a vedere Palazzo Pitti, pur senza perdere tempo in una visita lunga e costosa, visto che i meravigliosi giardini di Boboli non sono in fiore. Passate oltre, dirigendovi presso piazzale Michelangelo: uno dei panorami più suggestivi della città. Tornate in centro e concedetevi a vostra discrezione una salita su una delle due vette cittadine: la torre di Palazzo Vecchio o la Cupola del Brunelleschi che troneggia sul Duomo. Noi consigliamo la seconda che, tuttavia, è da prenotare qualche giorno prima del soggiorno onde evitare code chilometriche.

 

Fermatevi per pranzo, verso le 14.30 - 15 (prima è impossibile causa coda), all’Antico Vinaio in Via dei Neri per provare i panini più buoni della città, per poi dirigervi alla Basilica di Santa Croce, dove in un ora e mezza e per il costo di 8 euro, potrete visitare la chiesa e apprezzare le opere d’arte e le tombe dei grandi che vi sono sepolti: Galileo, Michelangelo, Machiavelli etc. Santa Croce rappresenta inoltre un’ottima testimonianza di come l’alluvione del ‘66 devastò la città, e di come i fiorentini si rialzarono.

 

Finita la visita a Santa Croce, dirigetevi verso il Museo Casa di Dante dove per circa 4 euro potrete ripercorrere la vita del Poeta in quella che fu la sua casa natale, oggi adibita a museo. Tra i cimeli custoditi, anche la celeberrima maschera funeraria di Dante. In alternativa, consigliamo la visita alla Galleria dell’Accademia dove potrete ammirare, per un costo leggermente superiore, l’originale David di Michelangelo.

 

 

Informazioni e link utili 

 
http://www.cortedeineri.com/it/ - Via dei Neri 11 -  345 3353240 - (+39) 055 2741626
 
 
 
 
 
Marco Lomonaco 
 
 
 
 

 

Redazione Nerospinto

Sito web: www.nerospinto.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

coupon-code-amazon-deal-codici-sconto-amazon

immobili sanremo

Instagram

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

nerospinto

 

 

Direttore Responsabile
INDIRA FASSIONI

Se vuoi scriverle: direttore@nerospinto.it

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.